L'influenza è sparita? Ecco perché non ci si ammala

I casi di influenza stagionale, in Italia, sono nettamente al di sotto della soglia ordinaria. Ma per gli scienziati non è una buona notizia

Che fine ha fatto l'influenza stagionale? Se non è questa la domanda del secolo, per certo, è una tra le più gettonate delle ultime settimane. Mentre i virologi di tutto il mondo proclamano l'arrivo di una eventuale "terza ondata" dell'epidemia, e le misure anti-contagio si fanno sempre più stringenti ad ogni latitudine del globo, febbricole e raffreddori sembrano spariti nel nulla. Perché? Che succede? Difficile a dirsi. Fatto sta che, al netto delle ipotesi più razionali, le ragioni potrebbero essere varie e molteplici. Ma andiamo per gradi e proviamo a mettere in fila le evidenze scientifiche raccolte finora nel tentativo di fare un po' di chiarezza.

Cosa dicono i dati

In Italia, nel corso della prima settimana del 2021, l'incidenza delle sindromi simil-influenzali continua ad essere stabilmente sotto la soglia di base, con un valore pari a 1,4 casi per mille assistiti. Nell'anno 2020, in riferimento allo stesso periodo di osservazione, il livello di incidenza era invece pari a 6,6 casi per mille assistiti, un dato cinque volte più basso rispetto a 12 mesi fa. Dal 4 al 10 gennaio, infatti i casi stimati di sindrome simil-influenzale, rapportati all’intera popolazione italiana, sono circa 86.000, per un totale di circa 1.427.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza. A riferirlo è il rapporto Influnet, il sistema di monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), che ha confermato come "in tutte le Regioni italiane che hanno attivato la sorveglianza, il livello di incidenza delle sindromi similinfluenzali è sotto la soglia basale". A causa dell'emergenza Covid, però, la provincia autonoma di Bolzano, la provincia autonoma di Trento, la Sardegna, la Campania e la Calabria non hanno attivato la sorveglianza. Ad ogni modo, Nella 1° settimana del 2021, in Italia sono stati analizzati 121 campioni clinici ricevuti dai diversi laboratori afferenti alla rete InfluNet e, su un totale di 1.450 campioni analizzati dall'inizio della sorveglianza, nessuno è risultato positivo al virus influenzale. Nell’ambito dei suddetti campioni analizzati, inoltre, 16 sono risultati positivi al SARS-CoV-2 (201 dall'inizio della sorveglianza).

Anche nel resto del mondo, l'andamento dei cosiddetti "virus stagionali" procede al rilento. Dai dati messi a disposizione dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) si è evince che l’attività del patogeno responsabile dell’influenza risulta essere a un “livello infra-stagionale”. Negli Stati Uniti, ad esempio, le malattie influenzali registrate sono l’1,6%, ben al di sotto della linea fissata al 2,6% usata per definire l’inizio di un’epidemia. I laboratori americani hanno raccolto, complessivamente 925 campioni positivi a virus influenzali, contro i quasi 64.000 del 2019. Ciò significa che l’influenza si sta comportando come durante il periodo estivo, quando è "sotto traccia". Perchè?

L'utilizzo di mascherine

Tra le ragioni che spiegherebbero l'assenza di circolazione dei virus stagionali vi sono, senza ombra di dubbio, le misure di distanziamento sociale e l’uso massivo delle mascherine. I due fattori, messi assieme, starebbero facendo da scudo anche contro il virus dell’influenza. D’altra parte è noto che i meccanismi di trasmissione dei coronavirus, al netto di una maggiore contagiosità di Sars-Cov-2, sono abbastanza simili. Che le norme di distanziamento e l’uso delle mascherine siano la principale ragione per il ritardo nell’arrivo dell’influenza lo si denota, inoltre, anche dal comportamento di altri virus, quelli cosiddetti "parainfluenzali" come i rhinovirus, i virus responsabili del raffreddore. Anche per essi si è osservato una netta diminuzione dei casi già a partire dello scorso marzo, quando molti Paesi del mondo sperimentavano il lockdown. Ma l'assenza di sindromi parainfluenzali è una buona o cattiva notizia?

La preoccupazione degli scienziati

Se da un lato non avere un’epidemia di influenza che corra in parallelo con quella di Sars-Cov-2 è sicuramente un’ottima notizia, dall'altro potrebbe non esserlo del tutto. Tra gli scienziati c'è chi ritiene che l'assenza dell'influenza stagionale possa indebolire il nostro sistema immunitario o, in ogni caso, renderlo inefficiente contro l'attacco di altri virus, specie quelli responsabili delle sindromi parainfluenzali (per esempio del raffreddore). Come ben spiega Libero Quotidiano, in questi mesi è stata avanzata l'ipotesi di un loro ruolo protettivo dei rhinovirus nei confronti del Sars-Cov2 basato sul meccanismo dell'immunità crociata. È stato dimostrato che il virus del raffreddore ha un effetto protettivo nei confronti del Covid-19 in quanto attiva la risposta degli interferoni, una famiglia di proteine prodotta dal sistema immunitario che inibisce la riproduzione virale. Un recente studio ha confermato che una persona affetta da infezione da rhinovirus (raffreddore, para-influenza), ha il 70% in meno di probabilità di contrarre anche una forma leggera da Coronavirus, qualora ne venisse a contatto, rispetto a qualcuno che non ha i sintomi del raffreddore. Inoltre, i virus responsabili dell'influenza hanno un involucro lipidico (grasso) di protezione che, però, può essere facilmente rimosso con l'uso di saponi e di igienizzanti impedendo loro di espletare la propria azione virale.

Il vaccino antifluenzale

Lo spettro di un doppio attacco, da una parte il Covid-19 e dall’altra l’influenza, aveva portato molte nazioni a spingere verso una possente campagna di immunizzazione tramite i vaccini. In Italia, la campagna vaccinale antinfluenzale è cominciata con un mese e più di anticipo rispetto agli anni precedenti, proprio per garantire un aiuto alla lotta contro il Coronavirus ed evitare, di conseguenza, la consuetudinaria pressione sulle strutture sanitarie durante i mesi invernali. E i risultati, contrariamente a quanto si possa pensare, sono stati piuttosto evidenti. Ma adesso, la faccenda potrebbe complicarsi. E vi sono tre motivi per cui sarebbe bene non abbassare la guardia. Il primo riguarda la possibilità che ci possa essere un picco ritardato dell'influenza rispetto al normale andamento a cui siamo abituati. Il secondo è che una stagione anomala – sostengono gli scienziati – potrebbe complicare il sequenziamento delle varianti genetiche del virus influenzale necessario per individuare i ceppi che circoleranno nella stagione 2021/2022 e utili alle case farmaceutiche per produrre i vaccini. Il terzo è la possibilità che un numero basso di ammalati nel 2020/2021 potrebbe portare a una epidemia di influenza più aggressiva nel 2021/2022. Si tratta solamente di ipotesi, ovviamente, ma da tenere in conto poiché avremo ancora a che fare anche con Sars-Cov-2 ancora per qualche mese.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Sab, 16/01/2021 - 11:44

Quindi, secondo gli scienziati, chi non si ammala d'influenza anche senza far uso di vaccinazione, è in pericolo? Io vedo solo che qualche scienziato ha paura di rimanere senza lavoro e mascherina/distanziamento/igienizzazione permette di ridurre notevolmente il rischio d'infezione. Sentendo in giro qui e là ci sono sempre più persone che anche l'inverno prossimo, covid o no covid, la mascherina l'indosseranno, manterranno le distanze e continueranno ad avere un gel in tasca.

jaguar

Sab, 16/01/2021 - 12:00

Molti passeranno l'influenza scambiata per Covid, i sintomi più o meno sono gli stessi, il medico di base non ti visita se non per telefono, quindi a parte i casi gravi che vengono ricoverati gli altri si arrangiano come possono.

Ilsabbatico

Sab, 16/01/2021 - 12:01

Su un altro articolo di giornale, si leggeva che in Italia ci sono meno morti degli anni scorsi. Aggiungiamo, come sempre da notizie dei giornali, che tutti i morti in Italia di qualsiasi patologia o anche solo per incidenti, se risultano positivi rientrano nei morti covid che quotidianamente vengono comunicati, infine teniamo conto che da numeri dei vari siti "ufficiali" c'è stato un calo drastico di morti per qualsiasi tipo di patologia....... 2 + 2 = 4 ...basta riflettere e comprendere , non servono gli scienziati.

Gianca59

Sab, 16/01/2021 - 12:07

In casa tutto il giorno, al massimo esco una volta a settimana per fare la spesa, mascherina: ma come si fa a prendere un' influenza ?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 16/01/2021 - 12:11

...questa è forte!...."indebolire il nostro sistema immunitario"!....Già,perchè circolare sempre con "mascherine" anti-covid?...Disinfettare mani,tutto "anti-covid"?....Insomma prendere l'"influenza" per tenere il sistema immunitario "sveglio" va bene,però bisogna fare anche il resto.....Come la mettiamo?....Non ne posso più di questa MENATA!!!!

antonpaco

Sab, 16/01/2021 - 12:19

Non bisogna essere scienziati per capire perche' e' in calo l'influenza stagionale, prima di tutto tantissimi si sono vaccinati, e poi e' chiaro che con le mascherine e chiusi in casa il virus stagionale colpisce ,molto meno.

fabio_

Sab, 16/01/2021 - 12:31

Se non incominciamo a prendere in considerazione il fatto che ogni malattia infettiva é rappresentata dall'interazione di agente infettivo, ambiente e soggetti suscettibili, e che la suscettibilità di un soggetto dipende dal sistema immunitario, e che il corretto funzionamento del sistema immunitario dipende da una adeguata interazione (adattata in centinaia di migliaia di anni) con l'ambiente, non usciremo mai dal tunnel che abbiamo imboccato.

agosvac

Sab, 16/01/2021 - 12:56

Forse sarebbe bene escludere dalla diminuzione del virus influenzale la mascherina. Visto che anche con la mascherina ci si contagia di COVID19 non si vede che utilità possa avere nel proteggere dall'influenza. Bisogna sempre ricordare quel che gli pseudo scienziati negano: le mascherine sono antibatteriche ma nessuna di esse protegge né può proteggere da un virus data la dimensione infinitesimale dei virus rispetto ai batteri.

Calmapiatta

Sab, 16/01/2021 - 13:09

Anche questo articolo, come altri su altre testate o siti, non fa altro che far venire il dubbio che i dati sparati col bazooka tutte le sere siano quanto meno inattendibili.

florio

Sab, 16/01/2021 - 13:50

Quante belinate si dicono, è normale che se hai la mascherina, mantieni la distanza, esci poco, l'inflenza e il raffredore non li prendi. Non ci vuole uno scienziato per capire il funzionamento. Poi le favole del sistema immunitario che si indebolisce, raccontatelo al COVID19, sarà più contento di continuare a vivacchiare.

Dordolio

Sab, 16/01/2021 - 14:11

Ricordo bene quanto ci avevano raccontato, e cioè che la mascherina “standard” (quella chirurgica) protegge GLI ALTRI DA TE e va cambiata spesso, più che salvaguardare te. Ho paura che abbia ragione chi sospetta che - visto che ormai morto di Covid è chiunque non sia stato colpito da un meteorite - nel novero di ammalati di Covid vengano annoverati anche gli “influenzati”.....

lamaestrina

Sab, 16/01/2021 - 14:16

Leggo su una rivista specializzata che il sistema funzionamento del sistema immunitario è molto complicato, poco intuitivo e ancora non compreso completamente dalla scienza, ma poiché Florio pare abbia compreso tutto chiaramente, chiedo a lui: come mai mascherina e distanziamento hanno fatto crollare i contagi da influenza e raffreddori (alcuni dei quali veicolati da coronavirus), mentre il SARSCov-2 sembra non risentirne ?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 16/01/2021 - 15:35

Se ci avete fatto caso, non esistono più i ciechi. Esistono i "non vedenti", quindi i ciechi sono spariti. Uguale per l'influenza: è bastato chiamarla covid e l'influenza è sparita. Tra l'altro a chiamarla covid rende molto di più in termini politici, mediatici ed economici...un affarone.

Dordolio

Sab, 16/01/2021 - 15:37

Carla lamaestrina, confermo che il sistema immunitario è complicatissimo e tuttora poco conosciuto. Le sue domande sono quindi lecite. Ma soprattutto - se sono vere certe statistiche pubblicate - sembra che in Italia si muoia MENO di prima. Ci sono sempre quei 500 morti al giorno circa che ci vengono ricordati quotidianamente. Ma lo scorso anno - per dire - quanta gente (soprattutto anziana) soccombeva quotidianamente per influenza, bronchiti, polmoniti o patologie considerate purtroppo “consuete”, “accettate” o quel che volete voi? Come dire: i morti c’erano, ma non li si contava nè li si dichiarava ogni giorno in apertura del TG? E’ un dubbio che mi viene, dopo aver visto negli anni 70 MOLTE autopsie di deceduti per complicanze influenzali.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 16/01/2021 - 15:51

E' stata sostituita dal coronavirus.

fabioerre64

Sab, 16/01/2021 - 17:03

Ma come non sapete che al mondo c'é una sola e unica malattia? Le altre sono sparite

Ritratto di sr2811

sr2811

Dom, 17/01/2021 - 14:09

Non mi sembra che sia sparita solo l'influenza adesso in italia si muore solo di covid. della serie: se uno muore dopo il vaccino è dovuto alle malattie pregresse, se uno muore positivo è stato il covid e non per le malattie pregresse...