Covid, Gismondo: “Rischio no immunità di gregge fino al 2024”

L’esperta ha spiegato che se si allungano i tempi scadrà la protezione anche per i soggetti già vaccinati

A lanciare l’allarme questa volta Maria Rita Gismondo, microbiologa e direttrice del Laboratorio di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell'ospedale Sacco di Milano, che all’Adnkronos Salute non ha usato mezzi termini: “In Italia, con i numeri attuali, con le attuali capacità, non riusciremmo a raggiungere un'immunità di gregge contro Covid-19 fino al 2024". Una profezia non proprio auspicabile, ma secondo l’esperta il rischio c’è eccome. La Gismondo ha infatti spiegato che questa è la prospettiva che ci dovremo attendere, tenendo conto sia del numero di dosi di vaccino che fino a questo momento sarebbero nel nostro Paese, sia del numero di vaccinatori disponibili. Insomma, l’importante è riuscire a vaccinare quante più persone possibili in un lasso di tempo molto breve.

Gismondo: "Non c'è una esatta agenda vaccinale"

Anche perché, come sottolineato dalla microbiologa, se vengono allungati i tempi per le vaccinazioni, considerando che potrebbero coprirci per circa 8-10 mesi, ora che vengono vaccinati tutti, i primi rischiano di aver già perso la protezione e ritornare scoperti, quindi facile bersaglio del virus. La Gismondo ha sottolineato “il fatto che non vi sia una esatta agenda vaccinale è sotto gli occhi di tutti", e in parte dipende anche dalla produzione dei vaccini. Secondo l’esperta sarebbe quindi il caso di iniziare a pensare anche ad altri vaccini che sono già in fase 3 di sperimentazione, oltre a quelli già approvati in Unione Europea, di Pfizer-BioNTech e di Moderna. A breve dovrebbe arrivare anche quello di Astrazeneca.

Ritardare la seconda dose

In ogni caso, se si devono fare i conti solo con i vaccini già disponibili, la Gismondo sembra essere in accordo con Giuseppe Remuzzi, il direttore dell'Irccs Mario Negri.

Entrambi sarebbero dell’idea di somministrare la prima dose di vaccino a più persone, andando ad aumentare il tempo tra la prima e la seconda dose, in modo da riuscire a proteggere più soggetti. "Considerate le pubblicazioni scientifiche che assicurano sulla possibilità di una seconda dose più in là nel tempo, è certamente più conveniente vaccinare con la prima dose un più ampio numero di persone, piuttosto che procedere in tempi ristretti con la seconda coprendo però una quota inferiore di popolazione" ha tenuto a precisare la Gismondo. Anche in questo modo però il rischio è quello di non riuscire a raggiungere l’immunità di gregge entro il 2021, e neanche nel 2022 o 2023. Forse più pensabile per il 2024.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

roberto67

Mar, 12/01/2021 - 16:40

Con i numeri attuali è ovvio che non si va da nessuna parte. Per avere una copertura decente nei tempi dovuti, cioè vaccinando il 70% degli Italiani prima della fine dell'estate, bisogna inoculare circa 3 milioni di dosi alla settimana. Questo è l'obiettivo, qualsiasi numero inferiore non ci permetterà di uscirne prima di quest'anno.

jaguar

Mar, 12/01/2021 - 16:44

Pfizer consiglia la seconda dose dopo 21 giorni, l'Oms dice che si può fare anche dopo 6 settimane, quindi il doppio. Non si sa per quanto tempo il vaccino sarà efficace, men che meno si conoscono gli effetti collaterali a lungo termine. In questo marasma l'unica certezza è quella di ritardare la vaccinazione il più possibile, magari tra un paio d'anni.

sbrigati

Mar, 12/01/2021 - 16:50

Per fortuna sono medicie dovrebbero sapere xerte cose. Se il vaccino è efficace con le dosi distanziate di tot giorni, aumentare il lasso di tempo farebbe soltanto calare od inficiare la protezione, non lo dice il sottoscritto, ma chi lo produce. In quanto alla tanto sospirata immunità di gregge vorrei spiegassero come mai per la famigerata spagnola arrivò dopo circa due anni e non erano disponibili vaccini di sorta,mentre ora parlano di 4 anni.

Mariottoilritorno

Mar, 12/01/2021 - 17:00

il gregge c'è già, per l'immunità si vedrà

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 12/01/2021 - 17:05

Hai voglia!...Arriverà un altro Covid,e saremo punto e a capo...la menata ormai continua in eterno...

cgf

Mar, 12/01/2021 - 18:57

nel frattempo saranno "scaduti" i vaccininati.

Ritratto di sr2811

sr2811

Mar, 12/01/2021 - 19:26

Ma immunità di cosa se dopo 6 mesi non vi è più traccia di anticorpi? che siamo sempre a vaccinarci ogni 6 mesi? pura follia...