Migrante la stupra ma non viene espulso. E la vittima si lascia morire di fame

La 72enne non riesce a superare il trauma e si sta lasciando morire di fame nel reparto di terapia intensiva dove è ricoverata

Migrante la stupra ma non viene espulso. E la vittima si lascia morire di fame

Una donna di 72 anni è stata violentata da un profugo afgano che aveva salvato. L'ennesima barbarie, che sta indignano l'Europa, è accaduta in Austria.

Come scrive il Daily Mail, l'anziana donna stava passeggiando con il suo cane lungo il canale Schwechat a Traiskirchen, nel distretto di Baden in Bassa Austria, quando ha visto due adolescenti, entrambi richiedenti asilo, che nuotavano nel fiume. Uno dei due si è sentito male e la 72enne si è offerta di aiutarlo, salvandogli la vita.

"Un improvviso colpo alla schiena", racconta l'anziana che, in pochi attimi, si è trovata a terra. Il profugo, all'epoca dei fatti 17enne, le ha messo una mano davanti alla bocca e con l'altra le ha strappato i vestiti.

Sotto choc, la donna è però riusciuta ad alzarsi e ad andare a casa dove è rimasta chiusa fino a quando un'amica, passata per caso, non le ha prestato i primi soccorsi. La figlia dell'anziana, prima della tragedia, lavorare in un campo per rifugiati. Non avrebbe mai immaginato che una cosa simili potesse accadere a sua madre: "Sta vivendo una fine terribile, quando la guardo vedo degli occhi vuoti, in un corpo che è solo pelle e ossa. Lo sapevo che sarebbe andata così: ha perso la voglia di vivere dopo l'accaduto".

La donna non riesce a superare il trauma e si sta lasciando morire di fame nel reparto di terapia intensiva dove è ricoverata. Il ragazzo è stato condannato a venti mesi di carcere ma non sarà espulso dal Paese: in Austri serve una condanna a tre anni.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...