Calabria, proteste per i migranti positivi: scende in campo l'esercito

I militari sono stati incaricati di presidiare la struttura di Amantea in cui sono ospitati i 13 bengalesi affetti da Covid-19. Altri 5 minori in isolamento a Roccella Jonica

I manifestanti per le strade di Amantea

In Calabria, contro la nuova emergenza legata ai migranti affetti da Covid-19, scende in campo l'esercito.

I militari di stanza a Cosenza, inizialmente ingaggiati per l'operazione Strade sicure, presidieranno 24 ore su 24 la struttura di Amantea in cui ieri sono stati trasferiti 13 migranti di nazionalità bengalese (e non pakistana come comunicato in un primo momento) risultati positivi dopo i test.

L'inizio della crisi

La crisi si è aperta sabato notte, con l'arrivo a Roccella Jonica, nella Locride, di 70 migranti, 26 di questi affetti da Coronavirus. I 13 migranti dislocati ad Amantea hanno scatenato le proteste dei residenti che, per ore, hanno bloccato la Statale 18 in segno di protesta. Altri otto migranti sono stati alloggiati a Bova Marina, mentre 5 minori sono rimasti a Roccella.

Questa mattina molti cittadini di Amantea hanno continuato a manifestare davanti al municipio per chiedere il trasferimento dei migranti.

Subito dopo, i commissari che attualmente guidano il Comune e i componenti della task force dell'Asp hanno incontrato i residenti in un teatro che, da qualche tempo, ospita alcuni uffici del municipio. Durante il vertice, i manifestanti, dopo aver ribadito la loro contrarietà alla soluzione individuata dal ministero, hanno annunciato di voler presentare una denuncia alla Procura di Paola.

“Non ci basta – ha detto uno dei cittadini rivolgendosi ai commissari – che la struttura venga blindata, chiediamo che siano curati altrove. Vogliamo sicurezza per noi e per loro. In due giorni abbiamo avuto un crollo economico, viviamo di turismo e questa situazione ci ha già penalizzato fortemente".

L'arrivo dell'esercito

La decisione di schierare l'esercito è arrivata ieri sera dopo una riunione in Prefettura a Cosenza, convocata anche per fare il punto sulle tensioni che si sono scatenate ad Amantea dopo l'arrivo dei migranti.

I militari che sorvegliano i 13 bengalesi hanno avuto regole d'ingaggio precise, tra cui quella di non consentire l'uscita dei migranti dal centro. Solo il personale medico e quello incaricato di garantire il vettovagliamento potrà accedere alla struttura. Eventuali “criticità”, come comunicato dalla Prefettura, determineranno lo spostamento immediato dei contagiati nelle strutture ospedaliere individuate dall'Asp di Cosenza.

Intanto, i cinque minori non accompagnati sbarcati sabato sera e rimasti a Roccella sono stati messi in isolamento nella stessa struttura in cui sono ospitati altri 15 ragazzi. Il Comune ha già fatto sapere che il monitoraggio sullo stato di salute dei 20 minori ha confermato l'“assenza di sintomi rilevanti per la diagnosi della infezione da Covid-19”.

Nella cittadina della Locride non mancano però i disagi. Tutte le persone che hanno partecipato alle operazioni di accoglienza sono state infatti poste in regime di quarantena fiduciaria. In totale sono sei le ordinanze emesse dal sindaco Vittorio Zito per i residenti nel territorio comunale. Zito ha fin da subito ribadito la necessità di “garantire la piena dignità di esseri così fragili”. Ma i residenti delle località scelte per accogliere i migranti positivi al virus sembrano molto preoccupati. Tensioni si sono registrate anche a Bova Marina, ma l'amministrazione comunale guidata da Saverio Zavettieri finora è riuscita a contenere il malcontento.

Lo scontro nazionale

Il caso calabrese ha infiammato la polemica nazionale. E se Matteo Salvini ha attaccato (“il governo mette in pericolo l'Italia”), non meno dura è stata la governatrice calabrese, Jole Santelli, che proprio ieri ha lanciato il suo ultimatum al premier Conte: “Intervieni o blocco gli sbarchi”.

Un concetto che la presidente della Regione ha ribadito anche oggi dalle colonne del Corriere della Sera: “Lo Stato ha il dovere morale di proteggere chi ha lottato contro il virus, e ora che ci sta riuscendo si trova esposto al rischio di un'ondata di ritorno gravissima. Non è questione di ideologie, non c'è destra o sinistra su queste cose. Non possiamo essere invasi”.

Una preoccupazione, quella di Santelli, condivisa anche dal Pd calabrese, per mezzo delle parole del suo capogruppo in Regione, Domenico Bevacqua, che però chiede di evitare strumentalizzazioni “scaricando sul governo nazionale le responsabilità”.

Netto il giudizio dell'assessore regionale al Welfare Gianluca Gallo (Fi), secondo cui “a fronte della giusta fermezza del presidente Santelli e della giunta regionale, nonostante l’oggettiva gravità del problema, si registra un atteggiamento pilatesco da parte di Pd e M5S, all’opposizione in Calabria ma al governo a Roma e forse per questo sospesi tra un insostenibile tentativo di addossare alla Regione responsabilità altrui e un incredibile silenzio nei riguardi dell’esecutivo Conte, cui sono invece riconducibili sia le competenze in ordine alla tutela dei confini sia quelle legate all’emergenza sanitaria”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 13/07/2020 - 12:15

Non mi e' chiaro se per evitare che i clandestini scappino oppure (piu' probabile) per evitare che gli italiani arrabbiati rimangano in piazza.

SemprePiùBasito

Lun, 13/07/2020 - 12:17

Quindi siamo ritornati ai tempi dei Nazisti dove gli Italiani sono da trattare come bestie e i clandestini da difendere con l'Esercito. Ottimo direi per invogliare la gente a scendere veramente in piazza.

capi_tan_iglu

Lun, 13/07/2020 - 12:19

L'esercito dovrebbe pattugliare le frontiere contro gli immigrati illegali che ci vengono scaricati da ONG tedesche e olandesi o che ci vengono inviati da Slovenia, Croazia e Francia. Invece cosa fa lo Stato (dove in teoria lo Stato dovremmo essere noi cittadini)? Usa l'esercito contro i propri cittadini: vergogna!

oracolodidelfo

Lun, 13/07/2020 - 12:20

Mi auguro che l'Esercito si schieri a fianco dei calabresi.

uberalles

Lun, 13/07/2020 - 12:26

Il sindaco ZITO, meglio avrebbe fatto a restare fermo e ZITTO

jaguar

Lun, 13/07/2020 - 12:37

Salvini fa bene a soffiare sul fuoco, sarebbe ora di finirla con sti migranti e l'esercito deve essere usato in altri ambiti.

gianf54

Lun, 13/07/2020 - 12:54

Logicamente, l'Esercito è stato schierato CONTRO le proteste degli Italiani....

Malacappa

Lun, 13/07/2020 - 12:54

L'esercito ITALIANO deve difendere e proteggere la patria e gli italiani no gli invasori

justic2015

Lun, 13/07/2020 - 13:06

L'esercito dovrebbe essere impegnato per proteggere il paese e i cittadini, mentre e impegnato di proteggere gente che arriva da ogni angolo del pianeta paese vergognoso.

paco51

Lun, 13/07/2020 - 13:13

è normale l'esercito contro di noi! l'esercito non sarà mai con il popolo!visto il governo che c'è!

igiulp

Lun, 13/07/2020 - 13:32

Ahhhh. Ecco i pieni poteri....... Si sta preparando per questo autunno, quando le piazze saranno piene di gente in protesta. Con mascherine e anche senza. Il capogruppo regionale del PD poteva almeno starsene zitto. Con due frasi ha detto tutto e il suo contrario. Anche lui della stessa scuola.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 13/07/2020 - 13:33

Fanno una mobilitazione generale per "tutelare" quattro gatti mentre un esercito di invasori, nessuno ha chiesto loro se per favore volete venire in Italia e se sì gradirei sapere chi fosse stato, sta "remando" a spron battuto per abbordare i lidi italici.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 13/07/2020 - 14:12

Devono protestare non solo per quelli positivi, ma per tutti quegli arroganti che sfidono noi italiani. Ma se io dovessi andare anche in Australia e sapessi che mi guarderebbero male, ma io non ci andrei per niente. Invece loro no, sono cocciuti ed a me da proprio fastidio.

agosvac

Lun, 13/07/2020 - 14:21

Speriamo che, almeno, l'esercito che non dipende dalla signora Ministro Lamorgese, riesca a tenere i fasulli all'interno delle strutture senza mettere a rischio i cittadini italiani. Quello che non si riesce a capire è perché si fanno entrare tutti questi fasulli in Italia.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 13/07/2020 - 14:44

Non mi è chiaro come l'esercito impedirà ai CLANDESTINI INFETTI di uscire dal centro:con le armi? Con le arti marziali? Con le cerbottane oppure con semplici moniti tipo "cattivelli,guai a voi se uscite.....Visti i precedenti e l'incompetenza ed arroganza sinistra,ho un brutto presentimento.

cgf

Lun, 13/07/2020 - 15:28

Che siano trasferiti a Capalbio

Ritratto di cuoreitaliano

cuoreitaliano

Lun, 13/07/2020 - 15:53

Le proteste non bastano . Blocchi navali di terra e di aria! Non devono piu entrare!

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 13/07/2020 - 15:57

Povere risorse sono in quarantena e non possono lavorare e versarvi i co tributi Inps. Come saranno addolorati e tristi

ST6

Lun, 13/07/2020 - 16:06

Santelli: FATTI, non chiacchiere.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 13/07/2020 - 16:08

ADESSO IMPESTERANNO ANCHE I MILITARI SE NON USANO METODI CONVINCENTI E NON PAROLE..

Indifferente

Lun, 13/07/2020 - 16:31

Stamane leggevo di 200 persone in strada per protestare. Duecento? Soltanto? Citofonate a tutto spiano, coinvolgete tutti, fate sentire alle c.d. istituzioni la voce del popolo. Civilmente, ordinatamente ma sempre con ferma risolutezza. Lasciate pure che inviino l'esercito. Sono al più duecentomila contro 60 milioni..non vanno lontano..

Ritratto di adl

adl

Lun, 13/07/2020 - 16:45

Molti avevano capito che l'impostura dittatoriale dell'Africa in Italy, riguardasse "solo" gente disperata, ora che è sceso in campo l'esercito, sappiamo che ci vogliono imporre l'Africa covidata in Italy.

Calmapiatta

Lun, 13/07/2020 - 16:56

Ormai è un'abitudine. Poichè la così detta "società civile", come piace tanto chiamarla ai radical chic, non riesce proprio a prendere atto della realtà e a governarla, si ricorre all'esercito. A uomini e donne, cittadini italiani, che vengono "usati" per le più svariate esigenze, per essere poi ringraziati a suon di pernacchie, sempre dai citati radical chic, rigidamente antimilitaristi...Che paese!

Ritratto di sr2811

sr2811

Lun, 13/07/2020 - 17:11

il problema è che qualcuno continua a votarli...

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 13/07/2020 - 17:12

Le proteste verranno sedate con le forze dell'ordine o si placheranno da sole? La cosa certa è che i clandestini saranno sempre salvaguardati,mentre i comuni cittadini dovranno buttare giù boccini amari.

Ritratto di sr2811

sr2811

Lun, 13/07/2020 - 17:13

Questo è solo l'inizio, se questo governo resta ancora 1 anno farà più danni della grandine...

Ritratto di sr2811

sr2811

Lun, 13/07/2020 - 17:16

le proteste vanno fatte non solo per il covid ma per gli arrivi di questa marmaglia umana senza nessun controllo, aspettiamo di essere in minoranza per fare qualcosa, Italiani svegliaaaa non parliamo solo di calcio, i problemi sono questi.

Caiofabius

Lun, 13/07/2020 - 17:22

Non possiamo accogliere tutti !!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 13/07/2020 - 18:58

sr2811 Lun, 13/07/2020 - 17:16 Purtroppo le masse sono state sedate e continuano a dormire. Con lo stato d'emergenza sanitaria e l'assunzione dei pieni poteri Conte sa dove vuole parare.

FracazzoDaVelletri

Mar, 14/07/2020 - 16:00

Prendiamo esempio dai Calabresi scendiamo tutti in piazza a protestare sia x questo governo che per questa assurda e pericolosa invasione...Italiani svegliatevi il tempo delle mele è finito da un pezzo!!!

FracazzoDaVelletri

Mar, 14/07/2020 - 16:05

Ma io mi domando ...ma perche siamo cosi pecoroni l'unico popolo su questa terra che subbisce questi abusi senza reagire...solo chiacchiere questo sappiamo fare