Arrestò un tunisino ma "fu troppo violento": carabiniere condannato

Un militare della compagnia di Lucca condannato a sei mesi dopo che un ladro di rame lo ha citato per lesioni personali subìte durante un arresto

Arrestò un tunisino ma "fu troppo violento": carabiniere condannato

Stava arrestando in flagranza di reato un tunisino sorpreso a rubare in un'azienda, ma è stato accusato di lesioni dallo stesso ladro. Un carabiniere è stato così condannato a sei mesi di reclusione e al risarcimento per 7500 più spese dal tribunale di Lucca (anche se la pena è stata sospesa).

La notizia arriva dalla Toscana, dove è stata raccontata dalla Nazione: un militare dell'Arma in servizio alla compagnia di Lucca ha scelto di raccontare la propria storia, pur senza svelare il proprio nome.

Era il settembre 2011, quando il carabiniere, con i commilitoni, arrestava, nel corso di una perlustrazione, un tunisino sorpreso a rubare del rame in un'azienda. Bloccato dopo un tentativo di fuga, l'uomo era stato bloccato e ammanettato dai carabiniere.

Diversa però, secondo la Nazione, la versione dell'arrestato: il tunisino ha raccontato di essere entrato in possesso dei cavi di rame già nei giorni precedenti il blitz dei carabinieri. Negli istanti della cattura, sostiene l'uomo, uno dei carabinieri lo avrebbe ferito trascinandolo bruscamente.

Ricoverato al pronto soccorso qualche ora dopo, all'uomo è stato diagnosticato un "trauma cranico non commotivo, ematoma al collo, contusioni multiple e microfrattura di una costola". Tutte lesioni, a suo dire, provocate durante la cattura. Il carabiniere è andato così a giudizio per lesioni personali, con l'aggravante connessa all'esercizio della pubblica funzione. Nelle scorse settimane è quindi arrivata la condanna.

Commenti