Sparisce in Algeria col figlio: denunciata per sottrazione di minore

Un donna algerina è sparita col bambino di 6 anni che ha portato in vacanza nel suo Paese di origine. Il padre di Lecco ha denunciato l'ex moglie per sottrazione internazionale di minore

Aveva acconsentito all'ex moglie di portare il figlio in vacanza in Algeria. Da quel momento non ha avuto più sue notizie. Un 41enne di Lecco ha denunciato la sparizione del proprio bambino di 6 anni che non vede più ormai da un mese e mezzo. L'ultimo messaggio ricevuto dalla madre, cittadina algerina, è un audio su WhatsApp in cui lei dice: "Non voglio sapere più nulla di te, non cercarmi mai più". La donna è adesso indagata per sottrazione di minore verso l’estero.

Per amore, l'uomo ora residente in Brianza si era convertito alla fede musulmana e aveva cambiato nome aggiungendo al proprio uno di origine araba, pur di sposare la 30enne originaria del Maghreb. Come raccontato su Il Giorno, nel 2012 i due hanno avuto il bambino, ma si sono poi separati e hanno divorziato. Il figlio, come da accordi, è stato affidato al padre, il quale lo scorso luglio ha permesso che insieme alla mamma trascorresse un paio di settimane di vacanza in Algeria, così da conoscere anche i parenti materni. Ma al termine del soggiorno la 30enne non ha fatto ritorno e con lei nemmeno il bimbo di 6 anni. Inoltre, non ha mai risposto agli insistenti e ripetuti tentativi di comunicazione da parte dell’ex marito, neanche per rassicurarlo che il figlio stesse bene.

Soltanto qualche giorno fa il messaggio lapidario, ma nessuna informazione del bambino. Dopo quest'ultimo contatto la donna ha cambiato il numero e non si è fatta più sentire. Il padre non ha avuto altra scelta che rivolgersi alla questura che ha avviato gli accertamenti del caso. Una vicenda complicata in quanto l'Algeria non è tra gli Stati firmatari Convenzione del 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.