Campo rom in rivolta per difendere stupratori di una 12enne

A Caserta la madre di una giovanissima rom sventa la violenza sulla figlia ma il campo protegge i balordi e uno di loro riesce a darsi alla fuga. La proposta al Prefetto: sgomberare la bidonville

Campo rom in rivolta per difendere stupratori di una 12enne

Il campo rom difende l’orco che ha tentato di abusare di una dodicenne e gli consente di fuggire, scampando all’arresto dei carabinieri. E adesso sul tavolo del Prefetto di Caserta c’è la richiesta ufficiale da parte di amministrazione comunale e forze dell’ordine di procedere allo sgombero della baraccopoli in cui vivono poco più di sessanta persone.

L’agghiacciante episodio s’è verificato nei giorni scorsi quando una madre, anche lei abitante del campo, ha sventato lo stupro della figlia di appena dodici anni. Gettandosi come una furia contro i due orchi, ha consentito alla ragazzina di darsi alla fuga, al sicuro, e di raggiungere i carabinieri. A cui ha raccontato il dramma che le era appena accaduto.

È stata avvicinata da due uomini, uno dei quali – arrestato – ha 45 anni, le è stato chiesto un rapporto sessuale. La piccola, sconvolta, s’è rifiutata scatenando l’ira dei balordi che l’hanno picchiata e immobilizzata per poterle estorcere, con la violenza, ciò che con le buone s’era permessa di rifiutar loro. Le grida strazianti della ragazzina hanno attirato la madre in quel bugigattolo utilizzato come bagno comune. La donna, resasi conto di quanto stava avvenendo, s’è lanciata come una furia sui due riuscendo a sventare la violenza carnale sulla bimba. Poi, insieme alla figlia, ha chiesto l'aiuto delle autorità.

Accolta la denuncia in stazione, i carabinieri si sono subito fiondati al campo rom. Ad aspettarli, come riporta Il Mattino, c’erano gli abitanti della struttura che hanno tentato una rivolta mentre i violentatori provavano a scappare. Uno di loro ce l’ha fatta a fuggire, l’altro – il 45enne Mircea Vasile – è stato arrestato.

Ma gli inquirenti non si danno per vinti e le ricerche dell’ultimo violentatore si sono allargate a tutti i campi rom della Campania. E mentre prosegue la caccia all’uomo, è stato chiesto lo sgombero della bidonvile casertana e toccherà al Prefetto, adesso, decidere se firmare o meno il provvedimento.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento