Maratea, fidanzati campani sorpresi a imbrattare la statua di Cristo

I due sono stati denunciati dalla polizia locale con l'accusa di danneggiamento

È una statua analoga a quella di Rio de Janeiro quella di Cristo Redentore che, in cima al Monte San Biagio, sovrasta la città di Maratea, un Comune in provincia di Potenza, in Basilicata. È la statua più alta d’Europa con i suoi ventuno metri d’altezza, tutta in marmo di Carrara. Una vera e propria attrattiva turistica nel Sud Italia. Purtroppo, però, è balzata agli onori della cronaca perché due fidanzati campani hanno deciso di imbrattarla. I due sono stati sorpresi a scrivere sulla statua. Sono stati identificati e denunciati dalla polizia locale con l'accusa di danneggiamento.

Il monumento, tra l'altro, è stato ripulito poco tempo fa con un intervento particolarmente oneroso e pericoloso a causa della sua posizione disagiata. Dure le parole dell'amministrazione comunale sull'accaduto. "Va bene essere romantici, per carità, ma il grave danno che costoro arrecano imbrattando un monumento, una chiesa, o un qualsiasi bene pubblico è inaccettabile - è scritto in una nota del Comune che continua - mai a immaginare che in un momento carico di romanticismo sull'incantevole Costa di Maratea i due potessero tirare fuori un pennarello e insozzarne le vesti del Redentore, invece di un bacio al tramonto sul mare".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Divoll

Ven, 10/08/2018 - 00:54

Considero i graffitari e i tag-writer alla stregua di veri e propri criminali. Dovrebbero essere trattati come tali e costretti non solo a pagare i danni, ma anche a ripulire di persona i muri, le fontane e i monumenti che imbrattano. E' un danno, sia d'immagine che economico, arrecato a tutta la citta', quindi a tutti i suoi cittadini.