Spara e si consegna in carcere: arrestato il killer del karaoke

L'uomo si è costituito in carcere a Sanremo, intorno alla mezzanotte e dieci. Prima ha esploso tre colpi di pistola in aria per attirare l'attenzione, quindi si è fatto arrestare

Spara e si consegna in carcere: arrestato il killer del karaoke

È terminata in carcere a Sanremo dove si è costituito, la fuga di Domenico (Mimmo) Massari, 54 anni, l’uomo che in preda a un raptus di follia, sabato sera, ha ucciso a colpi di pistola la moglie, Deborah Bellesio, di 40 anni, ferendo altre tre persone, per fortuna non in modo grave, dopo aver sparato all’impazzata dentro il ristorante dei Bagni Acquario, di Savona, durante una serata di karaoke.

Prima, tuttavia, anziché suonare il campanello, ha esploso tre colpi di pistola in aria per attirare l’attenzione del personale del penitenziario, segno che era ancora armato. Un omicidio annunciato, visto che da anni l’uomo perseguitava la ex. E’ il 2015, infatti, quando commette un attentato al locale di lap dance gestito dalla donna: il “Follia”, di Altare, in provincia di Savona. Un episodio avvenuto al culmine di una serie di comportamenti minacciosi e di molestie.

La vicenda si chiude con un patteggiamento a 3 anni e 2 mesi con le accuse di danneggiamento e stalking e il divieto di avvicinarsi alla donna. Un divieto che non avrebbe quasi mai rispettato. Sabato sera fa irruzione nel locale e spara all’impazzata.

Restano ferite altre tre persone: una donna di 55 anni colpita da un proiettile a una gamba, che ha riportato la frattura del perone e che è stata dimessa ieri mattina con 30 giorni di prognosi; un'altra donna con alcune schegge in una gamba e una bambina, colpita di striscio.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica