Ferrara, al festival i bambini cantano "Bella Ciao": è polemica

La denuncia del vicesindaco di Ferrara, che promette di andare in fondo alla vicenda. "I bambini lasciateli fuori dalle vostre ideologie politiche, dalle vostre turbe mentali!"

È polemica a Ferrara dopo lo spettacolo allestito dall'associazione culturale Carpemira coinvolta nel festival dedicato ai più piccoli noto come "Estate bambini". Tante le iniziative andate in scena dal 3 all'8 settembre, fra cui balli, recite, giochi e laboratori.

A fare scalpore l'esibizione musicale della manifestazione, durante la quale i bambini, oltre alle classiche canzoncine di infanzia, hanno intonato "Bella Ciao".

Una cosa, questa, che ha provocato più di qualche dissapore. A denunciare pubblicamente il fatto sulla propria pagina Facebook il vicesindaco Nicola Lodi. "I bambini lasciateli fuori dalle vostre ideologie politiche, dalle vostre turbe mentali!", ha esordito nel suo post. "A “Estate bambini” l’associazione Carpemira ha radunato bimbi al proprio stand ed ha intonato assieme a loro "bella ciao". Questa associazione rigorosamente di sinistra è la stessa che ha contestato la rimozione delle panchine e l’acquisto del crocifisso, un'associazione che sponsorizza “genitorialità e relazioni” , “centro psicoeducativo”. Queste sono le persone che predicano bene e attaccano il sottoscritto per linguaggio poco istituzionale? Ecco cari compagni, preferisco essere poco istituzionale ma non inculcare nella testa dei nostri bimbi la vostra ideologia politica".

Il vicesindaco di Ferrara è deciso ad andare fino in fondo: "Porterò la vicenda in consiglio comunale e vi assicuro che non avrete più la possibilità di entrare in nessun istituto scolastico. Verificherò inoltre se l’amministrazione ha concesso anche un solo euro a questa associazione che nulla c’entra con la crescita normale dei nostri figli".

Francesca Venturoli, responsabile di Carpemira, si è detta provata da quanto sta accadendo.

"Lavoro da anni a progetti di educazione musicale per i più piccoli, l’unica sensazione provata dai partecipanti è stata quella della gioia. Capisco ora che qualcuno possa contestare l’utilizzo di "Bella Ciao" in una festa per bambini, ma di qui a immaginare presunte velleità politiche o di partito, ce ne corre. In ogni caso, me ne assumo la responsabilità" ha dichiarato, come riportato da "Il Resto del Carlino". "Lo spettacolo musicale era incentrato sulle canzoni popolari. Non c’era alcun intento di carattere politico, ma solo un excursus, peraltro sollecitato dalla stessa direzione artistica della manifestazione, sul repertorio tradizionale italiano e non solo. In questo contesto, assieme a canzoni ferraresi, venete e di altre regioni, è stato inserito anche quel brano, che tutti considerano una canzone di libertà, il manifesto di una nazione intera che si sveglia finalmente in pace".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Mar, 10/09/2019 - 13:17

anche io sentivo bella ciao da bambino nelle varie manifestazioni pelose che vedevo scorrere sotto casa. mio padre era un vigile urbano e doveva sopportarle in servizio ma per fortuna mia quando veniva a casa mi diceva che quella canzone era una falsità ed era la canzone dei comunisti. allora ricordo che mi piaceva il motivetto, abbastanza simpatico, ma crescendo e conoscendone la storia vera, ed il fatto che si trattava di una canzone delle mondine trasformata dopo la guerra in canzone partigiana e mai cantata da gruppi partigiani di nessun colore durante la resistenza, ho compreso che mistificazione i compagni rossi avevano ideato, per apparire simpatici. da allora la detesto. e la scorsa estate mentre ero in vacanza in Francia e la sentivo alla radio in una versione moderna e mezzo rappata che andava per radio, ho spiegato ad amici francesi la vera storia di quella canzone e son riuscito a farla detestare anche a loro.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mar, 10/09/2019 - 13:28

il tentativo di ideologizzare i bambini è evidente da tempo. i genitori si diano una mossa

Popi46

Mar, 10/09/2019 - 13:48

Ma quando mai finirà ‘sta Bella ciao? Ammesso che sia ancora viva, grinzosa e asciutta a mo’ di sardina come Madre Natura vorrebbe alla sua età, dove sarebbe la bellezza? Ah, nel vorrei ma non posso....

Giorgio Colomba

Mar, 10/09/2019 - 14:18

I lavori di apertura della terza narice per consentire il lavaggio del cervello da adulti, cominciano dall'infanzia.

Tip74Tap

Mar, 10/09/2019 - 14:59

E pensare che Bella Ciao era la canzone delle mondine, altro che invasor e partigiano... Comunque aspettiamocene delle belle in fatto di propaganda con questo governo. Fino a ieri sera, grazie a certa informazione, c'era gente che pensava ci fossero 500 persone alla manifestazione.

gianfran41

Mar, 10/09/2019 - 16:48

E poi ci si lamenta perché i giovani sono ignoranti. Con insegnanti di questo tipo, che cosa si pretende?

gianfran41

Mar, 10/09/2019 - 16:51

I rossi sono sempre stati dei mistificatori. Come possono educare?

jaguar

Mar, 10/09/2019 - 17:17

A Ferrara "bella ciao" è la hit del momento, sono molto attaccati alle tradizioni rosse.

fenix1655

Mar, 10/09/2019 - 17:23

Si chiama indottrinamento cari miei!! Per evitare il lavaggio del cervello bisogna assolutamente evitare comunisti e preti.

Ritratto di GiovanniBagheria

GiovanniBagheria

Mar, 10/09/2019 - 19:30

Chissà che sarebbe successo se i bimbi avessero cantato un’altra canzone popolare: Faccetta nera...

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mar, 10/09/2019 - 23:51

Dopo Bella Ciao, fategli cantare anche Peppa Pig, sempre di porci si tratta...