Dimessa dall'ospedale, dà alla luce la sua bimba a casa

La donna ha partorito a casa, dopo due ore, senza l'assistenza dei sanitari

Era stata dimessa dall'ospedale perché non era ancora il momento di partorire. Invece, poche ore dopo essere stata rimandata a casa, Simona ha datto alla luce la sua bimba.

È l'alba del 14 agosto e Simona, 37enne di Azzano Mella, paese in provincia di Brescia, si reca al pronto soccorso della Poliambulanza di Brescia, con forti dolori. La donna, a pochi giorni dal termine, non ha dubbi, essendo già madre di due figli: la sua bimba sta per nascere.

Il medico di turno, però, non è dello stesso avviso e invita la donna a tornare a casa, perché sostiene sia ancora troppo presto per il parto. Simona racconta di aver detto al dottore che "essendo sotto terapia da mesi per rischio di trombosi venosa, avrei dovuto fare un parto con elasto compressione". Ma non c'è niente da fare e la donna viene rimandata a casa, insieme al marito Gianluca.

Decidono di appoggiarsi all'abitazione della sorella di Simona, più vicina all'ospedale, dove arrivano alle 6.30 di quella mattina. La bambina, Eleonora, nasce appena due ore dopo: Simona ha partorito in casa, senza assistenza. Poi, all'arrivo dei soccorritori, entrambe sono state portate agli Spedali Civili, ancora col cordone ombelicale attaccato.

"Io e mia figlia- commenta Simona al Giornale di Brescia -abbiamo rischiato grosso. Spero che la mia storia possa almeno far riflettere qualche medico ansioso di rimandare a casa le donne incinta".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 17/08/2018 - 11:33

incompetenze, non c'è dubbio! ormai abbiamo medici e infermieri incompetenti. forse hanno fatto pratica in congo? o in nigeria? :-)

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 17/08/2018 - 12:17

negli ospedali vogliono infermieri laureati.ecco i l risultato.meglio la levatrice di una volta..almeno aveva una grossa esperienza

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 17/08/2018 - 12:25

Chi l'ha dimessa dovrebbe tornare a frequentare un paio d'anni di università oltre a pagare i danni.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 17/08/2018 - 12:56

Direi che ci sono gli estremi per "mandare a casa" anche il medico di turno,che evidentemente non è adatto a fare il medico. Ben inteso mettendo da parte le buone maniere.

Ritratto di hardcock

hardcock

Ven, 17/08/2018 - 14:14

I guasti del '68 continuano a far danni. Quanti medici ed infermi "-laureati-" hanno tra le mani la vostra salute negli ospedali italiani?? Mao Li Ce Linyi Shandong China