Nigeriano senza biglietto in metro picchia i vigilantes

È successo a Napoli, le guardie giurate erano intervenute per calmare il 19enne furibondo con i controllori. Se l'è cavata con una denuncia

Nigeriano senza biglietto in metro picchia i vigilantes

Prende a calci e pugni le guardie giurate perché gli volevano impedire di prendere la metropolitana, dato che non aveva comprato il biglietto. È successo a Napoli e il protagonista della vicenda, un 19enne nigeriano, se l’è cavata con una denuncia.

L’episodio è avvenuto nella mattinata di ieri alla stazione periferica della metro di Piscinola quando i due vigilantes hanno chiesto al ragazzo, senza biglietto, di allontanarsi. Il giovane, però, aveva deciso che con o senza tagliando, avrebbe preso la metropolitana. E per imporre le sue (sballate) ragioni ha aggredito fisicamente i due agenti che avevano l’unica e imperdonabile colpa di fare solo il proprio dovere.

Le guardie erano intervenute perché, essendogli impossibile entrare senza biglietto, il 19enne aveva cominciato a inveire contro il personale della stazione della metro, prendendosela con gli operatori e gli addetti che inutilmente cercavano di spiegargli perché non poteva avere accesso ai treni. Volevano calmarlo e ricondurlo alla ragione, ma appena ha visto che i vigilantes si stavano avvicinando, li ha aggredito a calci e pugni.

Nel frattempo sono arrivati i carabinieri che hanno ricondotto il ragazzo a più miti consigli. Identificato, il 19enne è stato denunciato. Non è andata altrettanto bene ai due vigilantes che, come riporta Il Mattino, hanno dovuto far ricorso alle cure dei medici e dei sanitari dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Le loro condizioni, per fortuna, sembrano tutt’altro che preoccupanti. Se la sono cavata con una prognosi di cinque e di sette giorni.

Commenti