Facebook gli rovina la vita: "Io non sono un pedofilo"

Un 24enne di Parma accusato con un post "bufala" di pedofilia su Facebook. In 20mila rilanciano la denuncia dando inizio ad una persecuzione. Lui si difende e, disperato, dichiara: "Mi stanno uccidendo con un clic"

Quando le “bufale” che circolano su web rovinano la vita delle persone. O, in altre parole, la storia del ventiquattrenne Alfredo Mascheroni, barista di Collecchio, nel parmense. “Su Facebook – spiega Mascheroni riavvolgendo il filo di questa storia assurda – è comparso un post con la mia immagine e un link al mio profilo in cui si diceva che ero un pedofilo”. Qualcuno, infatti, ha associato l’account del ragazzo e ad un messaggio che recita: “Ciao, per favore segnali questo profilo? È un bastardo che manda foto nude a tutti ed un pedofilo, grazie, dimmi se lo fai”. Difficile anche solo immaginare cosa deve aver provato Alfredo. Un ragazzo tranquillo che, da un giorno all’altro, ha visto il suo nome – condiviso da oltre 20mila utenti – accostato ad un’accusa tra le più infamanti: quella di pedofilia. “I miei amici – spiega – hanno cercato di difendermi ma qualcuno li ha accusati di essere falsi, dei finti profili inventati da me. Hanno tirato in mezzo anche con la mia ex fidanzata, scrivendo che stavo con una minorenne quando in realtà lei è più grande di me di quattro anni. Mi hanno scritto di tutto”.

Il giovane parmense ha subito presentato una denuncia alla polizia postale ma, nel frattempo, continua la catena d’odio e di insulti ai suoi danni. E, purtroppo, non solo sul web: “I clienti nel bar entrano e mi chiedono cosa è successo. In piazza, a Collecchio, qualcuno per scherzo ha gridato: ‘C’è il pedofilo’. Ho l’angoscia”. Persino suo zio di cinquant’anni, che non usa Facebook, al telefono, gli ha domandato: “Sei un pedofilo? Lo ha sentito dire in giro”.

Da sabato scorso, quando è stato ingiustamente accusato di pedofilia, Alfredo continua a ricevere centinaia di messaggi e notifiche al giorno. Una persecuzione. Ma a chi gli suggerisce di metter fine a questo stillicidio cancellandosi da Facebook risponde: “Non voglio che qualcuno che mi conosce possa restare nel dubbio. Sono innocente ma con un clic mi stanno uccidendo”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cicocichetti

Ven, 12/05/2017 - 06:51

incredibile che qualcuno possa bersi questa bufala. è l'ennesimo trucco del governo per legittimare la censura di internet e delle fake news !!! assurdo che qualcuno possa bersela

Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Ven, 12/05/2017 - 10:22

cicocichetti: IMMAGINO CHE LEI VIVA IN UN'ISOLA ABITATA SOLO DA SCIMMIE ? NON ESISTE NESSUNA LEGGE CHE TI PROTEGGA ADEGUATAMENTE DALLA VIOLENZA DIGITALE. SONO MIGLIAIA ORMAI LE VITTIME REALI DEL MONDO VIRTUALE. BASTA UNA FOTO, UNA FRASE REGISTRATA O UN FILMATO QUALSIASI E LEI SI RITROVA IN CROCE PER IL RESTO DEI SUOI GIORNI. TUTTO QUELLO CHE VIENE RILASCIATO SUL MONDO DIGITALE NON HA NESSUNA DATA DI SCADENZA E SOPRATTUTO NESSUNA POSSIBILITA' DI POTER ESSERE CANCELLATA O CONTESTATA, OGNUNO NE TRAGGA LE DOVUTE CONSEGUENZE, NE CONOSCO TANTI CHE A FURIA DI PUBBLICARE LA LORO, SPESSO INUTILE, VITA SU FACEBOOK O AVER SUBITO ATTACCHI DI BULLISMO DIGITALE ALLA FINE SI SONO RITROVATI NELLA CONDIZIONE DI NON POTER NEMMENO SUPERARE O ESSERE CONSIDERATO PER UN COLLOQUIO DI LAVORO "REALE". ALTRO CHE BUFALA ! SPERO CHE LEI NON SIA UNO DI QUELLI CHE HA RILANCIATO QUEL LINK !

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 29/05/2017 - 10:35

La morale è che i social si chiamano cosi perché sono luoghi per disadattati sociali. Evitate facciadilibro & co. come la peste.