Coppia di baby delinquenti presa dopo una rapina e 4 scippi

Coppia di baby delinquenti presa dopo una rapina e 4 scippi

Pugni e calci ad un sedicenne per rapinargli telefono e portafogli. Individuati ed arrestati dai carabinieri, finiscono col pagare anche alcuni scippi che avevano messo a segno qualche giorno prima, ai danni di quattro pensionate. Protagonisti due giovani balordi di 17 e 18 anni abitanti a Baranzate.
L’altra sera verso le 22 notano un ragazzo di sedici anni fermo nei pressi di un parchetto alla periferia del paese. I due bulli gli si avvicinano e subito dimostrano le loro intenzioni criminali. Vogliono i soldi ed anche il cellulare che la vittima ha con sé. I teppisti lo minacciano, lui resiste e loro gli si scagliano addosso colpendolo a calci e pugni. L’aggressione e la rapina si concludono con la fuga a piedi della vittima, che chiede aiuto e viene portato al pronto soccorso di Bollate. Ai carabinieri lo studente descrive i due aggressori che, spavaldamente, sono ancora in giro per le vie del paese alla ricerca di nuovi bersagli da colpire.
Gli uomini dell’Arma setacciano la periferia di Baranzate e poi alcuni luoghi dove è frequente imbattersi in piccoli criminali. Trovano finalmente i soggetti che stanno cercando e li trasferiscono in caserma, dove vengono subito riconosciuti dalla vittima.
Dai controlli effettuati i militari scoprono che dal 26 al 28 giugno in paese sono stati messi a segno quattro scippi ai danni di altrettante donne anziane, una delle quali è anche rimasta ferita cadendo. Le descrizioni degli aggressori sembrano l’esatta fotografia dei due piccoli delinquenti fermati, che vengono così trattenuti in cella per un faccia a faccia l’indomani con le pensionate derubate. Dopo l’ennesimo riconoscimento il diciassettenne finisce al Beccaria, l’altro direttamente a San Vittore.

Commenti