Il documento che inguaia il governo: la verità sul contagio nelle Rsa

Nel Libro nero del coronavirus il racconto inedito dei ritardi e delle retromarce di marzo che costarono la vita a migliaia di anziani

Pubblichiamo un estratto da Il libro nero del coronavirus (Historica Edizioni, 350 pagine, 20 euro), scritto da Giuseppe De Lorenzo e Andrea Indini.

Sfogliando le cronache di quei primi giorni di marzo, sembra quasi che nessuno avesse messo a fuoco che per evitare migliaia di decessi si dovesse agire con maggiore incisività nelle strutture per anziani. Se alle persone in strada si chiedeva di ridurre i contatti, forse sarebbe stato necessario vietare sin da subito le visite dei parenti nelle Rsa. Se negli ospedali si invitavano medici e infermieri a indossare le mascherine davanti a casi sospetti, forse sarebbe stato utile imporre l'uso del Dpi anche nei corridoi delle Rsa. E invece non è andata così.

La prima «rigorosa limitazione» all'accesso di visitatori nelle case di riposo viene inserita solo nel Dpcm del 1° marzo ed è riferita esclusivamente ad alcune regioni. L'indicazione generalizzata alle residenze di tutta Italia di limitare «l'accesso di parenti e visitatori» arriverà solo con il Dpcm del 4 marzo. Per quasi due settimane, dunque, i parenti continuano a fare avanti e indietro nelle strutture, rischiando di portare con loro il contagio. Non sarebbe stato meglio agire subito in tutto il Paese? Senza contare che il primo rapporto dell'Iss dedicato alla prevenzione e al controllo dell'infezione nelle Rsa arriverà addirittura il 16 marzo, due mesi dopo la dichiarazione dello stato di emergenza. Non si poteva predisporre prima?

Le indicazioni dell'Iss meritano di essere citate non solo per la tempistica ma anche per il contenuto. Queste suggeriscono troppo genericamente di indossare «dispositivi di protezione individuale appropriati» in «relazione alla valutazione del rischio». Non si parla mai di indossare i Dpi per «prevenire» l'ingresso del morbo. Anzi. Anche per i pazienti le mascherine vengono suggerite solo «in presenza di sintomi di infezione respiratoria acuta». Il documento dell'Iss verrà rivisto il 17 aprile in una versione aggiornata e molto, molto più dettagliata. Perché non farla subito così? Quando ormai la strage nelle Rsa è il tema centrale del dibattito politico, infatti, l'Istituto rende più dure le indicazioni rivolte alle strutture sanitarie. Tra le regole non inserite nella prima versione viene per esempio scritto di «evitare per quanto possibile l'invio di residenti in ospedale per visite specialistiche ed esami strumentali» e viene chiesto a fornitori, manutentori e altri operatori di indossare la mascherina chirurgica. Peccato fosse ormai troppo tardi.

«Le prime indicazioni ci dicevano che la mascherina non andava messa», racconta un operatore sanitario di una Rsa emiliana. Nel primo rapporto indirizzato agli operatori sanitari (14 marzo) viene infatti spiegato che, vista la scarsa disponibilità di Dpi, è bene «ottimizzare il loro utilizzo» per «garantirne la maggiore disponibilità possibile agli operatori maggiormente esposti al rischio di contagio». Tradotto: ridurre al minimo l'uso delle mascherine se non si è impegnati a trattare un contagiato. Nelle aree di transito di un ospedale, in assenza di pazienti Covid, l'uso dei Dpi viene, quindi, ritenuto «non necessario».

Il rapporto verrà rivisto il 28 marzo. «In alcuni ambiti assistenziali sanitari - viene aggiunto - si valuti la possibilità di uso della mascherina chirurgica come presidio da utilizzare all'interno dell'ospedale tout court per tutti i sanitari». L'esempio calza a pennello per le Rsa. La domanda è: perché non suggerirlo sin da subito e scriverlo nelle istruzioni dedicate agli operatori delle strutture per anziani?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

flip

Lun, 12/10/2020 - 10:20

agli "anziani DECEDUTI PER CAUSE DIPENDENTI DAL CORONA VIRUS MA ANCHE PER L'INEFFICACIA ED IMPREPARAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO, DEVE ESSERE UGUALMENTE CORRISPOSTA LA PENSIONE O IL RICONODCIMENTO DI UN ELEVATO IMPORTO UN TANTUM. l'iNPS NON S' è TROVATA PRONTA (NEL TEMPO) A FRONTEGGIARE LA PERICOLOSA SITUAZIONE..

SemprePiùBasito

Lun, 12/10/2020 - 10:49

Non è che ci voglia tanto per immaginare l'impreparazione del CTS e dei politicamente impreparati, il tragico è che si continua sula stessa strada quindi immaginiamoci dove finiremo.

cgf

Lun, 12/10/2020 - 10:53

So di una RSA lombarda, vi è la madre del mio migliore amico, che già a Febbraio hanno INTERROTTO le visite dei parenti, TUTTI gli operatori indossavano la mascherina, poco importa se al Governo dicevano che gli ospiti si spaventavano, si sarebbero spaventati di più ogni volta ne sarebbe morto uno. Ancora oggi le visite 1 sola ora alla settimana in ambiente protetto/sanificato, contagi? ZERO e ZERO persone che abbiano portato via i loro cari da quella struttura

Iacobellig

Lun, 12/10/2020 - 10:57

Mandate la notizia alla magistratura che sta indagando sull’operato di Conte che merita di essere processato e condannato!

Giorgio5819

Lun, 12/10/2020 - 10:58

Tanto certi soggetti non pagano mai... loro le "protezioni" le hanno sempre e comunque, sono intoccabili per statuto del partito.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Lun, 12/10/2020 - 11:01

Articolo sfacciatamente di parte , per sparare a zero sul governo. Che i personale delle RSA senza nessuna protezione svolgeva le ordinarie prestazioni mi raccomando non diciamo nulla ? Siete patetici.

Pigi

Lun, 12/10/2020 - 11:05

L'unica misura utile sarebbe stata quella di consentire l'accesso alle RSA e simili soltanto a persone non positive dopo uno o più tamponi. Cosa servono le mascherine se un fisioterapista contagiato lavora dentro questi istituti? Poi, non esiste alcuna prova che le mascherine servano a fermare il virus. Si usano nello stesso modo in cui fino all'800 si facevano i salassi in ogni occasione, per inerzia e quieto vivere.

Tobi

Lun, 12/10/2020 - 11:16

Non dite nulla sul fatto che i malati covid siano stati portati proprio nelle RSA? Pur sapendosi già allora che gli anziani erano quelli più a rischio. Una cosa apparentemente pianificata dall'alto perché fatta anche in Inghilterra, USA ed altre nazioni.

acam

Lun, 12/10/2020 - 11:27

se vi aspettate il mea culpa da questi incoscienti aspetterete invano lo hanno fatto obama e sar ko con napolitano? la colpa é di chi li avrebbe dovuto contrastarli, ovvio, che centrano i tre con questo fatto? é vero centrano solo per attinenza, sono politici e possono sbagliare impunemente tanto il popolo bue alla fine è quello che ha sbagliato a votare... ora alla epi -pan -demia coronarica. colpa della cina ma sono 1500 milioni cone si fa ad incolparli tutti? poi in altri campi ci fanno spendere poco e sono un esempio per abbassare i wellfares, meglio incolpare i governi più allocchi, che non si possono difendere, per non far schizzare i prezzi alle stelle, esiste un insetto parlante, che rema in favore cinese ne ha colpa? ma no nemmeno lui, la sua marionetta sta li e ride per lui e poi può nascondersi CON te povero ixxxxxxxe grullo che lo hai votato, poi grande genialata del partenopeo '11, tirò il sasso e nascose la mano rossa

xgerico

Lun, 12/10/2020 - 11:28

@Tobi-Lun, 12/10/2020 - 11:16- Dove hai attinto tali notizie? Sul Corriere dei piccoli?

jaguar

Lun, 12/10/2020 - 11:30

Ormai non sappiamo più a chi credere, ognuno racconta la sua verità e probabilmente nemmeno questo libro ce la racconta giusta.

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 12/10/2020 - 11:34

d'altronde, rende di più una RSA, per così dire, per le migliaia che sbarcano che per una RSA per gli anziani italiani

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 12/10/2020 - 11:37

marino.birocco, già, di parte. Perché quelli sui GIORNALONI non lo sono? Ma voi COMUNISTI guardate solo la pagliuzza negli occhi degli altri; mai la trave che avete voi...

ExOccidenteLux

Lun, 12/10/2020 - 11:47

Il governo è colpevole di una strage, provocata per seminare il panico nella popolazione. L'opposizione di un complice silenzio. Lo sapevamo già.

cgf

Lun, 12/10/2020 - 11:52

@pigi 11:05 è sicuro? La spagnola è 1918, e doveva avere la mascherina se voleva salire su un bus/tram/treno, legga i giornali dell'epoca, poi quelli in altre parti del mondo anche 2003 e 2010. La mascherina non sarà importante per lei che chiede all'igienista o alla sua dentista di non usare la mascherina perché il loro sorriso la tranquillizza. Conosco diverse persone che indossano gli occhiali rosa, è un modo di dire, ma sono anche quelle tra cui conosco che hanno preso sempre le batoste più grandi perché avevano una visione decisamente distorta della realtà. La ricerca scientifica si basa su prove certe. Senza scomodare chi già nella seconda metà del 1800 la usava con comprovati motivi, pensi che anche Angela da Mondello è passata da Non ce n’è Coviddi a Il virus c’è: siamo messi male - Usate la mascherina. Fatto di cronaca, la sig.ra Angela ha fatto un gita nel nord Italia col marito recentemente.

cecco61

Lun, 12/10/2020 - 11:54

Sinceramente non vedo la necessità di questa ulteriore "prova". Nella conferenza stampa, in diretta social, dell'unità di crisi del 15 marzo (col primo lockdown già operativo), con Fontana in collegamento telefonico che chiedeva più mascherine, non ricordo chi, se il fenomeno Ricciardi o qualcun altro, ribadiva che le mascherine erano inutili, anche per gli operatori sanitari. Fontana interruppe la comunicazione. Meglio quindi pensare che siano solo degli "imbecilli" altrimenti verrebbe da pensare che abbiano mandato a morire migliaia di persone per poi poter attaccare la giunta lombarda leghista per fini politici ed elettorali.

Gianx

Lun, 12/10/2020 - 12:20

@cecco61 Ha la mia stima! Poi di contro abbiamo il comunistello marino.birocco che ci illumina con la retorica del pd a cui lui è legato a doppio filo...Un filo porta il grano, l'altro filo il cervello in pappa.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 12/10/2020 - 12:33

Nessuno osi toccare o solo velatamente criticare il Comitato Tecnico Scientifico voluto dal governo 'mostro'. Esso, il CTS, è il fondamento contingente su cui edificare - finalmente! - l'inizio di una sempre auspicabile morsa alle libertà in Italia. Perché è solo attraverso le amorevoli cure di una dittatura, possibilmente feroce e spietata, che un paese in declino (irreversibile?) può sperare di risollevarsi. In Cina hanno sconfitto il virus in pochi mesi proprio mostrando la faccia truce al miliardo e mezzo di abitanti i quali si sono saggiamente adeguati. Invece, nell'Occidente in declino, si masturbano col Diritto, con la libertà, con l'impunità, con l'inviolabilità dell'individuo... Insomma fregnacce. E il virus dilaga... Per questo è necessaria la stretta, per ora, sanitaria... Nel frattempo cominciate a venerare la Legge della Giungla...

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 12/10/2020 - 14:07

Quando si potrsanno leggere tutti i resoconti di questo comitato, senza che il governo si opponga, si potrà valutare l'operato di costoro in illo tempore.

ExOccidenteLux

Lun, 12/10/2020 - 16:34

@vince50_19 Sembra piuttosto probabile che i verbali resteranno secretati e la faccenda sarà insabbiata come già innumerevoli altre. Per citare un noto costituzionalista, "mettono a rischio la tenuta democratica del paese". E non conterei su un prossimo governo dell'"opposizione", che nei fatti si dimostra già oggi complice della maggioranza.

milano1954

Lun, 12/10/2020 - 16:46

Vi dimenticate "casualmente" di ricordare che da fine marzo la protezione civile ha riempito le Rsa di malati positivi non dichiarati facendo esplodere focolai in tutto il Nord Ovest. Per esempio nell'Alessandrino ad Aprile oltre il 60% dei decessi avvenne nelle rsa (la mortalita' ormai calava...)

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 12/10/2020 - 18:05

ExOccidenteLux - 16:34 Io conto solo sul buonsenso, se per caso esiste ed esisterà ancora in questa nostra pur sempre amata Italia.