Macerata, nascondono l'eroina nelle confezioni dei mini Mars: tre persone arrestate

Nell'ambito di un massiccio controllo, i carabinieri hanno individuato un traffico illecito che avrebbe potuto fruttare fino a 400mila euro. La droga era stata nascosta sia nelle confezioni degli snack, sia negli slip di uno dei fermati

All'apparenza sembravano normali confezioni di mini Mars, la versione mignon dei celebri snack al cioccolato. Ma in realtà, al loro interno, erano stati nascosti degli ovuli contenenti eroina pura, pronta per essere venduta e spacciata a chiunque la richiedesse. È accaduto a Macerata dove, in queste ore, i carabinieri, effettuando una serie di massicci controlli su strada, hanno scoperto il traffico illecito e hanno arrestato (in flagranza di reato) tre persone, a bordo di una Bmw scura. Nelle ultime ore, infatti, sono state 130 in tutto le persone controllate dai 30 miltari impiegati sulla costa, in un articolato dispositivo con posti di blocco che monitoravano la zona compresa tra la città di Macerata e la costa civitanovese, fino a Porto Recanati (zona in cui sono stati indivudati i tre fermati).

La scoperta del traffico

Secondo quanto riportato da Skytg24, durante uno degli accertamenti su strada, all'altezza di Rione Le Grotte, vicino a Porto Recanati, nel Maceratese, una coppia della provincia e un cittadino di origini pachistane sono stati fermati per alcune verifiche. È emerso che i tre avevano tutti precedenti per stupefacenti, ma non solo: la perquisizione, infatti, ha profilato un traffico ben articolato. Una delle tre persone nascondeva un involucro con una dozzina di grammi di droga nello slip, ma la scoperta più importante si è concretizzata spostando i sedili dell'automobile.

L'eroina nei mini Mars

In base a quanto ricostruito, ai piedi del sedile posteriore, sotto diversi cartoni di latte, era nascosto un sacchetto della spesa. Al suo interno erano riposte sette confezioni da 18 pezzi dello snack al cioccolato e al caramello. Una delle confezioni, però, era aperta e il contenuto ha attirato l'attenzione dei militari che, approfondendo, hanno individuato la sostanza stupefacente sparsa in altri imballaggi. All'interno, infatti, del cioccolato non c'era traccia ma un'altra sostanza.

Gli esami e i risultati

Dagli accertamenti effettuati dalle forze dell'ordine, in seguito, è arrivata la risposta: dentro alle confezioni dei cioccolatini erano contenuti ovuli con quasi 17 grammi di eroina pura ciascuno. In tutto i carabinieri hanno individuato 126 ovuli, per un totale di più di due chili di sostanza. Dalle forze dell'ordine è stato stimato che lo stupefacente, eroina di tipo "brown sugar", risultato di qualità di pregio, avrebbe fruttato circa 400mila euro nella vendita al dettaglio.

Che cos'è l'eroina "brown sugar"

Secondo alcuni, l'eroina così definita "da strada" può essere classificata secondo quattro gradi di purezza. Il primo e il secondo grado sarebbero forme grezze di sostanza, mentre il terzo grado corrisponderebbe alla "brown sugar" (o all'eroina al limone), quella rinvenuta nelle confezioni di mini Mars, più adatta a essere fumata. Il quarto grado, invece, indicherebbe l'eroina bianca, quella più spesso utilizzata da iniettare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Sab, 28/12/2019 - 09:25

anche un cittadino pachistano non erano forse già sufficienti quelli che vengono dall'africa.