La luce che arreda: ecco i mobili d'atmosfera al Led

Durante Salone del Mobile 2014 il design italiano presenta un nuovo modo per illuminare le abitazioni creando atmosfere particolari nei diversi ambienti. E sono eco-sostenibili. Flou ha allestito tre appartamenti con la nuova linea Natevo nelle residenze Hadid del nuovo quartiere di Citylife

La luce che arreda: ecco i mobili d'atmosfera al Led

La sfida del design made in Italy che fonde bellezza, funzionalità ed eco-sostenibilità conquista la scena della manifestazione milanese ottenendo ampi consensi. Letti, materassi, guanciali, guardaroba, biancheria, ma non solo. Flou, azienda leader nel settore dell’arredamento a livello internazionale, è davvero intenzionata a stupire il Salone del Mobile 2014 proponendo un concetto innovativo d’illuminazione d’ambiente. La luce e i mobili si fondono in un perfetto connubio nella collezione Natevo, un progetto lanciato un anno fa che grazie anche alla visibilità procurata dalla kermesse ha già affascinato numerosi visitatori amanti dell’originalità.

La linea è costituita da oggetti d’arredo e mobilio con luce al Led integrata, che consentono di prescindere dal consueto impianto d’illuminazione centrale delle stanze, dalla cucina, al soggiorno, allo studio, alla zona notte. L’impatto è molto suggestivo: le geometrie decise di librerie, armadi, tavoli e letti a baldacchino rivisitati in chiave moderna sono avvolti dal soffuso chiarore proveniente dai tubolari che vi sono inseriti, evocando la sensazione di un’atmosfera delicata e rilassante. Con un ulteriore beneficio non indifferente: quello della riduzione dei costi, poiché questo apparato di luci nel contesto domestico consente un notevole risparmio sul consumo energetico, dunque apprezzabili vantaggi economici che si sposano con l’attenzione ai problemi ecologici.

Eleganza e raffinatezza, unite a genialità e audacia sono le specifiche di queste creazioni, e, per l’esposizione della Fiera, Flou ha interamente allestito con questa tipologia d’arredo tre appartamenti, avvalendosi di tre distinti studi di architettura che hanno adoperato la medesima tecnica d’illuminazione. Sono aperti al pubblico nel complesso residenziale del nuovissimo quartiere milanese di City Life, poco distante dal centro storico.

Commenti