Un caso di Blue Whale a Pescara 13enne salvata prima del suicidio

Il Blue Whale è arrivato anche in Italia. Il gioco "maledetto" che porta al suicidio ha rischiato di fare una vittima nel Pescarese

Un caso di Blue Whale a Pescara 13enne salvata prima del suicidio

Il Blue Whale è arrivato anche in Italia. Il gioco "maledetto" che porta al suicidio ha rischiato di fare una vittima nel Pescarese. Dopo l'episodio a Livorno mostrato in un servizio de Le Iene, adesso è il turno di Pescara. Una tredicenne infatti è stata salvata poco prima del suicidio.

Come riporta ilGiorno, la ragazza era rimsata coinvolta nel gioco della rete e si era procurata alcune ferite con una lama sul braccio, tracciando la figura della balena. La ragazzina è stata trasferita al reparto di neuropsichiatria dell'ospedale pediatrico "Salesi" di Ancona. La giovane a quanto pare si era iscritta al Blue Whale circa due mesi fa e di fatto si trovava proprio alla fine del gioco, ovvero il momento in cui l'ultima regola impone di andare all'ultimo piano di un palazzo e gettarsi nel vuoto. A salvare la ragazzina sono state le amiche che dopo aver visto i simboli sul braccio hanno immediatamente dato l'allarme. Il fenomeno finora sembrava circoscritto alla Russia, ma a quanto pare, sfruttando le autostrade del web, adesso il gioco della morte è arrivato in Italia. E soprattutto a Pescara si teme che altri giovani possano essersi avvicinati a Blue Whale.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti