Evasione fiscale a Caserta, sequestrati beni per un valore di 3 milioni di euro

L’Agenzia delle entrate aveva accertato che la società di vendita all’ingrosso di ferramenta, nei modelli di pagamento unificato F24, relativi agli anni dal 2011 al 2015, aveva utilizzato crediti inesistenti per compensare effettivi debiti tributari

La Guardia di finanza, nella giornata di ieri, ha scoperto una maxi evasione fiscale nel Casertano, per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro. I militari hanno sequestrato beni a un’azienda che svolge l’attività di vendita all’ingrosso di ferramenta, con sede a Santa Maria Capua Vetere.

Il sequestro preventivo disposto dal giudice per le indagini preliminari si fonda sull'esito di approfondimenti investigativi delegati dalla Procura alla Guardia di finanza, in ordine alla denuncia dell'Agenzia delle Entrate - Direzione Provinciale di Caserta sull'evasione fiscale nel Casertano.

L’Agenzia aveva accertato che la società di vendita all’ingrosso, nei modelli di pagamento unificato F24, relativi agli anni dal 2011 al 2015, aveva utilizzato crediti inesistenti per compensare effettivi debiti tributari per il consistente importo di 2 milioni 992mila euro.

Le Fiamme gialle hanno sequestrato all’impresa 3 autoveicoli e 15 unità immobiliari, tra terreni e fabbricati, ubicati nelle province di Caserta e di Salerno, fino al valore soglia dell'evasione fiscale. Il provvedimento, che fa seguito ad altri interventi della Guardia di finanza negli ultimi mesi, conferma che l’evasione fiscale è una delle prassi criminali che si sta maggiormente diffondendo nel territorio casertano

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.