Bossetti, guerra tra pool difensivi: è crisi con Marita?

L'ex muratore di Mapello, in carcere per l'omicidio di Yara Gambirasio, ha smentito la presunta decisione della moglie Marita Comi di ingaggiare un nuovo pool difensivo

È iniziata una guerra tra pool difensivi per Massimo Giuseppe Bossetti, l'ex muratore di Mapello condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio avvenuto nel 2010. Marita Comi, moglie di Massimo, avrebbe incaricato un nuovo team di consulenti per occuparsi del caso incentrato sulla figura del marito in qualità di assassino della ragazzina residente a Brembate (Bergamo). Del caso se ne è occupato Gianluigi Nuzzi nella puntata di Quarto Grado del 13 novembre 2019. Nel corso della trasmissione è stata mostrata una lettera inviata da Bossetti, in cui sarebbe stata smentita la decisione da parte della consorte riguardo la nomina di un nuovo pool per la difesa.

Una situazione abbastanza ingarbugliata e controversa, che lascerebbe intendere dei contrasti ideologici tra marito e moglie. Il programma ha, inoltre, ipotizzato una possibile mancanza di fiducia nei confronti degli attuali due legali di Bossetti: Claudio Salvagni e Paolo Camporini. I due, che hanno assistito l'uomo nel suo lungo iter giudiziario, non sono riusciti a ribaltare la decisione dei giudici nel corso dei tre gradi di giudizio. Si è parlato inoltre della possibile intenzione di Marita di dare una svolta alla sua vita, senza approfondire ulteriormente la spinosa (ed annosa) questione riguardante Massimo.

Bossetti: guerra tra pool, le dichiarazioni del cognato

Giorgio Sturlese Tosi, inviato di Quarto Grado, ha chiesto alla Comi di spiegare la scelta del nuovo pool difensivo per il marito Massimo Giuseppe Bossetti. La donna si è rifiutata di parlare. Tuttavia, utili informazioni le ha fornite Agostino, fratello di Marita e cognato di Massimo, il quale ha chiarito: "Certe persone si sono presentate e hanno detto: "Possiamo dare una mano?". Mia sorella ha detto, ed ero presente anch’io, "l’importante è non andare ad intromettersi nel lavoro degli altri avvocati che han fatto fino adesso". Questi qua non han chiesto niente. Niente! E infatti si è visto non si voleva neanche far sentire chi erano, giusto?".

L'uomo ha infatti precisato come il pool difensivo in questione starebbe lavorando senza percepire compensi: "Non è andata a cercare nessuno mia sorella. Io sinceramente non li conosco". Agostino ha inoltre affermato come Marita continui a fidarsi di Massimo e per questo motivo avrebbe riposto fiducia nei nuovi legali. E la diffida da parte di Bossetti? Potrebbe significare qualche crepa nel rapporto tra lui e Comi? A smentire qualsiasi diceria è stato lo stesso fratello della donna: "Ma no, non cambia niente!".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ROUTE66

Dom, 15/12/2019 - 18:37

QUAI A CONTAMINARE L"AREA DI UN DELITTO,QUAI A SPOSTARNE IL CORPO. POSSIAMO CONTINUARE A LUNGO MA AVETE CAPITO. BENE,ANZI MALE IL CORPO DELLA RAGAZZA è STATO TROVATO IN UNA CAMPAGNA, MOLTO TEMPO DOPO LA SCOMPARSA INTEMPERIE E IL RESTO NE HA CONTAMINATO IL CORPO,MA MIRACOLO SI è TROVATO UN PUNTINO DO DNA NON CONTAMINATO. POI NESSUNO PIù HA POTUTO ESAMINARE QUESTO CAMPIONE. MORALE TANTI SOLDI SPESI UN COLPEVOLE DOVEVANO TROVARLO,SI MA LA GIUSTIZIA,Bè CHE CENTRA QUELLA L"IMPORTANTE è CHIUDERE

investigator13

Dom, 15/12/2019 - 20:08

Marita sbaglia a voler cambiare l'avv. difensore, solo per il gran da fare dell'avv. Salvagni per riaprire il caso, ci sta lavorando molto, non è giusto liquidarlo in quattro e quattr'otto. Marita abbia pazienza ancora e non si nemichi il marito vittima e martire della giustizia italiana.

ex d.c.

Dom, 15/12/2019 - 22:00

Più logico pensare che la moglie tenti il tutto per tutto per salvarlo. Chi non lo farebbe al suo posto?

maricap

Lun, 16/12/2019 - 01:02

Salvagni ha giocato sul " Tutto o niente", sicuro di farla franca. Tre gradi di giudizio, che hanno ritenuto colpevole il suo assistito, bastano e avanzano. Piuttosto avrebbe dovuto farsi raccontare come erano avvenuti i fatti, per poi affidarsi al giudizio abbreviato.