Covid, esercito in campo. A Caserta nuovo centro vaccinale: "Qui mille vaccini al giorno"

Il presidio, allestito dalla Asl casertana in collaborazione con i soldati delle Forze Armate, sarà attivo tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.30

Covid, esercito in campo. A Caserta nuovo centro vaccinale: "Qui mille vaccini al giorno"

Non si ferma lo sforzo dell'esercito italiano nella lotta contro la pandemia di Covid-19. L'ultima novità riguarda l'inaugurazione del Presidio Vaccinale della Difesa (PVD) presso la Caserma Ferrari Orsi di Caserta, sede dalla Brigata Garibaldi dei Bersaglieri.

Il Presidio Vaccinale della Difesa di Caserta

Si tratta del punto vaccinale più grande della Campania. È stato allestito dalla Asl casertana in collaborazione con i soldati delle Forze Armate. Per capire l'impatto che questa strutturà potrà avere nel programma di vaccinazione di massa, è utile leggere un paio di cifre. Innanzitutto, l’installazione, allestita in poche settimane nell’area denominata "Campo El Alamein", consentirà di somministrare fino a 1000 vaccini al giorno.

Il Presidio Vaccinale della Difesa di Caserta, inoltre, opererà affidandosi a 26 differenti postazioni, e a un personale formato da 40 medici e infermieri dell’ASL coordinati dal personale logistico della stessa Brigata Bersaglieri "Garibaldi". La struttura comprende inoltre soluzioni per agevolare la vaccinazione alle persone con disabilità o con mobilità ridotta, le quali avranno spazi e corsie appositamente dedicate.

Il contributo dell'esercito

"La Difesa – aveva annunciato il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini,lunedì presso l'ospedale militare di Baggio - è pronta a rimodulare, d'intesa con le autorità sanitarie, le attività dei Drive Through per concorrere, se necessario, alle vaccinazioni". Da questo punto di vista, l'apertura del PVD di Caserta rappresenta un segnale forte e chiaro.

Il centro, infatti, ha sostituito il Drive-Through-Difesa, che rimarrà comunque attivo per l’elaborazione dei tamponi grazie al laboratorio mobile del Settimo Reggimento NBC gestito da operatori specializzati del "Celio", operativo dallo scorso mese di ottobre, e che da allora ha processato più di 6000 tamponi.

All'inaugurazione erano presenti il Comandante della Brigata bersaglieri "Garibaldi", Generale di Brigata Massimiliano Quarto, il Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Locale di Caserta, Dottor Ferdinando Russo, oltre alle più alte autorità civili della città. Il presidio sarà attivo tutti i giorni, dalle 8.00 alle 20.30, a favore del personale appartenente al comparto scolastico designati dall’ASL di Caserta, contribuendo così a rafforzare il piano sanitario regionale. In seguito, con il supporto delle Autorità Sanitarie e della Regione Campania, sarà aperto anche al resto della cittadinanza secondo il calendario di vaccinazioni stabilito dalle autorità sanitarie.

"La Difesa sta compiendo tutti gli sforzi possibili per fronteggiare la quotidiana "battaglia" nei confronti del virus attraverso il supporto ai cittadini in stretta collaborazione con le istituzioni locali" ha spiegato il Generale Quarto nel suo intervento. Il centro campano, non a caso, è soltanto la punta dell'iceberg, e si inserisce in un più ampio contesto di attività che l'esercito sta mettendo in atto per contrastare l'emergenza sanitaria.

Commenti