I pazienti perdono l'olfatto: il virus potrebbe colpire il cervello

L'ipotesi in due studi, che indagano sui coronavirus diversi dal Covid-19. Particelle di virus trovate nei neuroni

Tra i vari sintomi del coronavirus, c'è anche la perdita dell'olfatto. Una caratteristica della malattia che, inizialmente, era stata quasi ignorata, ma che ora mostra tutta la pericolosità del Covid-19. Questo sintomo, infatti, potrebbe essere spiegato con la capacità che ha il virus di infettare il sistema nervoso centrale dei malati, in particolare la zona del cervello che controlla le funzioni olfattive.

È la nuova e sconvolgente ipotesi, contenuta in due articoli scientifici. Il primo, pubblicato dai ricercatori cinesi sul Journal of Clinical Virology, ha analizzato i dati ottenuti sui coronavirus diversi dalla Sars-CoV-2, mentre il secondo, pubblicato sul Chemical Neuroscience, propone dei meccanismi capaci di spiegare questa potenziale capacità del virus, ad infettare il sistema nervoso.

Il team cinese ha analizzato diversi campioni, prelevati nei primi anni Duemila sulle vittime di Sars-CoV-1, il virus "parente" del Covid-19, che fece diversi morti. Questi campioni, hanno sottolineato gli autori, "hanno mostrato la presenza di particelle del virus nel cervello, trovate quasi esclusivamente nei neuroni". Altri studi, condotti su topi modificati per diventare sensibili ai coronavirus che colpiscono l'uomo, hanno mostrato che il Sars-CoV-1 e il Mers-CoV (il virus responsabile dell'epidemia che ha colpito il Medio Oriente nel 2012) "possono penetrare nel cervello, probabilmente attraverso i nervi olfattivi, e propagarsi rapidamente ad alcune zone specifiche del cervello, in particolare talamo e corteccia cerebrale".

Nonostante gli studi mostrino la possibilità di un'infezione dei coronavirus nel cervello, "resta ancora molto da capire sull'impatto che alcuni virus possono avere sul sistema nervoso centrale, che è un'area molto particolare". Infatti, "il sistema immunitario non può 'lavorare' lì come nel resto dell'organismo perché deve combattere contro l'infezione evitando di distruggere le cellule neuronali, che non si rinnovano da sole o lo fanno molto poco".

Questi studi mostrerebbero la possibilità che i pazienti affetti da Covid-19 perdano l'olfatto a causa della diffusione del Covid-19 nel sistema nervoso e, in particolare, nella parte del cervello che controlla il sistema olfattivo. Per il momento, però, si tratta di ipotesi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Ilsabbatico

Lun, 23/03/2020 - 16:12

Vabbè dai... però questo è anche terrorismo psicologico....come se non bastasse tutto quello che si sa gia

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 23/03/2020 - 16:20

COSI' MORIREMO CON ATROCI DOLORI CHE NEANCHE LA MORFINA RIUSCIRA' A PLACARE I CINESI CI STANNO AIUTANDO, GLI USA SE NE FREGANO, LA RUSSIA CI HA AIUTATO, L'unione europea SE NE FREGA. CARI MEDIA AVETE PERSO LA CREDIBILITA' SEMPRE DI + SE LA SONO SGAMATA

rigampi1951

Lun, 23/03/2020 - 16:29

Bastaaaaaaaaaaaa sembra che ci sia la corsa di tutti i genietti del Covid19 a terrorizzare gli italiani, smettetela

Ritratto di filospinato

filospinato

Lun, 23/03/2020 - 16:29

Le cellule olfattive sono un "pezzo" di cervello quindi colpisce il cervello.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 23/03/2020 - 16:30

Allo scopo di evitare panico ed isterismi,sarebbe utile che l'articolo dicesse,anche se a livello ipotetico,se la perdita dell'olfatto è definitiva,anche da guariti,o è limitata al periodo della malattia.

rr

Lun, 23/03/2020 - 16:34

Ennesimo articolo fondato sul "dovrebbe". Ma basta...

timoty martin

Lun, 23/03/2020 - 16:43

Potrebbero risparmiarci queste informazioni, è' fenomeno conosciuto. Aumentate solo il livello di preoccupazione. Ne abbiamo già abbastanza.

gianrico45

Lun, 23/03/2020 - 16:46

Ma quale cervello. Il coronavirus attacca le vie respiratorie il primo ad essere infettato è il naso,se il naso è compromesso quale segnale può arrivare al cervello? questo è il classico sintomo dei forti raffreddori.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Lun, 23/03/2020 - 16:52

Già l'aveva detto qualche paziente italiano.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 23/03/2020 - 16:53

Bisognerebbe approfondire, ancorché questa ipotesi - tale è - è riportata anche da altri quotidiani fra cui il Corsera, il Messaggero.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 23/03/2020 - 16:54

Se è per questo l'anosmia, fortunatamente temporanea e prontamente resposiva ai cortisonici, può essere provocata anche da altri virus coinvolti nell'insorgenza del comune raffreddore.

Ezeckiel

Lun, 23/03/2020 - 16:54

ma i pazienti guariti hanno riacquistato l'olfatto? non è chiaro

un_infiltrato

Lun, 23/03/2020 - 16:56

Mi piacerebbe capire quale potrebbe essere l'uso, da parte del lettore, di questo bombardamento di ipotesi suggestive - tutte - da verificare. Tutte rese al condizionale. Insomma, tutto questo cui prodest?

Pigi

Lun, 23/03/2020 - 17:04

Ma dai. Il virus colpisce le vie aeree, di cui fanno parte gli organi dell'olfatto, e la perdita dell'olfatto viene attribuita al virus che entra nel cervello e casualmente, tra tutti i sensi, va a beccare unicamente le aree che ricevono il senso dell'olfatto. Direi che è una fake new.

MANUALEA

Lun, 23/03/2020 - 17:05

Nel 1968, avevo 10 anni, mi ammalai di una forte influenza. Perdetti l'olfatto e mai più lo riacquistai. Ricordo che la stessa cosa accadde anche a mia nonna, sempre nel 1968.

gjallahorn

Lun, 23/03/2020 - 17:16

Dragon_Lord: l' aiuto di Cina, Cuba e Russia potrebbe essere non del tutto disinteressato e comunque "sollecitato" da alcuni ns politici. Acquisire esperienza sul campo prima del dilagare dell' epidemia, studiare il genoma di un virus che potenzialmente rappresenta l' arma più sconvolgente del XXI secolo è da considerare e suggerisce comunque prudenza.

Darth

Lun, 23/03/2020 - 17:16

Sì, e in alcune aree dicono che si risveglino post-mortem e vaghino in giro come zombie... Ma BAASTAAAA!!!

florio

Lun, 23/03/2020 - 17:18

Terrorismo giornalistico, vero che durate l'acutizzarsi della malattia si perde l'olfatto e i sapori nel palato. Tutto ritorna normale a guarigione ottenuta, dato riferito dal Prof. Galli Ospedale Sacco Mi. Di paure e tensioni ne abbiamo abbastanza, un minimo di prudenza e verità nell'esporre le cose sarebbe utile.

Noni64

Lun, 23/03/2020 - 17:30

Nei disturbi dell'olfatto e del gusto non deve essere necessariamente colpito il cervello: Nella maggior parte dei casi sono colpiti i filamenti del nervo olfattivo nel naso ( rottua della forma chiave serratura).

Lupastro78

Lun, 23/03/2020 - 17:33

Se può interessare posto la mia esperienza. Ho avuto anche io questo sintomo, di colpo 3 settimane fa perdita totale dell'olfatto. Avrei potuto bere benzina o succo d'arancia e sarebbe stato uguale. 2 medici mi hanno confermato che si trattava di una forma virale (senza mai menzionare il Covid19) e che stavano registrando molti casi. Niente febbre, tosse o altro. E adesso conosco o mi sono state riportate almeno altri 8-9 casi di persone nella mia cerchia con il medesimo sintomo. Qualcuno con febbre, la maggior parte no. A mia esperienza è qualcosa di molto alienante, ti toglie un pezzo di vita. Posso dire che dopo 3 settimane ho recuperato al 50-60% la capacità retrolfattiva, ovvero di identificare un cibo - bevanda in bocca, mentre l'olfatto diretto, ad esempio annusare il barattolo del caffè ed identificarlo per esso è ancora molto molto flebile

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 23/03/2020 - 17:38

Certo è che a me dispiacerebbe assai perdere il profumo e il sapore del "prosecco".Speriamo bene.

Ilsabbatico

Lun, 23/03/2020 - 17:40

Tra un po' diranno che non si può più neanche fare sesso, il virus colpirebbe anche lì!.....ma basta con ste notizie!

ilguastafeste

Lun, 23/03/2020 - 17:46

Potrebbero, mostrerebbero, possibilità.... quante certezze...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 23/03/2020 - 17:50

@rr - nessuno ti trattiene. Ennesimo commento lagnoso. Ma basta!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 23/03/2020 - 17:51

Il fatto che il virus possa attaccare il sistema nervoso e quindi il cervello è una pessima notizia. Speriamo finisca presto tale emergenza.

POKER70

Lun, 23/03/2020 - 17:54

Se vabbè, perdita di gusto e olfatto a volte si registrano anche durante le infezioni dei virus influenzali stagionali.

luigi1982Brindisi

Lun, 23/03/2020 - 17:56

Perdonatemi. Ma per quale dannato non scrivete nel titolo: "IPOTESI:I pazienti perdono l'olfatto. Così il virus colpisce cervello" Saluti Un vostro lettore.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 23/03/2020 - 17:58

Sarebbe meglio ricordarsi che questa peste (Coronavirus) viene dalla Cina comunista perciò degli aiuti dei Cinesi sarà meglio fare a meno. Se uno ha i Cinesi come amici allora non ha bisogno di nemici.

Ritratto di computerinside

computerinside

Lun, 23/03/2020 - 18:08

12 anni fa ho avuto credo un raffreddore "comune" con tosse,rialzo termico ,naso otturato dapprima e poi come una fontana che colava. Finita tutta la sintomatologia mi accorsi di avere perso l'olfatto e durò per un mese circa. Immagino succederà lo stesso con il coronavirus. In fin dei conti è la stessa malattia "incattivita"...il comune raffreddore è un coronavirus!

trasparente

Lun, 23/03/2020 - 19:13

Come ha detto un ministro cinese il virus che puzza di laboratorio militare.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 23/03/2020 - 19:52

@trasparente: laboratorio militare cinese.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 23/03/2020 - 20:00

Facciamocelo dire direttamente dai guariti:l'olfatto ce l'hanno ancora o lo hanno perso?