Giustizia, Anm tuona: "Sanzioni a toghe irricevibili"

"È una valutazione demagogica che dà l'idea di una predeterminazione dei tempi, come se il mancato rispetto dipendesse dai magistrati", ha dichiarato il presidente Poniz

"L'idea di sanzioni disciplinari che colpiscano i magistrati che sforano i tempi previsti" per la durata dei processi "è irricevibile da ogni punto di vista". Lo ha affermato Luca Poniz, presidente dell'Associazione nazionale magistrati, nel suo intervento in apertura del comitato direttivo centrale riferendosi a quanto scritto nella bozza di riforma del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

"È una valutazione demagogica che dà l'idea di una predeterminazione dei tempi, come se il mancato rispetto dipendesse dai magistrati, una sorta di negligenza staccata da valutazioni fattuali. Su questo punto la nostra opposizione è ferma", ha sottolineato Poniz. Il presidente dell'Anm era già intervenuto sul tema: "Dire che un'indagine deve durare un certo tempo salvo poi determinare conseguenze disciplinari e processuali senza chiedersi perché c'è un certo numero di procedimenti pendenti è una risposta sbagliata, apparente risolutiva ma draconiana e punitiva", aveva dichiarato Poniz.

Il prossimo mercoledì, 29 gennaio, i vertici dell'Associazione nazionale magistrati si incontreranno proprio con il ministro Alfonso Bonafede per un confronto sulla riforma del processo penale. "Diremo al ministro che noi rifiutiamo logiche di contingenza e di contrapposizione politica - ha spiegato il presidente Poniz -. Noi siamo su questa posizione a prescindere da questo o quel lodo. Le nostre posizioni non possono essere tirate per la giacchetta, a favore di una parte politica o di un'altra. Le nostre opinioni non sono espresse per rafforzare questa o quella maggioranza noi siamo fuori dalla logica di contrapposizione politica".

Il segretario dell'Anm Giuliano Caputo è poi intervenuto sui tempi predeterminati dei porcessi. Stabilire tempi rigidi per i processi penali, come si legge nella bozza di ddl delega predisposta dal Guardasigilli Bonafede, è "un'idea brutale". È una previsione "del tutto sganciata dalla realtà, che mette a rischio la tutela dei diritti. La durata dei processi dipende anche dallo scrupolo nell'accertamento dei fatti", ha dichiarato Caputo.

L'Associazione nazionale magistrati ha poi espresso la propria posizione sulla riforma della prescrizione. "Non c'è nulla di corporativo nella nostra posizione sulla prescrizione", ha affermato il segretario Caputo. "Diciamo no a una contropartita con tempi strozzati dei processi o con sanzioni disciplinari per i magistrati - ha continuato -. È inaccettabile ragionare in questi termini, lo diremo chiaramente al ministro. Siamo pronti a dare una risposta incisiva".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 25/01/2020 - 15:10

praticamente i giudici sono al di là del bene e del male

cgf

Sab, 25/01/2020 - 15:19

MI RICORDA QUALCUNO CHE PARLA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO E GARANTISCE CHE LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI

Ritratto di filospinato

filospinato

Sab, 25/01/2020 - 15:25

"Noi siamo fuori dalla logica di contrapposizione politica." Questa è l'essenza dell'intoccabilità, l'essere fuori da ogni logica che non sia quella autoreferenziale del "diritto". Il forziere è loro e le chiavi pure. Chiunque si interessi al contenuto è punito, guardare dal buco della serratura pure. Amen

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Sab, 25/01/2020 - 15:57

La magistratura è una casta, è al di sopra della legge e si ribella a qualunque imposizione del suo datore di lavoro: il popolo, tramite il parlamento. I parlamentari che durante "mani pulite" hanno abdicato a parte dei loro privilegi hanno fatto il gioco della magistratura. Non dimentichiamo mai che i parlamentari sono eletti per un periodo limitato mentre i magistrati lo sono a vita!

killkoms

Sab, 25/01/2020 - 16:05

no!non è mai colpa vostra,tranquilli!

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 25/01/2020 - 16:15

CCIA' raggione la toga!come si permettono dei comuni mortali a tentare di sindacare il giudizio e modus operandi degli Dei e Semidei togati???

Ritratto di Coralie

Coralie

Sab, 25/01/2020 - 16:19

Presidente Poniz, che le vostre posizioni NON siano a favore di una o di un'altra parte politica, LO VADA A RACCONTARE AI CIECHI ED AI SORDOMUTI!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 25/01/2020 - 16:19

ANM intoccabili schifose toghe rosse.

venco

Sab, 25/01/2020 - 16:22

I magistrati sono una casta intoccabile,

Beaufou

Sab, 25/01/2020 - 17:05

"La durata dei processi dipende anche dallo scrupolo nell'accertamento dei fatti". Su questo non ci piove. Ma dipende "anche" dai ritmi di lavoro che nell'amministrazione della giustizia sono incontrollabili, insindacabili e francamente inconcepibili per chi ha un'idea di lavoro diversa da quella a cui sono abituati i magistrati: i quali "lavorano" quando vogliono, come vogliono e quanto vogliono, senza che nessuno abbia la possibilità di controllarli. "Lavorano" fra virgolette, quindi.

Pierpaolo Poldrugo

Sab, 25/01/2020 - 17:05

Le regole del procedere vengono stabilite dal Parlamento. Se a qualche magistrato non piacciono può sempre dimettersi. Nessuno lo tratterà.

Ritratto di andreoso

andreoso

Sab, 25/01/2020 - 17:06

Comunisti. Vai Salvini l'Italia va ricostruita, e domani si parte con l'Emilia Romagna.. Mandiamo i comunisti a casa

leopard73

Sab, 25/01/2020 - 17:12

Se tocchi la coda al serpenti si rivolta contro, noi siamo intoccabili VOGLIONO FARE ciò che gli pare!!!

Cheyenne

Sab, 25/01/2020 - 17:22

INVECE TUTTE ALTRE CATEGORIE POSSONO SUBIRE SANZIONI SE SFORANO COME I MEDICI MUTUALISTI CHE DEBBONO RIMBORSARE DI TASCA PROPRIA I FARMACI CHE UN QUALSIASI MANAGER (?) DI UNA ASP CREDE SIANO STATI PRESCRITTI IMPROPRIAMENTE

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Sab, 25/01/2020 - 17:22

E se d'incavolano con wualche malcapitato che ricorda loro di delirare d'onnipotenza, gli "regalano" una dolce e definitiva morte civile, ovviamente "democratica ", abusanti di democraticità svuotata di contenuto ma scritta a caratteri cubitali sul tocco, al pati fi quella di cui di fregia il Partito cosiddetto (ed autodefinitosi) "Democratico"...

fifaus

Sab, 25/01/2020 - 18:26

Aldilà di ogni pudore

d'annunzianof

Sab, 25/01/2020 - 18:44

Soggettare i cittadini, che vi pagano i lauti stipendi, a processi infiniti o che durano decenni e` comparabile, se non peggio, al crimine di TORTURA! FISICA E MENTALE! Ci sarebbe da sbattere VOI in galera, altro che sanzioni. Ancora vi rifiutate di capire che il vostro lavoro e`di applicare le leggi volute dai cittadini; non di legiferare le vostre ideologie. Senza contare i criminali che voi rilasciate nella societa` e le vittime che voi criminalizzate, un mondo a rovescio che un giorno pagerete!

rossini

Sab, 25/01/2020 - 18:46

He, he, he! I Giudici sono maestri quando si tratta di giudicare della responsabilità degli altri. Ma, quando si profila la possibilità per loro di essere considerati responsabili di qualcosa e di pagare personalmente, strillano come aquile. Io, per intanto, comincerei col proibire tassativamente qualsiasi forma di attività extra giudiziaria da parte dei Magistrati. Lo sapete che ogni anno il CSM autorizza centinaia e centinaia di incarichi extragiudiziari che distolgono i giudici dal compito istituzionale di fare indagini, redigere requisitorie, presiedere processi e scrivere sentenze?

MOSTARDELLIS

Sab, 25/01/2020 - 19:19

I magistrati sono gli unici lavoratori (forse loro non lo sanno, ma sono dei lavoratori come gli altri, non sono speciali) che non pagano mai per i loro errori. Ci sono sentenze e tempi pazzeschi e loro non pagano mai, anzi spesso è lo stato e quindi i contribuenti italiani a dover pagare per loro. Devono mettersi in testa che loro non sono unti dallo spirito santo.

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 25/01/2020 - 19:50

I magistrati DEVONO PAGARE PERSONALMENTE SE SI RAVVISA DOLO E INCAPACITA'PUNTO, non possono e non devono essere sopra la legge, togliere subito la discrezionalita'per costringerli ad applicare la legge, se ne escono e fanno danni e' dolo,

dot-benito

Sab, 25/01/2020 - 20:01

Certo che non vogliono essere sanzionati i togati loro possono sbagliare anche di proposito vogliono essere intoccabili e poi pretendono che noi ci fidiamo di loro!!!!! Comunque da sempre chi sbaglia paga solo questa casta non paga

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Sab, 25/01/2020 - 20:10

E ora che passa l’ora che la magistratura, almeno a livello di vertici, divenga elettiva ovvero che risponda del suo operato direttamente a chi la paga lautamente e che rappresenti, anche politicamente, la maggioranza dei cittadini, non solo e sempre di più la solita cricca. Solo allora potranno affermare senza mentire “nel nome del popolo italiano...”.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 25/01/2020 - 20:15

Magistrato Poniz,le parlo da analfabeta non in grado di capire le sue esternazioni.Di una cosa sono certo che voi magistrati siete di parte e lo dimostra lo zelo con cui vi accanite quando governa il centro destra. Come disse il grande Totò."Mi faccia il piacere..."

magnum357

Sab, 25/01/2020 - 20:17

Lavoratori indefessi neh .............

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 25/01/2020 - 20:22

irricevibili? siete voi inaccettabili!!!

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Sab, 25/01/2020 - 21:00

Quando gli pesti la codina... Ci vuole il test psicoattitudinale.

silvano45

Sab, 25/01/2020 - 21:03

Occorrerà riportarli sulla terra visto che arroganza e onnipotenza hanno conquistato questa supercasta...e la costituzione sembra essere stata sostituita dalla loro associazione!

giovanni235

Sab, 25/01/2020 - 21:22

Perchè questi impiegati dello Stato,lautamente pagati con le nostre tasse,non debbano lavorare quaranta ore settimanali e timbrare il cartellino?????Da decenni,perchè me ne è capitato uno di questi durante una causa civile,ritengo che questa categoria contenga la più alta percentuale di lazzaroni di qualunque altra categoria.

STREGHETTA

Dom, 26/01/2020 - 00:48

Ma che diavolo sono questi, la Casta degli Intoccabili?? Dovrebbero rispondere eccome, del loro operato spesso discutibile e che vuole determinare le sorti della politica! L'indipendenza della magistratura sarebbe un concetto sacrosanto se, ma soltanto se, fossero al di sopra delle parti.

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Dom, 26/01/2020 - 06:25

Un processo non può durare 10 anni. Se nel giro di 5/6 anni non hai capito che un tizio è colpevole, allora vuol dire che sarà considerato innocente. Certo, ciò implica eliminare tutte le schifezze che ancora infestano la nostra procedura penale, e non sarà certo bonafede a riuscirci. Il muro di gomma.