Loggia P3, condanna a 6 anni e mezzo per Carboni

Per giudici l'associazione segreta denominata P3 è esistita. Condannati Flavio Carboni e Arcangelo Martino. Assolto Denis Verdini

Loggia P3, condanna a 6 anni e mezzo per Carboni

L'uomo d'affari Flavio Carboni, 86 anni, è stato condannato a sei anni e mezzo di reclusione per aver dato vita ad una associazione che violava la legge Anselmi sulle società segrete. Si tratta, nella fattispecie, della cosiddetta Loggia P3. I giudici della nona sezione penale del Tribunale di Roma hanno condannato anche l'imprenditore Arcangelo Martino, a 4 anni e 9 mesi. L'ex senatore Denis Verdini invece è stato assolto dalla stessa accusa ma condannato a 1 anno e 3 mesi più una multa di 600mila euro per finanziamento illecito.

Tra i condannati (a un anno e 10 mesi), anche il presidente di un consorzio, Pinello Cossu, e Ignazio Farris, nominato direttore generale dell’Arpa, nomina che, secondo i pm, essendo avvenuta in violazione dell’articolo 19 della legge della Regione Sardegna n.6/2006, avrebbe rappresentato un "ingiusto vantaggio patrimoniale" per lo stesso Farris e "un danno per chi aspirava alla stessa carica". Il tribunale ha dichiarato Carboni e Martino interdetti dai pubblici uffici per 5 anni: i due imputati, assieme a Cossu e Farris, sono stati dichiarati anche incapaci a contrattare con la pubblica amministrazione per un certo periodo.

Per quanto riguarda i reati non legati all'associazione per delinquere, l'ex sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, è stato condannato alla reclusione di 10 mesi per diffamazione e violenza privata per. Due anni, invece, all'ex presidente della Cassazione, Vincenzo Carbone, per abuso d'ufficio.

Tra gli imputati che, a seconda dei reati contestati, sono stati prosciolti per intervenuta prescrizione, o sono stati assolti da ulteriori episodi indicati nel capo di imputazione, ci sono anche Alessandro Fornari, Fabio Porcellini, Antonella Pau, Maria Laura Scanu Concas, Pierluigi Picerno, Marcello Garau, Stefano Porcu e Massimo Parisi. Prescrizione anche per l'ex governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci. Per Pasquale Lombardi e Giuseppe Tomassetti il tribunale ha dichiarato il non doversi procedere perché i due sono deceduti e i reati loro attribuiti si sono estinti.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...