Cronache

"In Italia tanti cogli...". Ora Toscani insulta pure gli elettori

Il fotografo milanese perde le staffe dopo la vittoria elettorale della Meloni e scatena gli insulti. "Gli italiani hanno scelto? Cosa vuol dire, ai tempi scelsero anche Mussolini..."

"In Italia tanti cogli...". Ora Toscani insulta pure gli elettori

Hanno votato il centrodestra? E allora sono "cogl*oni". Lo scatto di Oliviero Toscani stavolta non è stato fotografico, ma di collera. La vittoria di Giorgia Meloni ha fatto perdere le staffe al popolare fotografo, il quale nel suo primo commento a urne chiuse se l'è presa direttamente con i cittadini per la scelta esercitata nel segreto della cabina elettorale. "Gli italiani che hanno votato sono dei deficienti, per me", ha esclamato Toscani, interpellato dalla trasmissione radiofonica La Zanzara. Poi, in un'escalation di sfrontatezza, sono partiti gli insulti.

Commentando in particolare i voti andati a Meloni e Salvini, il fotografo milanese ha affermato: "Non è possibile.. Poi uno dice: ma siamo dei cogl*oni? Io penso che in italia ci siano tanti cogli*ni. Ci sono quelli che non capiscono tanto...". Considerazioni decisamente sprezzanti nei confronti della libera preferenza espressa dagli elettori. E guai a ricordare che la democrazia, piaccia o meno, funziona così. "Hanno scelto anche Mussolini ai tempi. È chiaro che si sceglie, ma scelgono delle cag*te", ha incalzato Toscani.

Le offese alla Meloni

In un altro passaggio della propria conversazione radiofonica con Giuseppe Cruciani e David Parenzo, il fotografo ha derubricato così l'ascesa elettorale della leader di Fratelli d'Italia: "Gli italiani l'hanno votata? Che c... vuol dire se l'hanno votata?! Se la maggioranza è cogli*na, c'è una democrazia cogli*na".

All'inzio del proprio intervento su Radio24, Oliviero aveva subito sparato a zero proprio sulla Meloni, lasciandosi andare anche a sgradevoli commenti estetici intrisi di disprezzo. "Non sapevo se era Wanna Marchi o lei. Non trovate che ha lo stesso stile? Urla, strabuzza gli occhi, la unghie rosse, è abbastanza volgare. Non ha uno stile", aveva strillato. In altre circostanze e con altri bersagli politici, probabilmente, qualcuno avrebbe parlato di bodyshaming o di sessismo. Poi, dopo le offese, la previsione altrettanto sprezzante sulla prossima legislatura: "Ci divertiremo. Saremo i Ridolini della politica mondiale".

Intemerata finita? Macché. Tra uno sproloquio e l'altro, il fotografo ha poi rivelato di aver votato per Emma Bonino e in riferimento alle promesse elettorali ha sparato: "Abbassare le tasse? Non è la cosa più importante". Menando fendenti e insulti a destra e a manca, alla fine Oliviero ha rifilato pure un ceffone a Enrico Letta: "Mi sta proprio sulle palle. È senza carisma, è un pesce morto, un democristiano...".

Commenti