Due stupri in cinque giorni: immigrato terrorizza Bologna

Un richiedente asilo è stato arrestato dai carabinieri. Tra le vittime una studentessa: così le attirava in un casolare

Due stupri in cinque giorni: immigrato terrorizza Bologna

Orrore a Bologna. Un richiedente asilo, 26enne, di origine libica è stato arrestato con l'accusa di stupro e di abusi su due ragazze. Due casi distinti e separati infatti inguaiano il senza fissa dimora che è finito in manette nel capoluogo emiliano. Il primo episodio si sarebbe consumato lo scorso 15 aprile. A denunciarlo è stata una studentessa bolognese di 23 anni. La ragazza, con un tranello, sarebbe stata portata in un casolare abbandonato. Qui è scattata la trappola dell'orco che dopo avrela presa per il collo l'ha aggredita palpeggiandola. La 23enne, a cui in un primo momento il libico voleva cedere della droga, è riuscita a fuggire. La sua corsa si è fermata davanti ad un ristorante dove ha poi dato l'allarme. Per sette giorni porterà sul suo corpo i segni di questa brutale aggressione. Il secondo episodio invece riguarda una ragazza di 33 anni, originaria del Marocco. Sfruttando un0amicizia in comune, l'uomo si è messo in contatto con la sua vittima. Lo schema si è ripetuto e ha convinto la 33enne a seguirlo in un casolare. Qui si sono letteralemente spalancate le porte di un incubo. Il richiedente asilo avrebbe stuprato la donna. Dopo la violenza sessuale la donna, fingendo un malore, sarebbe riuscita a fuggire via. Il richiedente asilo si sarebbe distratto cercando alcune medicine. Da qui la fuga della ragazza. La donna è andata in strada e ha fermato un'auto.

Il conducente ha immediatamente preso il telefonino e ha chiamato i carabinieri. La donna è stata trasportata velocemnete in ospedale dove ha riportato una prognosi di circa 20 giorni. Dopo le indagini i carabinieri si sono messi sulle tracce del richiedente asilo e l'hanno rintracciato in un casolare mentre stava tentando la fuga. Adesso si trova in carcere con l'accusa di violenza sessuale, rapina e spaccio di sostanze stupefacenti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti