Islamici chiamano polizia: "Presto, nostro figlio ha bevuto". Ma lui è sobrio

Accorsi sul posto temendo il peggio, gli agenti hanno scoperto che il ragazzo aveva semplicemente bevuto una birra ed era perfettamente sobrio

Una richiesta d'intervento davvero singolare quella ricevuta ieri dagli uomini della questura di Massa, contattati da due genitori musulmani che chiedevano il loro aiuto per trattare con il figlio 18enne.

I genitori avevano sorpreso il ragazzo mentre sorseggiava una birra e da qui era sorta un'accesa discussione. È stato il padre del giovane a chiamare la polizia, parlando di una vera e propria lite in corso. Preoccupati, gli operatori della centrale hanno subito allertato i colleghi di pattuglia, che in breve si sono recati sul posto, aspettandosi il peggio.

La situazione che si è presentata di fronte agli occhi degli agenti, una volta entrati nell'abitazione, era tuttavia ben diversa da quanto si erano aspettati. Nessuna violenza, infatti, era stata commessa.

Il 18enne, in particolare, non si è mostrato per nulla aggressivo. Perfettamente lucido, ha spiegato ai poliziotti di essersi limitato a bere una birra e per tale ragione i genitori erano andati su tutte le furie, considerando il suo gesto una violazione della Shari'a. Il giovane, fra l'altro, non aveva neppure alcuna intenzione di mettersi alla guida di un mezzo di trasporto.

Compresa la situazione, ai poliziotti non è rimasto altro da fare che cercare di riappacificare i familiari, tentando di far ragionare entrambe le parti.

Dopo aver spiegato al giovane, più incline alla cultura occidentale che a quella della sua terra d'origine, che è comunque importante portare sempre rispetto verso i propri genitori, gli uomini in divisa si sono rivolti agli adulti. Gli agenti hanno ricordato alla coppia di musulmani che la legge italiana non ha nulla a che vedere con le regole religiose islamiche, pertanto non rientrava nei compiti della questura occuparsi di eventuali "violazioni" in tal senso commesse dal ragazzo. Bere una birra non è un reato in Italia. La volontà del 18enne, inoltre, deve in ogni caso essere rispettata e tutelata.

Ristabilita la calma in famiglia, gli uomini in divisa hanno lasciato l'abitazione, non prima però di avere ricordato al ragazzo i problemi che possono insorgere in seguito ad un'eccessiva assunzione di alcolici. Non è stata spiccata alcuna denuncia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 06/05/2019 - 16:06

E invece andavano denunciati per procurato allarme. Tempo al tempo e con questi retrogradi ne vedremo delle belle!

ammazzaodori

Lun, 06/05/2019 - 16:58

Questi non si integreranno MAI !

Boxster65

Lun, 06/05/2019 - 16:59

Esatto zanzaratigre, lo stavo scrivendo io ma mi hai anticipato!

Divoll

Lun, 06/05/2019 - 17:20

Se la famigliola e' originaria di un paese non in guerra, come Pakistan, Marocco o Tunisia, venga rispedita a casa. E sarebbe da indagare chi ha dato loro il permesso di stare qui se non sono veri profughi.

lolafalana

Lun, 06/05/2019 - 17:32

Male, i genitori dovevano essere denunciati per procurato allarme. Almeno la prossima volta ci penseranno due volte, a meno che non nascano prima o poi polizia e tribunali della Shari'a.

maxxena

Lun, 06/05/2019 - 17:38

chissa chi pagherà adesso i costi di questa inutile movimentazione di uomini e mezzi... In altri paesi chi richiede di essere accolto devo superare esami che attestino la conoscenza della cultura e della legislazione locale. ma noi siamo sempre più furbi degli altri.

Trefebbraio

Lun, 06/05/2019 - 19:23

Gli agenti, per educazione, hanno tralasciato di far presente al giovane che avere due genitori dementi è peggio che non averli affatto. Speriamo che il ragazzo possa in fretta lasciare la propria famiglia e costruirsi una vita sana al di fuori delle panzane religiose. Tanta felicità al ragazzo e tutta la mia solidarietà!

Cheyenne

Lun, 06/05/2019 - 19:44

NON SI CAPISCE PERCHE' IL TROGLODITA NON HA CHIAMATO CASO MAI L'AMBULANZA

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 06/05/2019 - 19:50

Di aver ricordato che un'eccessiva assunzione di alcolici..... per una birra?

ziobeppe1951

Lun, 06/05/2019 - 20:08

Dov’è Il problema?....allá è sempre al bar

Dordolio

Mar, 07/05/2019 - 09:11

Con altri "interlocutori" etnici la denuncia per procurato allarme sarebbe partita immediatamente. Ma, si sa.... Lasciamo perdere vai....