La foto, l'ultimo bacio, poi il volo dal balcone: "Dora era nuda"

Spunta un nuovo dettaglio dalle indagini: Dora era nua quando è precipitata dal balcone. Intanto, il fidanzato è stato iscritto nel registro degli indagati

La foto, l'ultimo bacio, poi il volo dal balcone: "Dora era nuda"

Dora Lagreca "era completamente nuda" quando è precipitata dalla palazzina al quarto piano di via Giuria, a Potenza. È il dettaglio che emerge a quattro giorni dalla tragedia: "Un atto volontario", ipotizzano gli inquirenti. Intanto, Antonio Capasso, il fidanzato della giovane, è stato iscritto nel registro degli indagati con l'ipotesi di reato per istigazione al suicidio. "Un atto dovuto della procura", precisano fonti al Corriere della Sera. L'ultima parola spetta ai Ris: ieri, hanno lasciato la mansarda in cui viveva la coppia con ben 5 valigette cariche di materiale da esaminare. Elementi che, si spera, saranno utili a chiarire le circostanze della drammatica vicenda.

La caduta: Dora ha provato a salvarsi?

Un volo nel vuoto e un tentativo estremo di salvarsi, forse. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Dora si sarebbe aggrappata al parapetto mentre precipitava verso l'asfalto. Antonio, il fidandato della 24enne, sostiene di aver provato ad afferrerarla dopo che la stessa avrebbe minacciato di lanciarsi di sotto: "la faccio finita", sarebbero state le sue ultime parole prima di precipitare. Il ragazzo ha raccontato di una lite furibonda, esplosa per motivi passionali (la gelosia di Dora), culminata con un epilogo a dir poco drammatico. "Si è trattato di un suicidio, è la versione che mi è stata riferita dal mio assistito", ha spiegato l'avvocato Domenico Stigliani, legale di Antonio Capasso, alle pagine de Il Messaggero. Quei pochi centrimetri di parapetto ora sono sotto la lente di ingrandimento dei Ris: si cercano tracce del Dna della giovane o qualunque altro indizio che possa fare luce sull'accaduto.

"Era completamente nuda"

C'è un altro dettaglio che è emerso in queste ore: Dora era completamente nuda quando è caduta. Il fidanzato l'avrebbe coperta con una camicia nell'attesa dei soccorsi. Perché era svestita? "Dora si stava preparando per fare la doccia, e per questo era nuda, mentre il mio assistito - ha spiegato l'avvocato - si era tolto solo le scarpe: hanno cominciato ad alzare la voce, lei ha aperto la porta del balcone e ha minacciato di lanciarsi di sotto. Poi è caduta e Antonio non è riuscita a fermarla". Ma gli inquirenti vogliono vederci chiaro. Nell'attesa che l'autopsia fornisca qualche elemento utile alle indagini, continuano i sopralluoghi dei periti nel monolocale di via Giuria. La chiave di volta del giallo potrebbe essere tra quelle quattro mura.

L'ultima foto dei due fidanzati

Una ragazza allegra, innamorata della vita e con una passione smodata per i tatuaggi. I genitori della vittima respingono l'ipotesi del suicidio: "Dora era una persona che aveva voglia di vivere, dal carattere forte, che aveva cura di se stessa e amore per la vita. E non soffriva di alcuna patologia e di cambiamenti umorali tali che la potessero indurre a voler buttare la vita dal quarto piano" ha detto l'avvocato Renivaldo Lagreca, legale della famiglia di Dora, a Il Tempo. Intanto è spuntata la foto dell'ultimo bacio tra i due fidanzati, scattata qualche ora prima della tragedia da un amico della coppia. Tra i due sembra che la relazione andasse a gonfie vele: "Antonio amava Dora e voleva costruire un futuro con lei", precisa l'avvocato Stigliani. Resta il mistero e la tragicità di una morte ancora inspiegabile.

Commenti