In Italia il virus è più letale: ora la mortalità è salita al 9%

Nel nostro Paese il tasso di letalità riferito al Covid-19 è salito al 9% contro il 3,8% cinese. Ma i fattori da considerare sono tanti, a cominciare dal reale numero dei positivi

I numeri sul nuovo coronavirus iniziano a fare paura ma per poterli analizzare è necessario saperli interpretare nel modo corretto. In Italia, ad esempio, il tasso di letalità riferito al Covid-19 è salito al 9% contro il 3,8% cinese.

Questi dati, spiega Il Corriere della Sera, potrebbero tuttavia essere falsati da numerosi aspetti. Prima di proseguire è doveroso distinguere due concetti che spesso vengono confusi: il tasso di letalità è il rapporto tra morti per una certa malattia e il numero totale dei soggetti affetti da quella stessa malattia; il tasso di mortalità, invece, è il rapporto tra il numero di morti sul totale della popolazione media.

Il confronto con gli altri Paesi

Detto questo, una domanda appare quanto mai doverosa. Perché in Italia ci sono così tanti morti, molti più rispetto a Cina, Germania e Spagna? L'eccezionalità del caso italiano ha molteplici risposte, a cominciare dalla storia clinica delle persone decedute, che presentano altre patologie pregresse. C'è poi da considerare l'aspetto sociale degli stretti rapporti tra figli, nonni e nipoti, senza poi considerare la misurazione dei positivi e quanto accaduto all'interno degli ospedali.

L'ultimo bollettino parla di quasi 60mila contagiati, circa 20mila in ospedale e poco meno di 3mila ricoverati in terapia intensiva. I morti, intanto, sfiorano le 5mila unità. Questo in Italia, ma altrove? In Spagna, leggendo i dati aggiornati a sabato 21 marzo, oltre 25mila positivi e più di 1.300 decessi; in Germania i morti sono 84 a fronte di 22.213 casi.

Allargando il discorso alla Cina, oltre la muraglia si contano 3.259 vittime con un tasso di letalità del 3,8%. In Italia, come detto, lo stesso tasso sale al 9%, addirittura al 12,1% in Lombardia. A Wuhan, epicentro cinese dell'epidemia, le cifre si attestavano attorno al 5,8% mentre nel resto della Cina si è fermato allo 0,7%.

I fattori da considerare

Tanti sono i fattori da considerare per giustificare differenze così evidenti. Intanto le cifre dipendono dalla quantità dei soggetti positivi tracciati. Dunque, in Italia, possiamo fare la seguente ipotesi: notiamo più morti perché i pazienti contagiati sono in realtà molti di più rispetto a quelli registrati.

Uno studio pubblicato sulla rivista Science ipotizza addirittura che per ogni positivo ve ne siano almeno 5-10 non censiti. Se davvero i contagiati fossero fino a dieci volte tanto i numeri oggi riportati, ecco che la percentuale di letalità italiana calcolata rispetto alla nazione scenderebbe su valori vicini a quelli cinesi.

Per gli esperti altre aggravanti, oltre all'avanzata età della popolazione italiana, sono da ricercare nel fatto che i morti avessero quasi sempre patologie pregresse e concomitanti e nella grandezza del focolaio lombardo. In Lombardia, infatti, in un primo momento, erano coinvolti 10 paesi tra i quali gli spostamenti lavorativi erano notevoli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Dom, 22/03/2020 - 12:49

Come dicono alcuni esperti il nostro virus non e' quello cinese ma il ceppo tedesco.

DRAGONI

Dom, 22/03/2020 - 12:50

lA PERCENTUALE E' SICURAMENTE IN LINEA CON LA NOSTRA SANITA' CHE E' LA MIGLIORE AL MONDO COSì COME GIUSEPPI&LA SUA CORTE DEI MIRACOLI MANCATI CI VOGLIONO FARE CREDERE.

giuseppegrasso

Dom, 22/03/2020 - 12:52

Ci sarebbe da pensare di deporre le armi e donarci alla Germania. Ci avrebbe tutelato meglio ad affrontare questo momento? Mah! Loro sono quelli che ci guadagnano in tutto. Anche sui morti in questo caso.

APPARENZINGANNA

Dom, 22/03/2020 - 12:59

Per tutti questi poveri morti dobbiamo ringraziare, tra gli altri, oltre ai cinesi, poveretti, anche i ritardi dei nostri governanti nel prendere provvedimenti idonei con la massima tempestività. Prima dovevamo essere "accoglienti" e "antirazzisti". Poi si poteva arrivare dalla Cina, ma non direttamente... Quindi hanno detto di essere ottimisti. Poi, in ritardo, hanno annunciato un decreto giorni prima che entrasse in vigore, consentendo agli infetti di scappare in giro per l’Italia. Tutti i provvedimenti restrittivi ed economici sono stati adottati dal governo in ritardo e annunciati ben prima di adottarli. Chiedono unità e solidarietà con le istituzioni solo quando a loro fa comodo. Gli annunci, come quello di ieri sera, sono pieni di retorica, confusi e generano disorientamento. Povera Italia!

zipala'

Dom, 22/03/2020 - 12:59

ASIATICA - 1957 - In Italia circa 30.000 Morti Non c’ era tutto questo allarmismo creato oggi dai vari Sottuttologi, Stronzologi e Soubrette varie. A-H3N2 - 1968 dice all'AGI Giovanni Maga, direttore dell'Istituto di Genetica Molecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pavia. "La causa della pandemia del 1968 era il virus influenzale di tipo A-H3N2, lo stesso che da allora circola come virus stagionale e che quindi ci ritroviamo in tutte le stagioni influenzali", spiega Maga. "La letalità di questo virus era moderata anche se con delle differenze importanti: in Europa meno intensa che negli Stati Uniti. Si calcola che in Italia, nel 1968-1969 abbia causato circa 20 mila decessi e 1 milione in tutto il mondo" Definito di LETALITA’ MODERATA – Era tutto tranquillo, entravi, uscivi , partivi come e quando volevi…

lorenzobatti

Dom, 22/03/2020 - 13:00

Bravi!!!

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Dom, 22/03/2020 - 13:01

DRAGONI 12:50 ennesimo commento stupido e fuori luogo quando la tragedia imporrebbe di tacere, a partire dal fatto che la sanita' E' REGIONALE quindi "Giuseppi e la sua corte dei miracoli" che governano da un anno, dopo un anno di governo M5S-Lega, c'entrano ben poco con le ruberie fatte dal Celeste Formigoni nella sanita' in Lombardia.

cecco61

Dom, 22/03/2020 - 13:06

Vale la spiegazione che i contagiati sono molti di più. Cognato contagiato e, perché medico, sottoposto a tampone. Lasciato a casa perché sintomi leggeri. Tempo 5 giorni e i sintomi sono comparsi pure alla moglie e al figlio: siccome sintomi lievi nessun tampone e, dopo 14 giorni, l'autorizzazione ad uscire di casa seppur i sintomi, sempre lievi, siano ancora presenti tanto quanto il primo giorno. Senza controlli a tappeto non sconfiggeremo mai il virus visto che si autorizzano troppi malati ad uscire per la spesa o altro. La Cina l'ha fatto in ritardo, la Corea e Vo' Euganeo da subito, e i risultati si sono visti.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 22/03/2020 - 13:08

Sento solo chiacchiere ma non vedo nessuna azione concreta di disinfezione dei mezzi pubblici, dei locali, di strade e piazze er non parlare dei condizionatori e dei carrelli della spesa. A margine ma non troppo i mezzi delle Forze dell'Ordine e di tutti gli altri operatori vengono sottoposti a disinfezione costante?.

Enricolatalpa

Dom, 22/03/2020 - 13:08

@DRAGONI: per favore, prima di sparare sentenze a casaccio, si prenda il tempo per leggere il contenuto dell’articolo. Sarebbe un modo per esercitare il suo senso critico, glielo assicuro!

jaguar

Dom, 22/03/2020 - 13:10

C'è ancora qualcuno che crede al numero dei decessi cinese? Girano voci che a quella cifra manca almeno uno zero se non due.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Dom, 22/03/2020 - 13:11

DRAGONI 12:50 ennesimo suo commento fuori luogo, la SANITA' E' REGIONALE in Italia quindi "Giuseppi e la sua corte dei miracoli" (che pochi mesi fa era al potere con Capitan Papeete) c'entrano poco, se la prenda con le ruberie del Celste Formigoni se ritiene inadeguato il sistema sanitario della Lombardia.

POKER70

Dom, 22/03/2020 - 13:20

E ci fidiamo del fatto che la Cina abbia fornito dati veritieri sul tasso di mortalità ?

Iena_Plinsky

Dom, 22/03/2020 - 13:21

Si puo' pero' presumere che i soggetti positivi non tracciati in Italia sia uguale a quelli degli altri paesi. Infatti non mi risulta che gli altri paesi abbiano fatto piu' tamponi dell'Italia anzi semmai il contrario.

morello

Dom, 22/03/2020 - 13:22

Io la smetterei di generalizzare ( Italia intera ) e confrontarci con altri paesi. La mortalità in Lombardia è del 12 % ( naturalmente in crescita visto che molti degli attuali ricoverati possono morire ) ed in Veneto è del 3,2 ! Fermiamoci qui e riflettiamo su queste nostre differenze!

Mr Blonde

Dom, 22/03/2020 - 13:27

vediamo se i zingaretti / zaia / maroni si ripendano sulla sanità pubblica, invece di aver foraggiato quella privata da un decennio. E comunque la mortalità è più ampia o solo perchè i contagiati, quindi il denominatore, non sono tutti stati censiti, ed è da dicembre che girano polmoniti strane, o perchè i polmoni degli abitanti di quelle zone sono putridi dopo decenni di superinquinamento, aspetto il primo che mi insulti come gretino...

frank173

Dom, 22/03/2020 - 13:37

Ancora con questa storia? La mortalità risulta così alta perché il numero dei contagiati è MOLTO maggiore di quelli rilevati. Siete a corto di notizie da dare o seguita una strategia del terrore?

killkoms

Dom, 22/03/2020 - 13:39

si è preferito costruire i respiratori che tra pochi mesi (si spera) rimarranno fermi mentre forse si sarebbero dovuti approntare milioni di tamponi.

Ritratto di Guildenstern von Kalte

Guildenstern vo...

Dom, 22/03/2020 - 13:40

I dati della Cina non sono affidabili, sono una dittatura.

ClioBer

Dom, 22/03/2020 - 13:41

Se i poveri malcapitati non è possibile curarli nel migliore dei modi, perché mancano le strutture e, in particolare, i respiratori, ovvio che la mortalità sia alta. Se sono state diffuse consigli, da parte anche di eminenti scienziati, che indossare mascherine e occhiali a tenuta, era inutile e, in qualche caso, potevano rappresentare, persino, un pericolo maggiore, c’è da stupirsi se il virus si è diffuso con la velocità della luce? Se con tanti vertici e una miriade di DL, visto che i Supermercati (per es. Esselunga) hanno sospeso il servizio di consegna a domicilio, il che determina code all’esterno e inevitabili incroci ravvicinati all’interno, anche con persone sprovviste di protezioni, ci voleva tanto per “consigliare” i responsabili di questi negozi che, in questo particolare momento, sarebbe più utile incrementare questo servizio? Insomma, se ognuno deve fare la sua parte, un po’ d’acume in più non guasterebbe.

killkoms

Dom, 22/03/2020 - 13:42

@giuseppegrasso,i furbi crucchi conteranno sicuramente solo quelli esclusivamente morti di covid!

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Dom, 22/03/2020 - 13:46

ConteRaffaelloM...vedo che lei riprende gli altri su dei commenti affrettati come con DRAGONI e poi diffonde notizie dette da fantomatici esperti che dicono "il nostro virus non e' quello cinese ma il ceppo tedesco" .... ora o lei è uno di questi espertoni o parla a vanvera come tutti .... coerenza questa sconosciuta ...

Ilsabbatico

Dom, 22/03/2020 - 13:47

vorrei rispondere a @morello ... hai ragione infatti io penso che in lombardia ci siano almeno 3 o 4 volte i contagiati ufficiali, ecco perchè è difficile fermare la pandemia lì e si spiega il come mai di tutti questi decessi. In parte ci sarà anche il PM10 o chissà cosa ma la vera spiegazione è solo quella! Come controprova abbiamo anche un altro numero che da settimane tengo d'occhio e lo scrivo qui sui commenti ma nessuno lo critica....Guardate anche la percentuale dei casi in terapia intensiva, in italia fa PAURA! e anche lì capisci che i veri contagiati come minimo devono essere 3 o 4 volte superiori.

StefanoZamboni

Dom, 22/03/2020 - 13:47

forse dovreste contare tutti i malati, quindi le statistiche sarebbero anche più significative. Inoltre, in Italia vengono utilizzati troppi farmaci come il cortisone e vari tipi di antibiotici questo soppratutto in ospedale. Forse della gente muore proprio per queste medicine.

gjallahorn

Dom, 22/03/2020 - 13:48

I morti sono stati determinati dal numero improvviso di ammalati e alla tardiva quarantena. I posti in ospedale non si liberano, i nuovi ammalati rischiano di morire a casa in numero maggiore senza assistenza. Nelle rianimazioni si deve scegliere fra chi vive e chi deve morire, Prima erano solo anziani e si salvavano i cinquantenni, adesso è il turno degli altri.

Ritratto di Terenzio-Plauto

Terenzio-Plauto

Dom, 22/03/2020 - 13:49

Ultimissime : Putin invia missione speciale di 100 superesperti .L'ha intitolata : " Dalla Russia con amore ". Che accoglienza farà loro" Il piccolo Cesare " Giuseppi e " L'uomo che ride Zinga " ? Raddopieranno l'embargo alla Russia ?

ettore10

Dom, 22/03/2020 - 13:50

Statistiche che mostrano come la situazione è molto più grave in Italia che altrove. Le spiegazione date pure attribuibile non sono complete. qualche cosa manca. necessitano studi più approfonditi che spiegano meglio le origini, il comportamento e i mutamenti se esistono di questo virus, altrimenti sono ragioni circolari.

Beraldo

Dom, 22/03/2020 - 13:53

Basta disinformazione! In Italia non c'è né un primo caso cinese né un primo caso tedesco, perché non è stato MAI trovato un paziente zero. Ci sono solo illazioni politicizzate e tre distinti focolai privi di origine epidemiologica.

EliSerena

Dom, 22/03/2020 - 13:55

Vero tamponi pochi. Prevenzione zero. Paesino di montagna 300 persone 8 Valcanale di Ardesio BG). Unico negozio di alimentari. i due proprietari con febbre e tosse tengono aperto una settimana. Vengono ricoverati . Infetti. tre email al sindaco , responsabile della sanità Silenzio assordante. Contatto Prefetto. Sindaco mi risponde immediatamente come fossi un delinquente, perché avevo avuto l'ardire di chiedere tamponi preventivi a tappeto che li avrebbero fatti. Però i ricoverati ora sono molti e pure positivi. Poi ci lamentiamo di cosa? Per caso sindaco lega, ma poteva essere di ogni formazione. Ma noi viviamo nel terrore.

Beraldo

Dom, 22/03/2020 - 13:58

In nessun paese è stato mai trovato il paziente zero. Nemmeno in Cina. In tutti i paesi l'indezione è multifocale. Solo una parte dei primissimi casi cinesi origina nel mercato di Wuhan. Se non si inizia a fare informazione corretta siamo finiti e all'epidemia seguirà una guerra devastante. Mettetevi una mano sulla coscienza.

cecco61

Dom, 22/03/2020 - 13:58

@ Conteraffaello ecc: la sanità è regionale ma gli acquisti devono essere fatti mediante gara d'appalto secondo le procedure Consip gestite da Roma e dal Governo.

cir

Dom, 22/03/2020 - 14:02

ma si,tanto siamo campioni nel modo del calcio , tutti ci invidiano . il paese piu' bello , navigatori, poeti ...ma vogliamo mettere le nostre imprese a confronto con gli altri ?

Happy1937

Dom, 22/03/2020 - 14:04

9%, discorsi in libertà. Non è possibile calcolare l'indice di mortalità quando non si conosce il numero degli infettati.

antonmessina

Dom, 22/03/2020 - 14:04

signor giuliani scusi ma lei riese solo a scrivere articoli copiandoli da quelli comunisti come i corrierre repubica e simili? suvvia faccia uno sforzo e indaghi personalmente

Royfree

Dom, 22/03/2020 - 14:09

La mortalità è forse anche più alta. Ma è così il tutto il mondo. Stare a credere alle infami autorità Cinesi è come credere all'elefante che vola. La Cina si è resa responsabile del più grande crimine mai commesso da migliaia di anni. Andrebbe bandita dal resto del mondo e costretta a risarcire i danni che ha provocato.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Dom, 22/03/2020 - 14:14

venanziolupo la notizia del ceppo diverso l'ho letta su questo sito, nell'articolo intitolato: "Ceppo anche dalla Germania. Il contagio in Italia in due fasi". Teoria dello studioso Massimo Ciccozzi, direttore dell'Unità di Statistica medica ed Epidemiologia molecolare dell'Università Campus Bio-medico di Roma.

madrud

Dom, 22/03/2020 - 14:27

5 giorni tra tampo ed esito. La malattia avanza, il contagio pure. Arriva l'esito, ma c'è già la polmonite. Risultato: morti e terapie intensive. Alternativa: somministrate ai primi sintomi Avidal com in Giappone. Magari è meglio, peggio no di sicuro.

killkoms

Dom, 22/03/2020 - 14:32

@poker70,io assolutamente no!

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Dom, 22/03/2020 - 14:36

Per poter stilare una percentuale dei decessi bisognerà aspettare la crescita zero dei nuovi infettati e contare quanti non c'è l'hanno fatta. Dire che la percentuale è al 9% è un azzardo dato che significherebbe che tutti gli attuali malati sopravviveranno. Ragionando all'inverso si potrebbe dire che la percentuale di guariti attualmente è circa al 9% (a oggi i conteggi fra guariti e deceduti è più o meno uguale) ma non significa che tutti gli infetti moriranno. Se su diecimila malati mille guariscono e mille muoiono la percentuale in avanzamento su entrambi i fronti e del 50%.

mifra77

Dom, 22/03/2020 - 14:40

Il motivo potrebbe essere solo uno e se non contassimo così tante vittime, lo potremmo definire banale. Quando si chiedevano controlli e quarantene a chi rientrava dalla Cina, i nostri governanti festeggiavano con involtini primavera e gridando RAZZISTI e FASCISTI a chi voleva mettere le mani avanti e ripararsi. I fautori della via della seta, ancora oggi, fingono contrizione e continuano a raccontare baggianate e menzogne. Ogni giorno parlano di tonnellate di materiali sanitari in arrivo e poi frenano ad aiutare la realizzazione di posti di rianimazione, rimandando gli stanziamenti indispensabili. Chiedersi il perché? Ma se, se lo chiede un giornalista, perché non se lo chiede il Presidente Mattarella?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 22/03/2020 - 16:03

@ConteRaffaelloM...- ancora a tirare in ball ola Lega. Ma smettila! Prorpio tu parli di non dire fesserie in questo momento? Ma chi sei? Non te ne accorgi che tutti ti tirano le orecchie?

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Dom, 22/03/2020 - 16:23

Diciamo anche che tanti che muoiono in questi giorni vengono messi nel conto CV perché non c'è modo/tempo di verificare il contrario? Considerato che ogni giorno in Italia muoiono, per cause naturali (vecchiaia e malattia, quindi esclusi incidenti/suicidi) 1700 persone e considerato che (leggevo) 8 su 10 nemmeno arrivano in ospedale ma muoiono a casa loro (come succede da sempre), chi ci dice che i numeri di 'sto coronavirus non siano un po' troppo pompati? Il che, a pensarci bene, schifo non farebbe per giustifcare la sospensione della democrazia ottenuta grazie alla psicosi isterica generata in mesi. E cosa c'è di meglio di numeri alti per tenere viva una psicosi isterica? A pensare male si fa peccato...

Ora

Dom, 22/03/2020 - 16:38

È al 9% calcolata sui contagiati ,secondo gli scienziati il numero dei contagiati effettivi dovrebbe essere 5/10 in più e quindi la percentuale della mortalità dovrebbe essere molto più bassa,certo che quasi 5000 morti in poco tempo fa impressione.

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 22/03/2020 - 17:54

non credo che il virus ce l'ha particolarmente con gli italiani, se siamo a 5000 morti vuol dire che i contagiati sono almeno 250.000.

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Dom, 22/03/2020 - 18:56

Che cosa è al 9 per cento? Non certo la mortalità effettiva del virus ma semplicemento il numero dei morti rispetto ai contagiati e pertanto che cavolo di valore esprime? Non certo la mortalità del virus che al momento è pari alla spravvivenza. Ripeto la mortalità potrà essere calcolata alla fine del contagio.

Enricolatalpa

Sab, 28/03/2020 - 15:16

Signori, vogliamo per favore capire 2 cose fondamentali e smetterla di parlare a vanvera: 1) in Italia si registrano, come in Spagna ma non, ad esempio, in Germania, i morti CON Covid e non i morti DA Covid 2) le percentuali sono frutto di una frazione, ovvero un numeratore fratto un denominatore; il denominatore è costituito dai tamponi positivi, NON dai contagi reali (in altre parole, mentre i malati gravi e quindi anche i morti sono tamponati, i portatori sani non lo sono). Quindi, parliamo d'altro, per favore...!