All'università di Pavia arriva il doppio libretto per studenti trans

Il Senato ha ceduto: ora si potranno laureare con la propria identità di genere

La comunità Lgbt all'università di Pavia festeggia come una vittoria la decisione dell'ateneo, pronto a introdurre il doppio tesserino per gli studenti transessuali, che così potranno usufruire dei servizi presentandosi con la loro identità di genere, piuttosto che con quella biologica.

Per quattro anni la comunità Lgbt pavese ha chiesto l'introduzione del doppio tesserino al Senato accademico, che ora ha ceduto, con un cambiamento che influirà su una serie di aspetti della vita universitaria, dall'iscrizione a un esame alla prenotazione dei libri in biblioteca.

"Poter essere riconosciuti nella propria identità elettiva è un grande passo in avanti. Tra sei mesi, terminate tutte le procedure giuridiche necessarie affinché si possano ottenere i due numeri di matricola, i libretti saranno pronti e sarà possibile registrarsi agli esami ed essere proclamati Dottori con il nome di elezione; quello che si è scelto e voluto con tanta forza", dice al Corriere della Sera Michela Pompei, presidente di Universigay Pavia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 22/09/2017 - 11:08

Fatico a capire: all'Università di Pavia uno cambia nome a proprio piacere senza che ciò avvenga sui documenti ufficiali di identità? Per cui il dottore è Veronica e al volante Giuseppe?

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Ven, 22/09/2017 - 11:37

Quello che viene venduto come un successo di civiltà è solo un altro passo verso la confusione, il caos e l'imbarbarimento della nostra società. Non esistono più valori, coerenza, rispetto. Ma sì, che decidano di scrivere quello che vogliono sul loro libretto universitario, tanto il Dottor Claudio Rossi o la Dottoressa Nhadhia (le H fanno più esotico) Rossi, alla fine restano sempre il solito travestito.

pasquinomaicontento

Ven, 22/09/2017 - 12:06

So' entrati piano piano, prima un piede, poi l'artro e poi...prima s'annisconnevano, poi n'anticchia oggi,aripoi un pezzetto domani, che schifo.Sur tesserino ce metterei du' chiappe aperte e un tortore vicino e una didascalia che recita :-Quello (er tortore) è tutto mio,e guai a chi me lo tocca.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Ven, 22/09/2017 - 12:56

@Pasquinomaicontento... Per quanto mi riguarda il tuo commento è una poesia che merita il premio Pulitzer!!! Chapeu!

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 22/09/2017 - 13:31

Caspita spero che paghino come tutti per il resto siamo abituati a tutto e di più hahahahaha

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Ven, 22/09/2017 - 13:33

e se uno è convinto di essere un extraterrestre proveniente dalla nebulosa di Andromeda può scriverlo nel libretto?

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 22/09/2017 - 14:02

penso che la burocrazia debba essere al servizio dei cittadini, qualunque siano le loro caratteristiche visto che si è tutti Cittadini.- e penso che la stessa debba adattarsi alla realtà.. e non viceversa.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 22/09/2017 - 19:17

Assurdo. Basta un sol olibretto. Come ti chiami Giovanni o Maria, scegli un nome e non rompere il pesce. Scriviamo quello che dici tu, studente. Nessuno vuole farti torti, ma vali uno non due, il libretto deve essere uno.

sparviero51

Ven, 22/09/2017 - 21:21

CON CIÒ I PROBLEMI DELL'UNIVERSITÀ DI PAVIA SONO STATI DEFINITIVAMENTE RISOLTI (sic) !!!

Divoll

Ven, 22/09/2017 - 21:35

Passo... avanti?!?

claudio faleri

Ven, 22/09/2017 - 22:49

presentatevi con l'identità del vostro cxxxo, se lo prendete in cxxo, sapete cosa dire, se lo succhiate, altrettanto

clapas

Ven, 22/09/2017 - 23:28

Il risvolto paradossale di queste fesserie e che in nome dei diritti dei singoli e quindi di sparute minoranze, i fautori della democrazia liberale opprimono senza scrupoli le maggioranze schiaccianti, che restano così prive di voce e di rappresentanza. Lgbt e gender sono tra gli innumerevoli esempi.

magnum357

Sab, 23/09/2017 - 10:40

Che schifoooooooooooooooooo !!!!!!

Totonno58

Sab, 23/09/2017 - 11:01

E quindi...c'amma fa'?!?

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Sab, 23/09/2017 - 18:18

Si tratta solo di avere pazienza. Appena saremo islamizzati, tutti questi problemi saranno automaticamente risolti.

Ritratto di Leonida55

Anonimo (non verificato)

nomen-omen

Dom, 24/09/2017 - 08:25

Le migliaia di studenti trans dell'università di Pavia staranno festeggiando per il riconoscimento di cui non gliene fregava assolutamente niente.... SOlita propaganda LGBTQI+.