Teneva la madre morta in casa per la pensione: scoperta choc nel milanese

Doppio mistero in provincia di Milano, dove nell'appartamento in cui è stato trovato il cadavere di una donna ne è stato trovato un altro mummificato

Teneva la madre morta in casa per la pensione: scoperta choc nel milanese

Da sei o sette mesi avrebbe custodito in una cassapanca il cadavere della madre novantenne, per poter continuare a percepire la sua pensione. La macabra scoperta è stata fatta dai carabinieri di Paderno Dugnano in un appartamento della cittadina della provincia milanese. Dopo il decesso della figlia, Sabina Ghirello, avvenuto tre giorni fa (la donna era in avanzato stato di composizione) i militari stavano cercando i documenti della Rsa dove si sarebbe dovuta trovare l'anziana madre, Pasqualina Mulnerato. Hanno invece trovato i resti della novantenne, dentro una cassapanca sigillata con il nastro adesivo.

Vedendo lo scotch che chiudeva la cassapanca, i militari si sono insospettiti e, una volta aperto il mobile dell'appartamento hanno trovato il cadavere mummificato e avvolto nel cellophane. L'appartamento era stato trovato dai militari regolarmente chiuso a chiave dall'interno, saturo di oggetti e mobilio, oltre che in precarie condizioni igieniche. Non è stato possibile vedere nell'immediato la cassapanca proprio per il disordine e la sporcizia di quell'abitazione.

Dalla prima ispezione condotta dal medico legale non erano emersi segni di violenza sulla 64enne. Dagli ulteriori accertamenti condotti a seguito dell'evento odierno, i militari hanno scoperto che l'anziana madre risulta percepire regolarmente una pensione, tuttora accreditata sul conto corrente al quale la figlia, che non aveva altre fonti di reddito, aveva accesso. La morte dell'anziana signora non era stata mai comunicata all'anagrafe.

Le due salme sono state entrambe trasportate all'istituto di medicina legale di Milano per gli esami forensi necessari a decretare le cause di entrambi i decessi e confermare l'identità della novantenne.

I carabinieri proseguono con le indagini per risalire alla causa della morte di entrambe le donne e per capire se esistano ulteriori elementi che possano agevolare l'indagine, in quella che sembra essere l'ennesima storia di degrado e di abbandono.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica