Forlì, africano fermato ferisce carabiniere: domiciliari in ospedale

Il nigeriano, domiciliato in una comunità di Forlì, è fuggito immediatamente alla vista dei carabinieri, impegnati in un’operazione di pattugliamento del territorio. Raggiunto e sottoposto a controllo, l’africano si è scagliato contro i militari riuscendo a ferirne uno. Ora si trova agli arresti domiciliari nella sua stanza di degenza all’ospedale Morgagni

Arrestato lunedì sera a Forlì un cittadino straniero di nazionalità nigeriana a seguito di un controllo effettuato dai carabinieri impegnati nell’operazione “periferie sicure”.

Stando alle notizie riportate, i militari stavano pattugliando la zona verde del parco cittadino “Franco Agosto”. Ad un certo punto, si sarebbero accorti della presenza dell’africano ed avrebbero tentato di avvicinarlo. Quest’ultimo, notati i carabinieri, si è immediatamente dato alla fuga facendo scattare l’inseguimento.

Ad aiutare i militari dell’Arma, anche una pattuglia di colleghi appartenenti alla compagnia di intervento operativo del reggimento Lombardia.

Il nigeriano, che cercava di scappare all’interno del parco facendo affidamento anche sulla scarsa visibilità notturna, è stato fortunatamente raggiunto prima di riuscire a far perdere le proprie tracce. I carabinieri lo hanno fermato e sottoposto ad un controllo, considerato il suo agire sospetto.

L’africano, un giovane di soli 19 anni, è risultato essere alloggiato presso una comunità cittadina. Agitato per la situazione, ha inutilmente tentato più volte di liberarsi. Durante le procedure di identificazione ha addirittura attaccato con calci e pugni tre militari, cogliendoli di sorpresa e riuscendo a ferirne uno.

Quest’ultimo, poi accompagnato al pronto soccorso, ha ricevuto 5 giorni di prognosi a causa di un trauma riportato al polso ed al gomito sinistro.

Il 19enne nigeriano, invece, è stato arrestato con le accuse di resistenza e lesioni personali aggravate a pubblico ufficiale e condotto in caserma. Il fermo è stato convalidato dal giudice il giorno successivo. Quest'ultimo ha disposto per l’africano gli arresti domiciliari presso il reparto di Psichiatria dell’ospedale Morgagni (Forlì), dove è stato trasportato in un secondo momento.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

effecal

Mar, 25/09/2018 - 20:17

Per la sinistra strafiga è un comportamento esuberante e niente di più.

killkoms

Mar, 25/09/2018 - 20:56

importiamo pure stupidi,anche se da noi non mancano!

Ritratto di Evam

Evam

Mar, 25/09/2018 - 21:26

E si, si dimenava tutto, era incontenibile, come un matto per dirla tutta. adesso per completare l'opera lo hanno messo ai domiciliari, ma non panso della Comunità cittadina ma pare in un ospedale psichiatrico, perché l'uomo europeo, ormai risolve tutto con la psichiatria. Questi sono pericolosi criminali ai quali la religione ha nel caso, pure autorizzato ad uccidere in nome di un loro Dio. Se non bastasse c'è pure chi li riconosce fratelli a prescindere, anche se sono solo dei satanisti, Come quelli che già si inginocchiano anche su un marciapiede perché altrimenti Lui non li considera più, bravi e buoni fedeli.