Effetto Dudù: volano le vendite di barboncini

Da quando Silvio Berlusconi e Francesca Pascale hanno adottato il cagnolino, le vendite degli esemplari di questa razza sono cresciute del 20%

Effetto Dudù: volano le vendite di barboncini

Da quando è entrao a Palazzo Grazioli, Dudù è diventato una star: il barboncino di Silvio Berlusconi e Francesca Pascale è sempre più al centro della scena.

E sembra persino aver aumentato l’interesse e il gradimento degli italiani verso i cagnolini come lui: negli ultimi mesi la vendita dei barboncini è aumentata di circa il 20%. A dirlo sono gli allevamenti - da Roma a Milano, passando per Bologna - specializzati in questa antica e particolare razza di cane. I motivi di questa passione? In parte è colpa dell'effetto Dudù: l’attenzione mediatica intorno al cane del Cavaliere "ha portato alla ribalta le qualità di questa razza e gli effetti positivi che questi cagnolini hanno sulle
persone, soprattutto bambini e anziani", come spiega la titolare dell’allevamento "Vecchia fattoria"di Roma.

E poi sono state riscoperte le qualità di questi cagnolini dal pelo riccio e ruvido: "Come tutti i cani danno un supporto psicologico alle persone che li accolgono in casa", spiega Alex, allevatore di Bologna, "Inoltre, parliamo di razze particolarmente intelligenti, che non perdono pelo e che quindi in un appartamento sono l’ideale". "E poi il barboncino è un cane docile, non morde i bambini e, essendo di piccola taglia, è facilmente trasportabile", aggiunge Emanuele, titolare del Crazy dog a Milano. Ma quanto costano questi
cagnolini? "Dipende", spiegano dall’allevamento Vecchia fattoria, "Un barboncino da compagnia può costare intorno a 300 euro. Quelli cosiddetti da concorso anche oltre 600 euro".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet
Tag

Commenti