"Il figlio di Will Smith si è suicidato": annuncio (falso) sul web

Un hacker è entrato nei profili social di Jaden Smith e ha iniziato a condividere alcuni link che dimostravano che il figlio dell'attore si stava per uccidere

"Il figlio di Will Smith si è suicidato": così è stato dato il triste annuncio in rete, ma dietro a queste parole si nasconde un retroscena.

La notizia ha scatenato letteralmente il panico in rete, i fan dell'attore hanno iniziato a riempire i profili social di messaggi di cordoglio, di foto e video in ricordo del figlio. Poi, qualche utente ha cercato di capire meglio cosa fosse successo al ragazzino ed ecco la scoperta: qualcuno si è divertito ad hacherare il priflo di Jaden (figlio di Will Smith ndr) e ha creato tutta questa messa in scena.

Questa è l'ennesima bufala che si diffonde a macchia d'olio. Ma è una triste bufala perché riguarda un ragazzino di soli 18 anni. Come è potuto succedere che una sola persona potesse creare tutto questo? Un troll ha hackerato il profilo Facebook, Twitter e YouTube di Jaden Smith, ha scritto un post dove annunciava il suo suicidio e lo ha diffuso in rete.

Il tutto è risultato ancora più realistico perché il messaggio creato dall'hacker era corredato da un'anteprima video che in realtà era stata costruita con Photoshop. Il troll, poi, ha anche costruito ad hoc dei messaggi con i loghi delle principali testate giornalistiche per far sembrare la notizia vera. Ma non è tutto. Ha anche invitato gli utenti a condividere il link per poter vedere il video del suicidio. Si è creata così una vera e propria catena di Sant'Antonio che non aveva nè un inizio nè una fine.

Infatti, migliaia di persone preoccupate dello stato di salute del 18enne, hanno condiviso e aperto il link nella "speranza" di capire cosa fosse successo al figlio di Will Smith. Su tutti i social il tema "Jaden Smith" è stato il più condiviso e ricercato, fino a quando è stata data la smentita ufficiale. Fino a questo momento, il diretto interessato non ha detto nulla sul caso. D'altra parte, non è nemmeno la prima volta che gli "haters" fanno morire il ragazzino.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 13/09/2016 - 12:13

Dai Will non ti preoccupare... Pensa che hanno anche detto che la Clinton sta male... Tranquillo la stampa è fatta così.