Non desiderare l'attrezzatura d'altri

Non desiderare l'attrezzatura d'altri

Tante sciocchezze ci raggiungono, tra messaggi e mail di conoscenti e sconosciuti che si ritengono spiritosi, in moderne catene di Sant'Antonio. Tra tutti, questo merita di essere letto: «Dedicato alle donne intelligenti».

Anche se non pratica del lago, la moglie decide di uscire in barca. Accende il motore e si spinge ad una piccola distanza; spegne, butta l'ancora e si mette a leggere il suo libro. Arriva una guardia forestale in barca. Si avvicina e le dice:

«Buongiorno signora, che cosa sta facendo?».

«Sto leggendo un libro» (pensando «non è ovvio?!»).

«Lei si trova in una zona di pesca vietata, aggiunge la guardia».

«Mi dispiace agente, ma io non sto pescando, sto leggendo».

«Sì, ma ha tutta l'attrezzatura. Per quanto ne so potrebbe iniziare in qualsiasi momento. Devo portarla con me e fare rapporto».

«Se lo fa, agente, dovrò denunciarla per molestia sessuale».

«Ma non l'ho nemmeno toccata!».

«Vero, ma possiede tutta l'attrezzatura. Per quanto ne so potrebbe iniziare in qualsiasi momento».

Morale: mai discutere con una donna che legge: è probabile che sappia anche pensare. Invia questo messaggio a 4 donne pensatrici. Se lo ricevi sai di essere intelligente.

Ps. Aggiungo che ora una donna intelligente sa come evitare le multe. Legge in uno sguardo una minaccia. E il nono comandamento la conforta: non desiderare la donna d'altri.