Genova, fonti della Procura: "Carroponte ha aumentato il peso sul ponte Morandi"

Fonti qualificate della Procura hanno fatto sapere che il carroponte sul ponte Morandi "potrebbe aver contribuito al cedimento di parte del viadotto"

Sono passati sei giorni dal crollo del ponte Morandi a Genova. E mentre i soccorritori continuano a scavare (ponte permettendo), gli inquirenti vanno avnti con le indagini.

Il governo, i cittadini, chi ha perso amici o parenti nel dramma di Genova vuole conocere la verità. Cosa è stato a far controllare il ponte Morandi? Da giorni si parla della rottura di uno strallo come "un'ipotesi di lavoro seria. La voce che gira è che il collasso sia stato attivato dalla rottura di uno strallo ci sono testimonianze e video che vanno in questo senso".

Ora, però, l'attenzione si è spostata su un altro punto, sul carroponte presente sul ponte Morandi. Certamente il carroponte attaccato all'impalcata del ponte ha aumentato il peso della struttura e potrebbe aver contribuito al cedimento di parte del viadotto Morandi. Questo è quanto si apprende da fonti qualificate della Procura che sta esaminando tutte le possibili cause scatenanti del disastro.

"I pm hanno dato dei quesiti ai consulenti tecnici chiedendo di individuare i fatti che potrebbero essere cause, un tema molto ampio di ricerca" - ha spiegato il procuratore di Genova Francesco Cozzi - . Come elemento quello della presenza di un carroponte prima del disastro "può essere rilevante, come qualsiasi elemento che abbia portato un aggravio carico alla struttura, lo valuteranno i consulenti tecnici".

Intanto, domani è in programma una riunione a Palazzo di Giustizia per fare il punto delle indagini tra i titolari dell'inchiesta. Continua ad essere un'ipotesi concreta l'inserimento dell'omicidio stradale colposo nel fascicolo d'indagine, ma tale inserimento potrebbe arrivare in un secondo momento quando si saranno individuati i primi responsabili. Ad oggi, ancora nessun iscritto nel registro degli indagati.

Ma dalla ditta che stava lavorando sul ponte Morandi arriva una versione diversa della questione: "Il carroponte non può aver contribuito al cedimento del ponte Morandi perché non era ancora stato installato". A dirlo è Weissteiner, direttore della Weico di Velturno. E ancora: "Stavamo lavorando all'installazione di binari sui quali avrebbe dovuto scorrere il carroponte che però non è mai entrato in funzione. Il carroponte, che comunque non è mai entrato in funzione, non avrebbe aumentato il peso più di tanto, visto che pesa meno di un camion".

Commenti

MARCO 34

Lun, 20/08/2018 - 16:42

Quindi, come al solito, devono essere individuati prima i responsabili e poi le cause. Bene bravi!

MARCO 34

Lun, 20/08/2018 - 16:58

Come al solito, prima di accertare le cause di un disastro, occorre trovare un capro espiatorio

DRAGONI

Lun, 20/08/2018 - 17:00

Il carro ponte si e' comportato come un "carico concentrato" sul tratto di ponte ove sostava ; carico che si è sommato al "carico distribuito" dei veicoli che transitavano incolonnati sul ponte.Quindi non direi che potrebbe ma sicuramente ha contribuito con il suo peso a sollecitare la struttura resistiva del ponte.

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Lun, 20/08/2018 - 17:05

Non ci voleva un genio dell'ingegneria per capirlo.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Lun, 20/08/2018 - 17:14

E questo si traduce in? Potrebbe aver contribuito non aggiunge ne toglie nulla alla faccenda ma da solo la possibilità di fare nuove illazioni. Ora da qui al termine delle perizie, ogni giorno tre o quattro di "potrebbe"? A quando a causa ti tizio caio e sempronio? Ha noi interessa sapere chi sono i responsabili e quindi il perché. Non esiste il perché senza un soggetto responsabile di quel motivo...

fabioerre64

Lun, 20/08/2018 - 17:46

E delle tre file di new jersey che erano state messe ai bordi ed al centro del ponte nessuno ne parla? Pesano molto di più del carroponte.

venco

Lun, 20/08/2018 - 17:54

Tutti i ponti costruiti dal dopoguerra sono calcolati per sostenere carri armati che nello spazio di sei metri pesano 50 tonnellate.

adal46

Lun, 20/08/2018 - 18:00

Siamo alle solite, con sciacallaggio mediatico inutile e disinformato che genera solo confusione e inasprisce gli animi. Come gli editti verbali dei vicepremier "a caldo".... Prima si analizzano i fatti, poi si agisce nelle opportune direzioni e a ragion veduta. Soprattutto di quanto sia stato SECRETATO nei contratti di appalto.

Albius50

Lun, 20/08/2018 - 18:04

Sarà la solita DISGRAZIA ALL'ITALIANA ovvero la ricerca dei colpevoli sarà LUNGHISSIMA a mio parere durerà anni, e intanto NOI PAGHEREMO con tasse SUI CARBURANTI.

adal46

Lun, 20/08/2018 - 18:04

Atomix...., Atomix! I responsabili arrivano dopo aver chiarito i perchè. Altrimenti io dico che sono gli islamici che hanno fatto un attentato. L'indagine infatti deve appurare il perchè (attentato, cedimento tecnico, sovraccarico eccezionale, ecc) da cui DERIVA il responsabile.

roberto67

Lun, 20/08/2018 - 18:09

Anche tutte le barriere di cemento tipo "new Jersey" aggiunte ai lati delle carreggiate sono da tenere in considerazione: sicuramente il progetto originale non ne teneva conto, visto che sono diventate di moda in Italia solo negli anni '90.

frapito

Lun, 20/08/2018 - 18:12

E' evidente che si cerca di aggirare e sminuire la cause di mancanza di controlli e di manutenzione adeguati, facendo sorgere quanti più possibili "potrebbe", fino ad arrivare ad un "possibile" meteorite casuale e imprevedibile.

ugsirio

Lun, 20/08/2018 - 18:19

Cercano disperatamente un colpevole fuori dalla mura di Roma. I politici non sapevano: Del rio non sapeva, Toninelli, povera gioia, non ha preso atto della documentazione, la direzione di Autostrade Italia non sapeva e la sua proprietà ignorava la realtà perché nessuno l'ha informata. A cosa servono i politici e i possessori del pacchetto di maggioranza di AI se le decisioni importanti le prendono i tecnici a cui non é neppure venuto in mente di rifare i test con gli strumenti più sofisticati suggeriti dal super tecnico Brecich?

ugsirio

Lun, 20/08/2018 - 18:19

Cercano disperatamente un colpevole fuori dalla mura di Roma. I politici non sapevano: Del rio non sapeva, Toninelli, povera gioia, non ha preso atto della documentazione, la direzione di Autostrade Italia non sapeva e la sua proprietà ignorava la realtà perché nessuno l'ha informata. A cosa servono i politici e i possessori del pacchetto di maggioranza di AI se le decisioni importanti le prendono i tecnici a cui non é neppure venuto in mente di rifare i test con gli strumenti più sofisticati suggeriti dal super tecnico Bercich?

mariod6

Lun, 20/08/2018 - 18:28

Tranquilli tutti, la magistratura del soccorso rosso prima di far incriminare un ministro PD o un finanziatore del partito, troverà certamente un'altro compagno "G" che si prenderà tutta la colpa ed un congruo indennizzo.

i-taglianibravagente

Lun, 20/08/2018 - 18:55

ma come puo' essere che per un ponte di cui gia' si sapeva che il carico auto e camion attuale era 3 volte quello per cui era stato progettato, e che aveva i tiranti nelle condizioni che sappiamo, sia stato consentito di collegare un carico supplementare del genere. Un ponte super controllato da fior di atenei per giunta...suona assurdo.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 20/08/2018 - 19:17

Non è che è passato qualche automezzo di notevole peso oltre lo standard?

Emigrato64747

Lun, 20/08/2018 - 19:39

Scusate, come si fa a pensare che un carroponte possa aver fatto cadere il viadotto? Le forze indotte da un carroponte dovrebbero essere considerevolmente basse rispetto a quelle causate dagli autotreni da 400 quintali l’uno che transitano in massa sul viadotto e al peso proprio del viadotto medesimo.

carlottacharlie

Lun, 20/08/2018 - 20:08

Svegliaaaa! Quanti sono stati condannati per omicidio stradale colposo? Questa è stata strage, strage annunciata e dovuta ad incuria. Svegliaaaa giudici, ed attenzione voi che avete patito il lutto. La fregatura è sempre in agguato in questo paese. Stragi, incurie, hanno fatto scuola.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 20/08/2018 - 20:19

...azz se andiamo avanti per supposizione verranno incolpati gli elefanti di Annibale.

Gianni11

Lun, 20/08/2018 - 20:27

Ma lo sanno tutti benissimo perche' e' crollato: perche' andava a pezzi DA ANNI e non e' mai stata fatta nessuna manutenzione da nessuno. Omicidio stradale colposo per tutti coloro che avrebbero dovuto vigilare le condizioni del viadotto.

Blueray

Lun, 20/08/2018 - 21:21

Certo che di fantasticherie se ne sentono pur di trovare un capro espiatorio. Anch'io ne ho una. Le tre campate strallate sono collegate da una sottile piastra d'impalcato vistosamente più snella dello spessore del ponte. E se avesse ceduto quella facendo rovesciare l'autoarticolato (poi precipitato) mandandolo addosso allo strallo? Mah....

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 20/08/2018 - 22:20

@do-ut-des NO! Io quel giorno ero in Austria, lo giuro!

sgarbistefano

Mar, 21/08/2018 - 00:49

Già...il "carroponte"! Naturalmente la colpa è tutta del "carroponte", ovviamente in concomitanza con "Giove Pluvio" che ha pensato bene di scagliare un fulmine ben mirato sul tirante. Il tutto, mentre un "cigno nero" nuotava tranquillo nel mare antistante.

sgarbistefano

Mar, 21/08/2018 - 00:55

Dimenticavo...quel giorno un grassone amico mio, del peso di 160 Kg, guidava la sua macchina sul ponte. Questo "sovrappeso" è certamente una "probabile concausa" del crollo. Segnalerò la cosa ai periti.

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Mar, 21/08/2018 - 08:41

Gentile signor direttore, gentile dottoressa Giovanna, allora? Il vostro articolo aggiunge un altro fascio di accuse alla montagna già in essere! Anche un cardellino aumenta il "carico" del ponte, non per questo il ponte dovrebbe crollare, non trovate? Se vi fossero stati dei limiti di carico sarebbero dovuti essere segnalati doviziosamente! Lo erano? Sarebbe dovuto esserci un controllo diuturno sul peso dei mezzi in transito! C'era? Dunque c'erano limiti di carico taciuti, ben nascosti ed ignorati dalla popolazione! Strage! Stante la criticità del viadotto, vedasi la strage ed il disastro, le sembrano questi, o signora, dubbi opportuni? Non sono piuttosto denunce? Come fu collaudato il ponte? Per quale carico? Gli altri ponti italiani soffrono della stessa criticità? Perdoni, signora, il crudo tecnicismo delle frasi ma lo stato critico andrebbe appurato ben prima, molto prima di stragi e disastri! Al collaudo! Non trova? Liberta o cara

baxialby

Mer, 22/08/2018 - 14:15

Altro che carroponte... Come giustamente qualcuno ha già notato, rispetto al tempo in cui fu progettato il ponte da Morandi, 20 anni fa sono stati installati i new jersey sul ponte. Per ciascuna sezione del ponte di 200 metri, abbiamo 3 file di blocchi da 3 metri ciascuno, ciascun blocco pesa circa 1700kg, quindi per ciascuna sezione abbiamo almeno 350 Tonnellate di aggravio della struttura. E' come se avessimo avuto 200 autovetture parcheggiate sopra per gli ultimi 20 anni, al quale si somma il traffico dei veicoli.. non credo che il povero Morandi avesse previsto questo nei suoi calcoli. Qualcun altro li avrà fatti in seguito, spero.. anche perchè tutti i vecchi ponti d'Italia hanno i new jersey aggiunti.