Lei lo lascia per un altro ma l'ex compagno la picchia e la rapisce

Il ragazzo ha agito agito insieme ai suoi genitori. Hanno raggiunto la casa dove l'ex fidanzata viveva con il suo nuovo partner e l'hanno pestata a sangue, tagliandole i capelli. L'hanno portata via ma sono stati presi durante un posto di blocco. I fatti si sono svolti tra il Polesine e il Mantovano

Brutta avventura per una ragazza di 23 anni. È stata rapita dall’ex compagno, picchiata da lui e dai suoi genitori, che poi le hanno rasato i capelli per umiliarla. Per questi gesti, un giovane di 28 anni, suo padre di 56 anni e sua madre di 53 sono stati arrestati con l’accusa di sequestro di persona. Sono tutti originari dell’ex Jugoslavia, mentre i fatti si sono svolti tra il Polesine e il Mantovano.

Come riporta Il Gazzettino, la ragazza viveva con il suo compagno a Lendinara, un comune in provincia di Rovigo. Poi ha deciso di lasciarlo e di andare a vivere con un altro uomo nel Mantovano. L’ex fidanzato non l’ha presa bene e ha deciso di attuare una spedizione punitiva contro la giovane. Insieme ai suoi genitori ha raggiunto la donna e ha fatto irruzione nella casa che lei divideva con il suo nuovo ragazzo. Tutti e tre erano armati di taglierino. Prima hanno picchiato il nuovo partner e poi hanno pestato a sangue la ragazza e le hanno tagliato i capelli.

L’hanno quindi portata via ma lungo la strada è stato determinante un posto di blocco dei carabinieri. Gli agenti hanno infatti notato una macchina con a bordo una donna che si divincolava in modo disperato. L’hanno quindi inseguita e dopo un breve tragitto sono riusciti a bloccare i fuggitivi. La ragazza se la caverà con una prognosi di 20 giorni.