Caserta, 52enne ai domiciliari aggredisce la moglie con le forbici

La donna aveva raggiunto il marito per portargli la cena, ma è stata improvvisamente attacca dall'uomo, che ha cercato di strangolarla per poi ferirla con delle forbici. Interrogato dai carabinieri, l'uomo non ha saputo fornire spiegazioni

Caserta, 52enne ai domiciliari aggredisce la moglie con le forbici

Terribile episodio di violenza avvenuto nei giorni scorsi a Baia Domizia, frazione di Sessa Aurunca (Caserta), dove un uomo ristretto agli arresti domiciliari ha aggredito la moglie che lo aveva raggiunto per portargli la cena, ferendola con un paio di forbici.

Il fatto, secondo quanto riferito dai quotidiani locali che hanno riportato la notizia, si è verificato durante la serata dello scorso mercoledì 25 marzo, intorno alle ore 22:00, quando la donna, una 48enne cellolese, si è recata presso l'abitazione dove il marito stava scontando la misura cautelare per lasciargli del cibo. Ancora ignote le ragioni che hanno causato il raptus del 52enne, il quale ha improvvisamente reagito con estrema violenza, scagliandosi contro la consorte. L'uomo, stando alla ricostruzione effettuata dagli inquirenti, ha prima cercato di strangolarla, stringendo con forza le mani attorno alla sua gola, poi l'ha colpita con delle forbici, afferrate durante la colluttazione. Rimasta ferita alla schiena mentre stava cercando di scappare, la 48enne è riuscita ad impossessarsi dell'arma prima che il coniuge potesse continuare ad infiere su di lei, ed a difendersi. Durante lo scontro, infatti, la stessa vittima ha colpito il suo aguzzino, provocandogli una ferita sul volto.

Fuggita dall'abitazione ed in forte stato di choc, la donna ha quindi contattato le forze dell'ordine per denunciare quanto accaduto. Sul posto i carabinieri della compagnia locale, che hanno soccorso la vittima ed ascoltato la sua versione dei fatti. Immediatate le ricerche del responsabile, scappato prima dell'arrivo degli uomini dell'Arma. Malgrado il tentativo di fuga, i militari sono in breve tempo riusciti a rintracciare il 52enne, trovato a poca distanza della casa dove avrebbe dovuto restare recluso.

Accusato dei reati di tentato omicidio e di evasione, l'uomo è stato inizialmente accompagnato insieme alla moglie in ospedale. Entrambi, infatti, avevano necessità di ricevere cure adeguate per le ferite riportare in seguito al violento scontro. Dieci giorni di prognosi per la donna, arrivata in pronto soccorso con ferite sul viso e ben tre lesioni riportate nella regione dorsale. Medicato a sua volta dal personale sanitario, il 52enne è stato dimesso con una prognosi di otto giorni per le ferite al volto. Invece di tornare a casa, l'uomo è stato tradotto presso gli uffici della caserma locale, dove si sono svolte le pratiche di identificazione ed incriminazione. Interrogato dai carabinieri, non ha saputo o voluto dare una spiegazione circa il proprio violento gesto. Al momento si trova detenuto dietro le sbarre della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in attesa di processo ed a disposizione dell'autorità giudiziaria.