La tecnica dei pusher gambiani: arrampicati sui balconi per spacciare la droga

Duplice intervento dei carabinieri del Nucleo Radiomobile di Catania per contrastare lo spaccio di droga, i militari hanno prima arrestato un gambiano che si arrampicava nel balcone di casa per prendere lo stupefacente da destinare alla vendita e poi denunciato un suo connazionale per una violenta lite legata al mondo della droga

Si arrampicava nel balcone della propria abitazione, prendeva la droga e tornava giù a venderla. Era questa la modalità operativa dello spacciatore Lamin Jaitheh che è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile del comando provinciale di Catania. Il giovane, un 25enne di origini gambiane, aveva creato un giro d’affari abbastanza proficuo stando al via vai di persone che si recavano sotto la sua abitazione ubicata in una zona periferica della città. In qualsiasi ora della giornata, dal mattino alla sera, erano diversi gli assuntori di sostanze stupefacenti che bussavano al campanello dello spacciatore. Una volta incontrati gli acquirenti e ascoltate le loro richieste, il giovane si arrampicava nel balcone dovede teneva diverse le tipologie di droga e scendeva giù per la vendita.

Un modus operandi compiuto più volte durante il giorno grazie anche al fisico agile e muscoloso che aiutava il gambiano ad agire con destrezza e velocità. Nonostante questi elementi, che hanno giocato sempre in suo favore, il giovane è caduto nella rete dei controlli attuati dai militari per contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Attraverso i servizi di appostamento, i militari hanno potuto studiare le mosse dello spacciatore ed intervenire durante il momento dell’ illecita attività. Un’operazione non del tutto semplice quella diretta a fermare il gambiano che con il suo fisico possente ha posto resistenza cercando di aggredire i militari. Dopo la concitata colluttazione l’uomo è stato ammanettato e trasportato in caserma. Sul balcone sono stati ritrovati e sequestrati 80 grammi di marjuana, suddivisa in 35 dosi e altra droga ancora da imballare. Il 25enne, che aveva appena incassato una banconota da 20 euro è stato arrestato con l’accusa di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Subito dopo l’arresto dello spacciatore, i militari sono ritornati nella stessa zona per sedare un violento litigio sorto fra due uomini, anch’essi di origine gambiana. Si tratta di un 31enne e di un 20enne che, per motivi legati al mondo della droga, si sono picchiati con inaudita violenza. Approfittando della distrazione del 20enne, l’altro ha preso alcuni cocci di bottiglia che erano a terra per ferirlo. Fortunatamente gli uomini in divisa sono intervenuti tempestivamente scongiurando conseguenze più gravi. I due litiganti sono stati trasportati in ospedale con i mezzi del 118 e sottoposti alle cure del caso. Se la caveranno con alcuni giorni di prognosi. Il 31enne, A.G. è stato denunciato per lesioni personali aggravate.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Lun, 18/11/2019 - 15:30

belle persone che importano in italia e ci sono quelli che si lamentano di salvini. ma di salvini in italia ce ne vorrebbero mille non uno. e domani mattina ci sarà un giudice che scusandosi e facendoli anche un inchino lo rimettera in libertà per continuare il suo lavoro di spacciatore. povera italia!!!!

baio57

Lun, 18/11/2019 - 15:45

Ennesima risorsa pagatore di pensioni,che fugge dalle guerre,dai cambiamenti climatici e dall'invasione delle locuste -

Ritratto di adl

adl

Lun, 18/11/2019 - 16:05

E tutto questo perchè non si è ancora realizzato il progetto di UFO PD, che prevede una società con le seguenti priorità IUS SOLI + IUS CULTURAE + IUS BALCONI di SPACCIO.

maricap

Lun, 18/11/2019 - 18:18

Chi si oppone a leggi restrittive, ( minimo vent'anni per lo spaccio di droga, e dieci per lesioni ad appartenenti alle forze dell'ordine), andrebbe fucilato per alto tradimento del popolo italiano. Comunisti me r daioli, esseri decerebrati, con voi bisogna applicare quelle stesse leggi, che il comunismo impone là dove è al potere. O se non siete voi ad imporle, allora sarebbe fascismo. Sicuramente al mondo, moltissimi sono quelli che nascono da quella madre sempre incinta. Crescendo poi si accorgono che la natura è stata avara con loro e allora, " Avanti popolo, alla riscossa, bandiera rossa, trionferà". Segue

maricap

Lun, 18/11/2019 - 18:19

Part 2) Che poi il popolo faccia la fame, proprio là, dove la bandiera rossa ha trionfato. (la Germania ovest, paga ancora per risollevare quella dell'est, che era finita sotto il comunismo) chi mai potrà farlo capire, a questi tonti nati. Per gli esseri umani ciò è impossibile, dato che per far ciò, ci vorrebbe un miracolo, e per quello non siamo ancora attrezzati. Quindi Gesù pensaci tu.

ziobeppe1951

Lun, 18/11/2019 - 18:35

Come le scimmie

edo1969

Lun, 18/11/2019 - 18:37

ma chi ha portato qui stutti sti nxxxi che sui barconi hanno la faccina che f intenerire i gonzi comunisti e poi invece una volta sbarcati sono spacciatori topi di fogna violenti e criminali fuori a calci, qui ormai ci vuole itler ci vuole abbiamo il coraggio di dircelo, forzq itler