La Chiesa merita l’otto per mille?

Nella discussione aperta dal Giornale dopo gli ultimi scandali i lettori si schierano con Feltri: il male commesso da pochi è molto inferiore al bene fatto da molti

La Chiesa merita l’otto per mille?

Forse disorientati ma non disillusi. E decisi a sostenere la Chiesa cattolica con lo stesso slancio e la convinzione di prima. Così i lettori hanno risposto a Vittorio Feltri che nell’editoriale di ieri lanciava il dibattito-provocazione: si può continuare ad aiutare il mondo cattolico con il versamento dell’8 per mille dopo gli ultimi scandali che ne hanno appannato l’immagine? Da Don Bancomat ai preti pedofili il direttore del «Giornale» ha messo in fila i fatti, anzi i «fattacci». Ma ha anche sottolineato che sull’altro piatto della bilancia c’è tutto il bene che la Chiesa, vera multinazionale della solidarietà, produce ogni giorno, in Italia e nel mondo. Ecco le prime risposte.

L'INTERVENTO
"Solo i credenti difendono i valori che riguardano tutti"
di Maurizio Gasparri

LA LETTERA
"L'Italia a rischio collasso senza l'aiuto dei religiosi"
di don Norberto Ferretti

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti