Brasile, Bolsonaro contro gli autovelox: "Tolgono il piacere di guida"

Il presidente del Brasile Bolsonaro si schiera contro gli autovelox e sta inziando a pensare a come poterli rimuovere perché, secondo lui: "Tolgono il piacere di guidare". Si aspetta una relazione tecnica

È il presidente del Brasile a lanciare la sfida alle autorità di competenza del paese che governa: "Gli autovelox andrebbero rimossi dalle autostrade, tolgono il piacere di guida". Lo rende noto ai media locali che porterà avanti una battaglia per riuscire a togliere gli apparecchi di rilevamento della velocità dalle highway sudamericane. Il quinto tribunale civile di Brasilia ha però risposto secco, qualche mese fa, ribadendo che il governo non deve entrare nel merito della rimozione o meno dei radar per il rilevamento della velocità. Inoltre, riporta Leggo, lo stesso tribunale ha commissionato uno studio tecnico per vedere se effettivamente la rimozione degli autovelox possa giovare o meno al traffico brasiliano.

Bolsonaro negli ultimi mesi ha detto più volte di voler combattere il fenomeno perché, secondo il presidente: "Bloccano il traffico e tolgono li piacere di guidare ai cittadini". Lo ha sostenuto ultimamente anche al programma televisivo Silvio Santos, acquisendo non pochi consensi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 06/05/2019 - 18:50

Visto il modo di guidare in Brasile se lo fa sarà un bagno di sangue .l

cgf

Mar, 07/05/2019 - 00:01

in effetti i velox, soprattutto i totem/dossi elettronici, rompono alquanto in Brasile, quelli del Comune di Milano sono stati in Brasile per imparare come fregare gli automobilisti, del traffico frega poco, prima la cassa.

MARCO 34

Mar, 07/05/2019 - 12:31

Sono stato varie volte (con permanenze spesso superiori al mese) in Brasile e non mi pare che i brasiliani siano molto peggiori di noi quanto a guida pericolosa. E' vero che i dossi elettronici siano una seccatura ma sono regolarmente segnalati (ci sono cascato un paio di volte); quelli pericolosi sono invece quelli in cemento molto alti (chiamati "quebramolas" = rompi sospensioni) che, se presi in velocità, fanno fare dei salti paurosi. Quello che ho notato di veramente pericoloso sono gli attraversamenti pedonali in cui gli automobilisti non danno mai la precedenza ai pedoni. Per il resto oche differenze ( da noi ci sono ancora problemi nell'affrontare un rotatoria)