Cronache

"Era un artista stupendo". L'ultimo addio a Solange

Alle esequie nessun personaggio dello spettacolo, ma moltissimi amici. "C’era il sole come lui voleva..."

"Era un artista stupendo". L'ultimo addio a Solange

La chiesa di Vicarello, in provincia di Livorno, era gremita di gente per l'ultimo saluto a Paolo Bucinelli, in arte Solange, il sensitivo trovato morto nella sua casa di Mortaiolo lo scorso 7 gennaio. Nessun personaggio dello spettacolo ha partecipato alle esequie, fatto salvo l'attore livornese Pietro Fornaciari. Però nessuno degli amici di Solange ha voluto mancare all’appuntamento. Erano tutti lì, a ricordare la sensibilità di Paolo e la sua gioia di vivere.

"C’era il sole come lui voleva - ha detto Fornaciari - e mi fa piacere che ci fosse così tanta gente, malgrado la tristezza del momento. Questo ha testimoniato come tutti volessero bene a Paolo". Uno dei suoi amici storici, Max Nascente, ha voluto ricordarlo dall’altare. "In una giornata d’inverno - ha detto - è arrivato un grande sole che Solange, dal cielo, ha voluto regalarci. Era un artista stupendo, incommensurabile ed eterno. Paolo non ci ha lasciati, è con noi e ci proteggerà sempre. Sono stato l’ultimo a sentirlo e vorrei ricordare le parole che ha saputo regalarci: non smettete di volervi bene".

Antonio, un altro amico, ha spiegato: "Lasciava il segno. Ogni volta che andava in trasmissione travolgeva tutti con la sua energia e la sua simpatia".

Intorno alla bara del sensitivo centinaia di fiori variopinti, perché lui amava i colori. Tanto che gli amici hanno voluto far volare dei palloncini in cielo. Solange a volte è stato dimenticato dalla tv, da quel mondo fatto di telecamere che ora cerca di dargli attenzione, forse per colmare quel vuoto che gli aveva riservato in vita. La sua morte, le cui cause saranno rivelate tra qualche tempo dall’autopsia, ha destato scalpore. "Non dimenticatelo - ha detto uno degli amici dal palco - preservate la sua memoria". Subito dopo un grande applauso, a dimostrazione che Solange non era solo, ma era amato da tanti, dalla gente comune, quella che gli ha voluto più bene. La salma è stata poi trasportata verso il cimitero di Collesalvetti, dove il sensitivo ora riposa accanto all’adorata madre Corallina.

Commenti