La furia del 90enne: ha ammazzato moglie colpendola col bastone

L'aggressione è scaturita nell'abitazione della coppia per un futile motivo, l'uomo in preda alla rabbia, ha preso la moglie a colpi di bastone riducendula in fin di vita, la vittima è morta in ospedale

La furia del 90enne: ha ammazzato moglie colpendola col bastone

Un efferato delitto compiuto con assoluta crudeltà quello messo a segno da un uomo di 90 anni nei confronti della moglie nel catanese. L’anziano ha ucciso la donna con una serie di bastonate su tutto il corpo senza lasciarle la possibilità di difendersi o chiedere aiuto. Ad accorgersi di quello che stava accadendo sono stati i vicini che hanno chiamato subito i carabinieri nel tentativo di sedare nel frattempo la violenza di lui. In manette Salvatore Plumari che dovrà rispondere per omicidio volontario. Andiamo con ordine per capire cosa è successo.

Il fatto è accaduto il 3 gennaio scorso nell’abitazione della coppia a Mascali, in provincia di Catania. Stando alle informazioni acquisite dai carabinieri, i due avrebbero iniziato un litigio per via di un futile motivo. Da una banale incomprensione, la miccia che ha scatenato nella mente dell’uomo l’ira furibonda verso la vittima, Concetta Di Pasquale, 79 anni. L’uomo, ha afferrato un bastone iniziando a colpire la moglie in diverse parti del corpo. La poveretta, dopo i primi colpi subiti è caduta per terra senza forze.

I suoi lamenti, unitamente alle grida dell’aggressore sono stati avvertiti però dai vicini di casa che, in pochi minuti, si sono precipitati nell’abitazione dei due. Appena dentro l’appartamento la terribile scena: la donna era riversa per terra, in una pozza di sangue e lui che col bastone in mano continuava a picchiarla senza fermarsi un secondo. Dunque, i primi soccorritori non riuscendo da soli a fermare Plumari, hanno chiamato i carabinieri. Nonostante l’arrivo dei militari, l’aggressore continuava a picchiare la donna ormai priva di conoscenza. Con i suoi 90 anni, l’anziano è riuscito a porre resistenza agli uomini in divisa che, assieme ai vicini di casa della coppia, lo hanno bloccato con non poche difficoltà. La donna è stata quindi soccorsa e trasportata con i mezzi del 118 al Policlinico di Catania. Lì il personale sanitario ha riscontrato diverse fratture multiple e un trauma celebrale così gravi da determinare la morte della 79enne due giorni dopo.

Il marito, dopo l’aggressione era stato arrestato e condotto in carcere dai militari per maltrattamenti e lesioni aggravate. Adesso invece è indagato per omicidio volontario. In considerazione dell’età è stato portato in una clinica riabilitativa. I due, originari di Enna, si erano trasferiti nel catanese per motivi di lavoro. A quanto pare la donna è stata da sempre vittima di maltrattamenti da parte del marito ma non ha mai trovato il coraggio di denunciarlo. Poi, il tragico epilogo.