In Cina scoperta una "fabbrica" di neonati

Così "producevano" i bambini da vendere al mercato nero internazionale

In Cina scoperta una "fabbrica" di neonati

Ancora orrore. Stavolta arriva dalla Cina la notizia del ritrovamento di una vera e propria fabbrica di bambini. Come riportato dal sito del Daily Mail, la "produzione" illegale di bambini è stata smantellata. Il destino di tutti i minori era quello di essere venduti al mercato nero internazionale di neonati. Molte delle mamme che mettevano al mondo bambini erano malate di Aids e in molti casi hanno trasmesso il virus ai neonati innocenti.

Nel zona sud della Cina sono stati trovati 37 bambini costretti a vivere tutti in una casa in pessime condizioni igienico-sanitarie e malnutriti. Sono oltre cento i trafficanti di bambini individuati ed arrestati dalle forze dell'ordine cinesi. La banda offriva denaro alle donne per restare incinta e partorire. Una volta venuti al mondo i neonati venivano per poi lasciati nelle mani dei malviventi che provvedevano a venderli in tutto il mondo. Molti dei bambini appena nati venivano spesso nutriti con cibo non adeguato, come spaghetti da asporto e avanzi.

Commenti