Latitante internazionale arrestato grazie a Facebook

Era ricercato per una pena detentiva di oltre 5 anni ma postava tranquillamente sul social network che lo ha incastrato

È stato arrestato a Madrid grazie a Facebook dove pubblicava post sgrammaticati e quasi incomprensibili, se non farneticanti, che hanno aiutato i carabinieri a tracciarne il profilo. È A.G., un trentenne latitante con numerosi precedenti penali, quali ricettazione, evasione, danneggiamento aggravato, rapina a mano armata, lesioni personali aggravate, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, e resosi irreperibile nel nostro paese dal febbraio 2015.

Il giovane di origine varesine era stato condannato a scontare, in via definitiva, una pena di oltre cinque anni di reclusione. Nel 2015, mentre era stato sottoposto a una pena alternativa alla detenzione presso una comunità per tossicodipendenti nel varesotto era venuto a conoscenza di essere ricercato per un nuovo ordine di carcerazione ed era fuggito in Germania.

I carabinieri di Gallarate però in questi anni non hanno mai interrotto le indagini che hanno permesso di identificare il suo profilo Facebook, peraltro pubblico, e intuire che probabilmente l'uomo aveva trovato rifugio nella penisola iberica. Un mandato di arresto europeo e la collaborazione del Servizio di Cooperazione Internazionale della Direzione Centrale di Polizia Criminale, che ha diramato e coordinato le ricerche in area Schengen, hanno permesso di rintracciarlo.

Ieri la polizia spagnola di Madrid è intervenuta e da ieri il giovane si trova in stato di arresto a disposizione dell'autorità giudiziaria, in attesa dell'estradizione in Italia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.