La Febbre del Nilo uccide un uomo in Veneto. È il secondo caso nella zona

La zona in cui abitava l'uomo ha subito interventi straordinari di disinfenstazione

La Febbre del Nilo uccide un uomo in Veneto. È il secondo caso nella zona

È morto l'ex mobiliere contagiato tre mesi fa dal virus "West Nile", dopo un calvario che si protraeva da metà settembre, quando era stato ricoverato. Da allora, come riporta il Gazzettino, le sue condizioni non sono mai mutate restando in stato vegetativo. Nei giorni del ricovero l'ospedale aveva spiegato che aveva patologie pregresse, una circostanza che la famiglia però smentisce.

Il virus, ribattezzato "Febbre del Nilo", è stato contratto tramite la puntura di una zanzara probabilmente nella zona in cui abitava e per questo, dopo il ricovero, sono stati eseguiti interventi straordinari di disinfestazione capillare nel Comune di Lendiara, nel Veneto. Nella stessa zona si era verificato l'altro caso di West Nile riscontrato nel 2013, con un'anziana donna residente nel quartiere, ricoverata e poi guarita.

Commenti