Coronavirus, superate le mille vittime

In Italia 15.113 persone hanno contratto il coronavirus. I decessi in totale sono 1.016 (+188). Guariti 1.258 pazienti

Oltre mille. Per essere precisi, 1.016. È il numero delle vittime secondo l'ultimo bollettino sull'emergenza coronavirus in Italia. "I decessi di oggi sono 188. È stata superata la quota di mille", ha spiegato il commissario per l'emergenza e capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

"Vedremo l'effetto di queste misure tra un paio di settimane", aveva dichiarato ieri il premier Giuseppe Conte dopo la firma del nuovo decreto per contenere la diffusione del coronavirus. Un concetto confermato da Borrelli che ha riportato anche il numero dei guariti: 213, 1.258 in totale. "I postivi sono saliti di 2.249, per un totale di 12.839 - ha continuato il capo della Protezione civile -. 189 i deceduti di oggi".

In Italia, dall'inizio della diffusione del virus cinese, 15.113 persone hanno contratto il Covid-19, 2.651 in più di ieri. I pazienti ricoverati con sintomi sono 6.650; 1.153 sono in terapia intensiva, mentre 5.036 sono in isolamento domiciliare fiduciario.

"Ad oggi sono stati distribuiti oltre 4 milioni di dispositivi, con 1,2 milioni di mascherine - ha dichiarato Borrelli facendo il punto della situazione -. Abbiamo più di 4.600 uomini, 2.159 in più rispetto a ieri, per quanto riguarda il sistema di Protezione Civile. 1.700 volontari, 2.700 strutture operative. Abbiamo già distribuito oltre 325 ventilatori e altri 116 che sono in distribuzione in Lombardia, Marche e Veneto".

Il commissario ha invitato ancora una volta le persone a restare a casa e mantenere anche in famglia le distanze. "Dobbiamo fare tutti un sacrificio. La regola è mantenere le distanze, anche in famiglia. È nell'interesse di ognuno di noi. Capisco che in famiglia si tende ad allentare le barriere difensive, mi permetto di consigliare un pò di sana prudenza, che fa bene a tutti". Infine ha lanciato un appello a tutti gli italiani: "In questo periodo si sta registrando una contrazione della donazione del sangue. Ma donare è fondamentale e avviene in assoluta sicurezza. Dunque facciamo un appello a tutti i cittadini: continuate a donare perché è fondamentale per salvare vite umane".

L'Istituto superiore di sanità "sta cercando di approfondire i motivi e i fattori di rischio per la mortalità attraverso lo studio delle cartelle cliniche - ha spiegato Paolo D'Ancona, epidemiologo dell'Istituto Superiore di Sanità -. Attualmente in istituto ne sono arrivati solo 70, è poco per una vera analisi. Ma stiamo cercando di spiegare meglio il perché appaia una mortalità così elevata rispetto agli altri Paesi. E anche lo stato dei pazienti che appare essere più severo in Italia".

Lombardia

Continuano a crescere i numeri in Lombardia. "Da lunedì c'è stata una presa di coscienza della situazione, per cui solo alla fine della prossima settimana vedremo i risultati - ha spiegato l'assessore al Welfare Giulio Gallera -. I positivi ad oggi sono 8.725 con una crescita in linea rispetto a ieri (+ 1.445). I decessi legati al coronavirus sono saliti a 744, 127 in più di ieri".

"Sono 21 giorni di coronavirus​. Stiamo resistendo, ce la stiamo facendo. Non solo ci stiamo provando, fino ad oggi la nostra battaglia la stiamo vincendo", ha continuato felice Gallera spiegando anche che "siamo a 1.067 posti in terapia intensiva, eravamo a 947 ieri. Siamo riusciti ad aprire 120 posti di terapia intensiva in un giorno. È un lavoro incredibile e per i prossimi giorni apriremo altri 16 posti al San Carlo e altri 20 al Papa Giovanni". Con l'emergenza coronavirus "c'è il problema della capacità di resistenza del sistema sanitario, bisogna fare in modo che i ricoveri non si continuino a sommare, ma che ci sia la possibilità di dimissioni o di collocare altrove alcuni pazienti che stanno meglio. La strategia è riuscire a ridurre il numero di pazienti ricoverati soprattutto negli ospedali di frontiera come Cremona, Crema, Bergamo, Brescia e Lodi, perché oggi non hanno quasi più capacità ricezione", ha concluso Gallera.

"I ricoverati in terapia intensiva sono arrivati in Lombardia a quota 605, 45 in più di ieri. I dimessi sono invece 1.085", ha spiegato poi l'assessore affermando che "il numero delle persone che arrivano dai paesi della zona rossa è sempre meno, questo ci conferma che la strada seguita in quei territori è quella giusta".

"Prendiamo atto del Dpcm, che sicuramente va nella direzione giusta. Noi lo volevamo più rigido, ma non è momento di commentare ma di attuare", ha concluso Gallera spiegando che i controlli delle forze dell'ordine sono e saranno rigidissimi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 12/03/2020 - 19:12

Se mettete questi titoli anche se sono veritieri, mettete in allarme la finanza. Domani sai che botto? Dite che tutto sta andando bene, i casi stanno diminuendo come le morti. Fra una settimana o due si riprende tutto. Nascondete i malati in altre strutture, ma senza farvene accorgerne. Ma la furbizia non esiste in questo Paese?

ginobernard

Gio, 12/03/2020 - 19:20

"In Italia 15.113 persone hanno contratto il coronavirus" cioè sono quelli positivi al tampone ? chissà quanti sono i veri contagiati ... un casino temo

jaguar

Gio, 12/03/2020 - 19:22

Una tragedia che continuerà se non chiudono le aziende e se non distribuiscono le mascherine.

Assix

Gio, 12/03/2020 - 19:29

Degli oltre 320.000 cinesi presenti ufficialmente in Italia ce ne sarà qualcuno positivo? o sono già tutti vaccinati?

lolafalana

Gio, 12/03/2020 - 19:29

Alla fine della conferenza stampa della Protezione Civile domanda PRECISISSIMA da parte di una giornalista a Borrelli riguardo al busillis sulla possibilità o meno di fare passeggiate in solitudine: risposta di Borrelli FUMOSA, CONFUSA, AMBIGUA e anche imbarazzata, praticamente una non risposta e si capiva che non sapeva bene che pesci pigliare; questi ridicoli personaggi nel decreto NON HANNO IL CORAGGIO di scrivere CHIARO E TONDO che è vietato poter camminare ma lasciano all'arroganza delle pattuglie delle FFO di minacciare le persone di denuncia (art. 650), quando, a rigor di decreto NON POSSONO FARLO. Stato ambiguo e arrogante.

Ritratto di Jexm

Jexm

Gio, 12/03/2020 - 19:38

.....mancanza di adeguate strutture in grado di accogliere in modo adeguato i molti casi gravi da virus....alleanza, improvvisa tra DX SX per tenere gli italiani ben chius,i sotto custodia,...il "potere", la classe politica..hanno paura..paura di una rivolta popolare disperata per la mancanza di un'assistenza sanitaria capace di soccorrere , soddsfare le esigenze di una popolazione ...Questa è la principale paura del potere,; paura di una rivolta popolare..Evitare una probabile ribellione, a costo di mandare in rovina una nazione, l'importante, per loro, è salvare la " buccia" e le poltrone..

jbos59

Gio, 12/03/2020 - 19:40

Superati i 1000 morti, ma stando a quanto detto da Borrelli solo circa il 20% dei deceduti non aveva patologie pregresse. Ho l'impressione che stiano facendo e ci stiano proponendo un minestrone, imputando al coronavirus Covid-19 i decessi anche di persone ad esso non imputabili. Prendendo a riferimento il 20% dichiarato di decessi di persone senza patologie pregresse, ma anche un 40%, per stare larghi, saremmo nella media mondiale di decessi nel mondo per questa pandemia. Si è vero che l'Italia è un paese con un'età media elevata, ma lo sono anche altre nazioni come ad esempio il Giappone, che mi pare dichiari una percentuale di decessi sul totale dei positivi in linea con la media mondiale. I numeri sono alti e fanno scalpore, ma bisogna anche considerare che in Italia, anche senza il contributo del coronavirus, muoiono ogni giorno, mediamente, oltre 1.300 persone.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 12/03/2020 - 19:46

Io non capisco la gente che chiede la chiusura delle aziende. Ma come pensate che possa tirare avanti il sistema sanitario se chiudiamo le aziende? Dai prodotti farmaceutici al cibo al carburante ai vestiti ai computer etc. Ma scherziamo?

Ritratto di DinoRissi

DinoRissi

Gio, 12/03/2020 - 19:46

Vogliamo scommettere che almeno 1/3 del paese e dell'Europa ha il virus e non lo sa nemmeno ? Nel dubbio, è meglio rimanere a casa.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 12/03/2020 - 19:47

Una carneficina. Credo sia giusto ringraziare un primis i cinesi komunisti che si sono fatti esplodere tra le mani il virus,ed in secondo luogo il governo attuale,incapace di comprendere la gravità del fenomeno. Quando il nemico non lo conosci,bisogna usare subito misure drastiche,anche se impopolari,invece ha tergiversato e alle misure drastiche ancora non si è arrivati del tutto. Mentre i decessi,quelli ci sono,eccome se ci sono. E vogliono pure passare,alla maniera di un tal Renzi,come i salvatori dell'Italia. Alle prossime votazioni sparirete del tutto.

DRAGONI

Gio, 12/03/2020 - 19:49

LA RESA DEI CONTI SI AVVICINA.IL TUTTO E' INIZIATO CON I SOLITI ANTIRAZZISTI CHE HANNO DERISO CHI AVENDO CAPITO CHE SI TRATTAVA DELL'INIZIO DI UNA TRAGEDIA NAZIONALE AVEVA LANCIATO L'ALLARME E INDICATO ALCUNE NORME CHE DOVEVANO ESSERE APPLICATE NELL'IMMEDIATO.CON L'ABBRACCIO AI CINESI ED L'ANDARE A DEGUSTARE MANICARETTI NEI LORO RISTORANTI......E QULCUNO HA ANCHE VISITATO UNA SCUOLA CON SCOLARI CINESI!!

buonaparte

Gio, 12/03/2020 - 19:54

la comunicazione fa schifo.. oramai si è capito che in questi giorni ce chi si sta facendo i soldi e sta diventando famoso grazie a questo virus-invece di dire vittime diciamo morti-poi queste persone erano vaccinate dall'influenza normale? se si sarebbero morte anche con una influenza normale? quanti sono veramente i morti per colpa del virus senza altre complicanze ? i contagiati e positivi lo sappiamo che sono 100 volte di piu come dice la capua perchè molti sono positivi senza avere la malattia e quindi sfuggono alle statistiche,ma sono contagiatori pericolosi proprio perchè non portano le mascherine come dicono che dovrebbero fare solo gli ammalati. PORTATE TUTTI LE MASCHERINE QUANDO INCONTRATE ED AVVICINATE ALTRE PERSONE PERCHè IL METRO DI DISTANZA NON BASTA-PROVATE CON IL FUMO DELLA SIGARETTA PER VEDERE DOVE VA IL VOSTRO ALITO E SE 1 METRO è SUFFICIENTE

ziobeppe1951

Gio, 12/03/2020 - 19:58

GOVERNO DI INETTI!

Makatea

Gio, 12/03/2020 - 20:07

@do-tu-des siamo dei beoti