Rubava le fedi nuziali: preso ladro a Napoli

Rapinava gli automobilisti bloccati nel traffico, le sue vittime colpite dell'insolito dettaglio hanno indirizzato l'indagine su un 43enne di Scampia

Rubava le fedi nuziali: preso ladro a Napoli

Era diventato l’incubo degli automobilisti: preso il rapinatore seriale del traffico, tradito da un curioso e difficilmente trascurabile dettaglio, l’essere quasi completamente senza denti.

Il bandito sdentato colpiva nel traffico di Napoli, approfittando degli incolonnamenti e dello scarso margine di manovra che gli automobilisti avrebbero potuto avere. In sella a un potente scooterone su cui viaggiava insieme alla figlioletta di appena quattro anni, si avvicinava alle auto delle vittime e brandendo una pistola si faceva consegnare soldi e gioielli. Sotto la minaccia delle armi sottraeva alle vittime specialmente fedi nuziali d’oro che avrebbe potuto, evidentemente, monetizzare con estrema facilità.

Era da mesi che i carabinieri gli stavano dando la caccia e, grazie alle telecamere che ne avevano filmato le discutibilissime gesta, finalmente hanno avuto una pista da seguire e che portava direttamente a un 43enne, a loro già noto, di Scampia. La certezza che si trattasse di lui, i militari l’hanno avuta confrontando le immagini ai resoconti delle vittime del rapinatore seriale. Ma, soprattutto, grazie al fatto che l’indiziato fosse soprannominato negli ambienti da lui frequentati come ‘o scugnato, termine che in dialetto partenopeo indica, appunto, lo sdentato. Una circostanza che è suonata come la conferma dei loro sospetti.

Per gli inquirenti c’erano abbastanza elementi per incastrarlo. E così i carabinieri e la Procura hanno ottenuto dal giudice per le indagini preliminari di Napoli l’ordine di custodia cautelare in carcere a carico dell’uomo. Il rapinatore sdentato è finito al carcere di Poggioreale. È indagato per rapina aggravata ed evasione.

Le indagini proseguono. I carabinieri vogliono verificare quante rapine siano riconducibili al bandito sdentato di Scampia. L'ipotesi è che l'uomo possa aver messo a segno anche altri colpi approfittando del traffico di Napoli.

Commenti