Arcuri: "Fine emergenza solo quando sarà scoperto un vaccino"

Il commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, chiede un ultimo sforzo agli italiani: "A Pasqua e Pasquetta restate in casa"

Ne usciremo. In un modo o nell’altro. Ma la strada è ancora lunga. "Finché non ci sarà un vaccino il nostro antidoto siamo noi con la nostra responsabilità. L’uscita progressiva dall’emergenza sarà lenta e speriamo inesorabile". Domenico Arcuri, il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 parla ai giornalisti. Ha passato la mattina del sabato santo, facendo spola tra la protezione civile e i canali di informazione.

Racconta di un’Italia che sta facendo i conti con se stessa. Con le sue debolezze e le sue paure. Ma, afferma, ne uscirà. E sarà più bella di prima. "Noi stiamo lavorando per prepararci alla cosiddetta fase 2, per quando essa arriverà. Il commissario straordinario, i suoi uffici e la protezione civile continueranno a essere i bracci operativi di questa fase e dovranno contribuire a conseguire obiettivi". Fa sapere che questa nuova fase sarà molto più articolata con una batteria ulteriore di strumenti. Tra questi un’app sui contagi, seguendo il modello coreano. "Siamo già al lavoro per realizzarla. Gli italiani che lo vorranno potranno essere tracciati nelle loro relazioni. Un’app mobile accompagnerà, monitorerà e interverrà rispetto ai contagi. È stato fatto un lavoro dal ministero dell’Innovazione tecnologica e dal ministero della Salute che ha condotto a dei primi risultati".

Poi rivolge un appello. "Rivolgo un appello ancora più accorato del solito ai nostri cittadini, nei prossimi giorni, domani sarà Pasqua e lunedì sarà Pasquetta, non fate sciocchezze, continuate e se possibile rafforzate il convincimento di seguire le previsioni che vi abbiamo dato. Non uscite, continuate a seguire i comportamenti che avete responsabilmente tenuto fino ad oggi, usate il cervello e il vostro enorme senso di responsabilità". Il virus non è stato ancora sconfitto. È ancora tra noi anche se siamo sulla buona strada. Ma non siamo alla fine del tunnel, anzi, la fine del tunnel è ancora lontana.

"Vi continuo a supplicare, state in casa e state attenti. Metteremo definitivamente alle spalle questa drammatica emergenza solo quando verrà scoperto un vaccino efficace. Fino a quando non sarà scoperto noi abbiamo un solo antidoto: noi stessi, i nostri comportamenti che devono servire a prevenire e dove non è possibile contenere i contagi". Il commissario straordinario Arcuri parla inoltre dell’uscita dalla fase 1 dell’emergenza e l’inizio di quella che sarà la fase 2 che avrà una serie di allentamenti delle misure restrittive.

"Non possiamo sbagliare i tempi”. Il premier ieri ha spiegato che qualche piccola misura di allentamento è stata decisa, ma che abbiamo ancora da aspettare per un allentamento più marcato e forte. "Se ciò non accadesse e fosse stato sbagliato il momento di definire una sia pur progressiva uscita, continuiamo a correre il rischio che il contagio si ripresenti con la forza e la massa che siamo riusciti a contenere. Produrrebbe danni ancora più pesanti, tutto accadrebbe tranne la ripartenza". Sono a lavoro per preparare il Paese a una via di uscita. Sarà molto complesso. "Grazie all’insieme delle nostre azioni, dovremo accompagnare a una graduale e complessiva uscita del nostro sistema Paese da questa tragedia".

Per Arcuri ci dovrà essere l’ulteriore rafforzamento del nostro sistema sanitario. Dovremo contribuire a realizzare un certo numero di Covid Hospital. "Per questo, nei prossimi giorni, consegneremo i primi ventilatori all’ospedale del Celio di Roma dove si sta realizzando un Covid Hospital, sarà un primo esempio che speriamo si possa replicare. Continueremo a lavorare a questo obiettivo. Continueremo a realizzare nuovi posti letto in terapia intensiva e sub intensiva con la precisazione e la focalizzazione che ci saranno alcuni ospedali dedicati esclusivamente al Covid".

Parlando degli approvvigionamenti di dpi, tamponi e ventilatori il commissario riferisce che sono stati acquisiti 2,5 milioni di tamponi da distribuire alle regioni. "I tamponi sono una componente molto importante e stiamo facendo degli sforzi maggiori per poter dotare tutti dei reagenti e per far sì che possano essere utilizzati nel modo più accurato".

Nell’ultima settimana sono state distribuite oltre 31 milioni di mascherine con media di 4,4 milioni di mascherine al giorno. È un risultato straordinario. Fino a ieri sono stati distribuiti 2.677 ventilatori. Nell’ultima settimana 512. "Non dobbiamo far uscire il nostro Paese da questa emergenza costruendo un’altra diseguaglianza tra Nord e Sud, dobbiamo essere equilibrati". Dei 512 ventilatori distribuiti molti di essi sono stati mandati alle regioni del Sud, queste regioni oggi ne hanno 436, "ancora pochi ma all’inizio dovevamo fronteggiare l’emergenza concentrata in un’altra area del Paese".

Poi si sofferma sul ruolo dello Stato in questa guerra. In particolare sulla produzione delle mascherine. "È giusto che anche lo Stato svolga un ruolo più proattivo per far sì che i cittadini si possano dotare delle mascherine in modo agevole, ai prezzi più bassi possibili e con delle azioni più semplici e ci stiamo pensando. Stiamo acquisendo le strumentazioni necessarie, stiamo curando gli aspetti logistici e perché no magari per un tempo non infinito, ma pari a quello della durata massiccia di questo virus, anche lo Stato con una collaborazione con gli imprenditori privati potrà mettersi a produrre questa munizione tanto utile in questa battaglia. Stiamo ragionando su qual è il prezzo giusto a cui le mascherine devono essere vendute e se questo prezzo non debba essere in qualche misura predeterminato".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

beowulfagate

Sab, 11/04/2020 - 14:33

Pur di non vederti sono disposto a stare in casa a ferragosto,natale e capodanno 2021.

Gianca59

Sab, 11/04/2020 - 14:42

Non ci dice nulla di straordinario.

obiettore

Sab, 11/04/2020 - 14:46

Non si possono fare vaccini per i coronavirus, studi !

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Sab, 11/04/2020 - 14:47

Un vaccino, cioè una medicina in grado di impedire l'infezione sarà difficile da trovare e, come per le altre influenze, avrà copertura limitata; al momento serve una medicina per curare chi ha l'infezione, per far ripartire il paese.

madrud

Sab, 11/04/2020 - 15:02

Questo"scienziato" si preoccupa che quando sarà finito lui perderà l'incarico. Significa tenere in scacco il paese per un anno. Non sarà che forse sarebbe megliò fare i test e liberare gli immunizzati e per gli altri usare cautele e clorochi a in caso di primi sintomì? A questi foraggiati di denaro pubblico non interessa nulla se non il rischio zero. Ma quando ci libereremo di queste nullità?

Altoviti

Sab, 11/04/2020 - 15:11

Arriverrano probabilmente prima le cure che un vaccino. Come per l'Aids sono 40 anni che dicono che hanno scoperto un vaccino e ancora non è arrivato. I virus ad RNA sono molto viziosi, fanno tante mutazioni e sanno adattarsi ad ogni organismo.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Sab, 11/04/2020 - 15:26

Ma non rompere! Ci avete già imprigionati, sorvegliati con droni, elicotteri,impiegando un dispiegamento di forze di polizia mai visto, nemmeno ai tempi della caccia ai latitanti, siamo visti come potenziali criminali da braccare, ma dove vuoi che andiamo? Almeno risparmiarci il predicozzo! Inoltre dobbiamo subire la beffa dei clandestini liberi di scorrazzare!

ilrompiballe

Sab, 11/04/2020 - 15:35

Evidentemente questo signore fruisce di una retribuzione mensile garantita. Altro discorso è per chi ogni giorno deve lavorare per mettere insieme pranzo e cena.

necken

Sab, 11/04/2020 - 15:40

ma se tutti i giorni si annunciano esperimenti, tentativi e cure a vari livelli prima o poi qualcuno l'azzecca la ricetta giusta, ormai siamo quasi pronti ad offrici come cavie

bernardo47

Sab, 11/04/2020 - 15:46

Mi resta antipatico questo signore.....non so perché.....

Ritratto di duliano

duliano

Sab, 11/04/2020 - 15:46

Intanto non è un medico o un virologo ma un impiegato statale con stipendio e posto fisso: non spetta a lui dire quando finirà l'emergenza e non può pensare di tenere in casa le persone senza permettere loro di lavorare. Invece di fare sparate di questo tenore, si trovi invece un modo per controllare la popolazione e capire chi è contagioso e chi no. Se aspettiamo che il virus sparisca possiamo morire chiusi in casa.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 11/04/2020 - 16:53

Ma scusate, il supercommissario straordinario per l'emergenza covid19, arcuri, oltre che a propinarci numeri tutte le sere e direttive per stare in casa, che fa? Io le mascherine protettive non le ho ancora viste e son passati già più di due mesi.

magnum357

Sab, 11/04/2020 - 17:08

Ma quanto è pagato per raccontare ovvietà ?

polonio210

Sab, 11/04/2020 - 17:49

In media,se si è fortunati, per trovare un vaccino ci vogliono circa due anni,tra studio,sperimentazione in vitro e animale e poi quella su umani.Quindi si passa la palla alla burocrazia che,con i suoi tempi da azzeccagarbugli e biblici,ci può mettere anche un altro anno o più per approvarlo.Di conseguenza dalla data odierna sono 3 anni più o meno,perciò non prendete impegni fino alla fine del 2023.Poi se ne riparlerà forse.