L'ostia portata in Chiesa col drone. Scoppia la polemica

In una Chiesa del Brasile l'ostia viene portata all'altare attraverso l'utilizzo di un drone. Il video diviene virale e scoppia la polemica

Un'ostia attaccata a un drone, che viaggia dall'ingresso sino all'altare di una Chiesa in Brasile. Questa è l'ultima "novità" o "trovata" liturgica di cui raccontano le cronache ecclesiastiche.

Il fatto è avvenuto in questi giorni nella parrocchia di São Geraldo Magela, nell'arcidiocesi di Sorocaba. Il filmato è diventato sin da subito virale sul web e sui social network. Una donna e un pilota, come si vede nel video, accompagnano l'ostensorio agganciato all'oggetto volante radiocomandato. La procedura, che non sembra semplice, è soggetta a più di una interruzione. Tra gli applausi scroscianti dei fedeli, le grida festanti e le musiche sacre, i due "accompagnatori" riescono, non senza difficoltà, a far arrivare il Santissimo nelle mani del sacerdote, il quale poi innalza l'ostensorio quasi mediante un gesto di vittoria per la riuscita del tutto.

L'atipicità di quanto accaduto non è passata inosservata. Padre Zezinho, un noto sacerdote brasiliano, ha criticato questa iniziativa mettendo in rilievo la perdita di sacralità a cui sarebbero sottoposte le celebrazioni liturgiche: "Droni che portano il Santissimo, sacerdoti vestiti con tuniche arcobaleno, che si spostano nella navata sui pattini, che ballano il reggae, che portano il cappello mentre predicano, con dieci turiboli che entrano all’offertorio, sacerdoti che aspergono i fedeli con una fontanella da giardino, che celebrano scalzi, che entrano in chiesa con la maglietta dei Corinthians o del sindacato e indossano la tonaca sopra a questa", ha esordito, come si legge su Aleteia, l'uomo di Chiesa in modo esterrefatto.

La tradizione, per padre Zezinho, va invece mantenuta in quanto "positiva" e la scelta di attaccare le ostie consacrate a un drone farebbe parte di quel processo di desacralizzazione iniziato tempo fa all'interno del cattolicesimo. Polemiche, insomma, suscitate da un modo di "trasportare" un ostensorio che non si era mai visto prima.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Sab, 07/04/2018 - 14:00

si,si però col piffero che i preti mollino il ...vino!!!